Venerdì, 20 Settembre 2019  
                                                   

Cerca:  

 

Compagnia Totò, sino all’8 gennaio 2012

al Teatro San Ferdinando

Servizio di Maurizio Vitiello

Napoli - Domenica 25 dicembre alle 21.00 c’è stata l’Anteprima per la città dello spettacolo dedicata al pubblico del quartiere del San Ferdinando in occasione del Natale, ma noi vi raccontiamo la “prima”. “Una messa laica in memoria di Totò” così il regista Giancarlo Sepe definisce il suo Compagnia Totò lo spettacolo con Francesco Paolantoni e Giovanni Esposito, prodotto da Fondazione Campania dei Festival/Teatro Stabile di Napoli/Gli Ipocriti, che da lunedì 26 dicembre ha aperto il cartellone del Teatro San Ferdinando, dove resterà in scena sino a domenica 8 gennaio 2012.

Con Francesco Paolantoni e Giovanni Esposito recitano Pino Tufillaro e Carmine Borrino, Virginia Da Brescia, Giovanni Del Monte, Andrea Di Maria, Antonio Marfella, Gianluca Merolli, Alfonso Postiglione, Autilia Ranieri, Giampiero Schiano, Arduino Speranza.
Scene e costumi di Carlo De Marino; musica a cura di Harmonia Team; disegno luci di Umile Vainieri.
Tutti si danno, tutti vogliono dare qualcosa, tutti vogliono rintracciare Totò, la sua dimensione, ormai mitica.
E’ il primo appuntamento della Stagione del teatro di Piazza Eduardo De Filippo, lo spettacolo-omaggio all’arte del grandissimo Totò, qui al suo debutto nazionale, che ha inaugurato il cartellone ricco di titoli di drammaturgia napoletana di tradizione e contemporanea, da Eduardo a Ruccello sino a Moscato, che punta a rivalutare la storica sala, tempio partenopeo eduardiano, alla sua vocazione di teatro popolare.
Nelle note dello spettacolo si legge, tra l’altro: Compagnia Totò  è una messa laica in memoria di Totò: c´è chi ne parla, chi ne ripercorre le mimiche, i temi, i vezzi, le disarticolazioni, gli atti e le parole poetiche, le canzonette e i lazzi. C´è il fine dicitore che officia e che educa all´arte del nostro eroe, senza riuscirvi, ma con forza dissacrante e comica. Totò non c´è più, ma è qui negli sguardi di chi lo commemora, di chi lo ricorda e di chi se lo sogna tutte le notti, in un atto d´amore perenne che è quello di divertire la gente.”
Totò nacque il 15 Febbraio 1898 e se ne è andato 15 Aprile 1967; fu registrato col nome della madre, che, poi, più tardi, nel 1921, sposerà il marchese Giuseppe de Curtis, che lo riconoscerà.
Il suo sguardo è sulla meraviglia umana che lo circonda, supera le miserie del mondo e della povertà; supera con la dedizione al teatro e, poi, al cinema.
Si arruola a 19 anni, e nel 1919 è già in palcoscenico alla sala Napoli, e poi al Trianon; nel 1922 lascia Napoli dopo un insuccesso e raggiunge Roma, dove debutta all´Ambra Jovinelli, esplodendo finalmente.
Nel 1926 calca i palcoscenici della rivista e, dal 1933 al 1940, gira l´Italia con la sua compagnia, che scioglie proprio a Roma, al Quattro Fontane, dove recita con la grande Anna Magnani.
In scena al teatro San Ferdinando, gli attori sono motivati a ricordarlo, c’è una mania-totò, perché il radicamento della memoria è stabile.
Tanti giovani conoscono Totò, lo credono tra noi, perché è vivo tra noi.
Oggi, al San Ferdinando, si ritrovano i racconti accentati dalle mani e virgolettati dal movimento della fronte, movimenti questi prestati da altri, ma con la voglia di vivere Totò.
La città che vuole ricordare Totò è una città viva, nonostante le cadute; ancora c’è umanità, quella che sottopelle l´artista sentiva, indagava, rimetteva in gioco.
Totò vive come icona, Napoli tenta di non diventare simulacro.

 

 

Info:

tel. 081.5524214 | Biglietteria tel. 081.5513396 | tutto su www. teatrostabilenapoli.it

Orario spettacoli: feriali ore 21.00; festivi ore 18.00; mercoledì ore 18.00.

Venerdì 30 e sabato 31 dicembre riposo.

 

(27 dicembre 2011)


© RIPRODUZIONE RISERVATA













Morto Arnoldo Foà, aveva 98 anni: protagonista del ´900 dal teatro alla tv

L´actualité du mois et le programme des Théâtres Parisiens Associés Venez découvrir les pièces des Theatresparisiensassocies.com !

Venezia - HEDDA GABLER di Henrik Ibsen AL TEATRO GOLDONI DI VENEZIA | 8-12 gennaio 2014þ con Manuela Mandracchia, Luciano Roman, Jacopo Venturiero, Simonetta Cartia,Federica Rosellini, Massimo Nicolini, Laura Piazza