Domenica, 15 Dicembre 2019  
                                                   

Cerca:  

 

L´intramontabile magia di Napoli nella straordinaria voce di Valentina Stella

Nel Cortile del Maschio Angioino platea folta per il recital "´Nu penziero"

Servizio di Anita Curci

 

Napoli – Aspettative non deluse al Maschio Angioino. La cantante napoletana Valentina Stella, all´apice del suo meritato successo, interprete perfetta di una cultura palpitante di vitalità e di storia, ha confermato ancora una volta, nel cuore dell´amato pubblico, la sua sublime capacità artistica.

Insieme a lei cantavano gli uccelli, come incantati dal ricamo di una voce poetica che, audacemente senza microfono, ha intonato i versi di "Era De Maggio", seminando emozioni e nuovi entusiasmi.

"´Nu penziero" il recital inserito nella seconda edizione della rassegna culturale Ghetto Nobile, promossa dall´Associazione Jesce Sole quest´anno concentrata sul mondo della donna.  Due serate, 5 e 6 settembre, dedicate al binomio "provocazione e tradizione femminile", presentate da Roberto Azzurro che, tra un live e l´altro, ha interpretato monologhi sul tema in oggetto.
Nella prima serata c´erano stati gli Zaionair & The Sleeping Cell, seguiti dal concerto di Maria Pia De Vito, mentre nel secondo appuntamento l´esibizione degli Amusa Projet, quindi l´atteso recital di Valentina Stella avvalso della regia di Claudio Niola e della coreografia di Elckjaer Franco Bono.
"Quando canto ho la fortuna non solo di emozionarmi con la musica, ma di poter trasmettere agli altri la grande gioia che provo", queste le parole di Valentina Stella che scegliendo per il suo spettacolo autori amati, come Raffaele Viviani, Eduardo, Enzo Gragnaniello, Pino Daniele, Rino Giglio, Nino D´Angelo, Alfredo Venosa, Vittorio e Antonio Annona, ha dimostrato, attraverso una interpretazione pregna di amore e di magia, quanto sia autentica la sua affermazione.
Oltre ad essere un omaggio a grandi interpreti (Sergio Bruni, Roberto Murolo, Edith Piaf, Cesaria Evora), la sua esibizione è stata anche uno sperimentarsi con brani inediti, tra gli altri la traduzione napoletana de "La vita è bella" realizzata da Bruno Tabacchini.
In scena 9 musicisti, tra cui Pino Tafuto al quale va il merito degli apprezzabili arrangiamenti.
Durante un breve intervallo, l´intervento di un attore fantasista, Adriano Falivene e della giovane cantante Viviana De Angelis.
Tra il pubblico personaggi autorevoli tra cui la figlia di Totò, Liliana De Curtis. 

(8 settembre 2011)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




    TUFANO ELETTRODOMESTICI








Morto Arnoldo Foà, aveva 98 anni: protagonista del ´900 dal teatro alla tv

L´actualité du mois et le programme des Théātres Parisiens Associés Venez découvrir les pièces des Theatresparisiensassocies.com !

Venezia - HEDDA GABLER di Henrik Ibsen AL TEATRO GOLDONI DI VENEZIA | 8-12 gennaio 2014ž con Manuela Mandracchia, Luciano Roman, Jacopo Venturiero, Simonetta Cartia,Federica Rosellini, Massimo Nicolini, Laura Piazza