Venerdì, 24 Gennaio 2020  
                                                   

Cerca:  

 

La classe e l’eleganza di Paola Gassman danno il via alla stagione artistica del Teatro Orazio di Napoli

Grande successo con Frau Mozart, in scena fino all’11 novembre

Servizio di Susy Galiero

Napoli - Metti insieme il nome di Wolfgang Amadeus Mozart, quello di Paola Gassman, un quartetto d’archi dell’Orchestra dell’Accademia Musicale Enrico Caruso diretta dal M° Giuseppe Schirone, ed ecco ricreata in maniera eccellente la Corte Asburgica all’epoca del grande genio musicale.

Al Teatro Orazio, una strepitosa Paola Gassman interpreta la moglie del compositore austriaco, la signora Costanza Weber, appunto Frau Mozart.

La signora Mozart racconta tutti gli accadimenti e i pettegolezzi della sua casa e lo fa in maniera ironica, divertente, sottile e, come solo i grandi artisti sanno fare, con grande naturalezza, tanto che sembra proprio sia Costanza a raccontare la sua storia.

Il quartetto d’archi interviene in maniera puntuale a sottolineare i momenti più significativi del testo di Gennaro Colangelo.

Uno di questi momenti, forse il più emozionante, quello che ha strappato applausi a scena aperta, è stato quando la signora Mozart ha spiegato al pubblico quale fu la vera ragione della morte del compositore (si sa che tale aspetto è storicamente ancora velato di mistero), ebbene, quando lei comincia a dire la verità, il suono degli strumenti musicali sovrasta la sua voce e quindi la morte di Mozart è… ancora avvolta nel mistero.

Ancora una grande e significativa prova d’attrice di Paola Gassman, la cui classe, la cui eleganza, la cui capacità di tenere la scena e riempirla della sua presenza, segnano la vera differenza fra il teatro e IL TEATRO.

Lo spettacolo, che inaugura il cartellone serale della sala di Posillipo, è in replica fino a domenica 11.

(10 novembre 2012)


© RIPRODUZIONE RISERVATA




Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google






Teatro Funaro Pistoia
23 e 24 novembre
Amedeo Fago e Fabrizio Beggiato in
Risotto
Un´amicizia di cinquant´anni raccontata nel tempo di cottura di un risotto, dove i protagonisti ripercorrono con ironia la storia di una società italiana profondamente trasformata


NUOVI COGITANTI

Pratiche di pensiero nella scena contemporanea

Il progetto, a cura di Fabio Acca, si inserisce nella rassegna CIMES progetti di cultura attiva
organizzata dal DIPARTIMENTO DELLE ARTI – Università di Bologna

giovedì 29 novembre 2012, ore 15.30-22.30

ai LABORATORI DELLE ARTI, via Azzo Gardino 65/a – Bologna

Info: www.dar.unibo.it

 


Dal 30 novembre al 2 dicembre al Cardinal Massaia di Torino
Alessandro Fullin, Anna Meacci e Stefano Brusa in
CHI HA UCCISO OSCAR WILDE?
UN DELITTO SENZA IMPORTANZA