Sabato, 18 Gennaio 2020  
                                                   

Cerca:  

 

"Il mare non bagna Napoli"

Antonella Monetti ripercorre "La città involontaria" al Ridotto del Mercadante

Servizio di Federica De Cesare


Napoli - In scena al Teatro Stabile di Napoli l´incapacità di accettare la realtà e lo spaesamento, propri del testo di Anna Maria Ortese. L´adattamento di "La città involontaria" alla veste teatrale riesce, forse, a suscitare un ancor più forte impatto.

La potenza evocativa delle parole della Monetti, la semplicità dei costumi e la crudezza dei suoni sui quali ondeggia un non più giovane ballerino, riempiono di fatto una scena piuttosto minimale. 

Un´interpretazione trascinante e profonda che colpisce il pubblico portandolo a percorrere, insieme all´attrice, l´interno dei granili narrati dall´Ortese.

Ecco allora che vengono portate alla luce le tragedie familiari della plebe e sopratutto il male oscuro di vivere. Emblematica la figura di un ballerino sessantacinquenne (Antonio Vitale) metafora di un´infanzia strappata.

Lo spettacolo, in scena al Ridotto del Mercadante dal 26 novembre al 1 dicembre, è il frutto della volontà, del direttore Luca De Fusco, di sperimentare e di ricercare nuovi prodotti teatrali.

Questa volta è toccato ad un opera poetica e allo stesso tempo straziante che ritrae una Napoli dilaniata dalla guerra.

 

28 Novembre 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google
















         RIDOTTO
Quinta di copertina
Lettura di testi letterari con Livia e Manlio Santanelli

Il prossimo incontro è previsto per il giorno 31 ottobre 2011, sempre alle ore 18. Nel solito luogo di culto narrativo; e, come molti di voi già sapranno, prevede le vostre riflessioni sull’epistola di “Tarchetti a Fosca” (vulgo “Fosca” di Igino Ugo Tarchetti).

DEPORTADOS
Studio su Elettra e Ecuba
Napoli Teatro Il Primo, novembre 2011 - aprile 2012
Laboratorio di Arnolfo Petri

Napoli - Arnolfo Petri dirige un progetto drammaturgico che fa riferimento solo di sfondo alla grande tragedia classica, e sceglie come filo conduttore il tema “della deportazione culturale”
leggi