Mercoledì, 13 Novembre 2019  
                                                   

Cerca:  

 

Some Girl(s) al Piccolo Bellini dal 28 novembre all´1 dicembre e dal 5 al 15 dicembre

Servizio di Mario Migliaccio


Napoli A volte, nella vita, capita di comportarsi in maniera scorretta con persone particolari. Persone che in un certo senso hanno fatto parte della nostra esistenza e con le quali abbiamo condiviso molto. Così, per cercare di "regolare i conti", con grande umiltà, si fa un salto indietro nel proprio essere. Questo è ciò che accade in "Some Girl(s)", in cui il protagonista (Gabriele Russo), giovane insegnante e aspirante scrittore, decide di tornare indietro nel tempo e di andare alla ricerca delle sue ex che, per svariati motivi, ha fatto soffrire. Egli decide di fare questo viaggio nel passato proprio prima di sposarsi. Nello spostarsi da un albergo all´altro, luoghi in cui avvengono gli incontri con le ex, vien fuori il ritratto di un uomo con la paura estrema di impegnarsi in un rapporto serio ed il senso di colpa continuo per un passato che non gli dà pace.

Nel corso dello spettacolo sono quattro le donne che si alternano in scena, Martina Galletta, Bianca Nappi, Roberta Spagnuolo, Guia Zapponi. Ognuna di esse ha caratteristiche diverse, vite diverse, ma tutte sono accomunate dall´attrazione non del tutto spenta per colui che le ha fatte soffrire. Anche se nei primi dieci minuti lo spettacolo può sembrare un po´ stancante, ci si deve ricredere appena viene svelato il motivo dell´incontro tra la prima donna e il protagonista. Un particolare emblematico lo notiamo proprio all´inizio della commedia, quando alcune donne lasciano attorno al perimetro del palcoscenico una scia continua di petali di rosa dal colore rosso. Questo particolare sta ad indicare "la passione" che è continuamente presente in lui che, alla vista delle sue ex, cerca in ogni modo di trattenere  quell´istinto da Casanova che lo caratterizza. Dalla penna di Neil LaBute, uno dei più rinomati autori americani, nasce una brillante commedia, resa ancor più appassionante dalla regia di Marcello Cotugno che esalta le capacità interpretative degli attori, così che la recitazione acquisti naturalezza. Molto interessanti sono anche i giochi di luci nel passaggio da una camera d´albergo all´altra; gli stessi cambi di scena, non vengono effettuati al buio ma sono parte integrante dello spettacolo. Infine, le musiche, spaziando da uno stile all´altro, accompagnano perfettamente questa commedia a tratti brillante e a tratti amara. All´interno di "Some Girl(s)" viene effettuato un bell´esperimento di multimedialità che supera i confini teatrali. Infatti, grazie ad un link (fornito direttamente a teatro), gli spettatori hanno la possibilità di seguire un quinto episodio della storia direttamente online. Dunque, quella che va in scena al Piccolo Bellini, è una sorta di mini - rivoluzione che cerca di abbattere le barriere architettoniche del teatro, spaziando così anche su altri canali che sicuramente sono più vicini ai giovani.


29 novembre 2013


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google
















Radio3 Rai alla trasmissione Chiodo fisso, per il ciclo di racconti dedicato questo mese ai mestieri del teatro, andrà in onda "a teatro L´ufficio stampa" con Sergio Marra (nella foto)

"Chiodo fisso è uno spazio, in onda dal lunedì al venerdì alle 10.50 su Radio3, che offre nella sua brevità la tensione narrativa di un racconto. Ogni mese "chiodo fisso" batte su un tema. Ogni giorno torna sullo stesso tema, ma nella chiave sempre diversa del protagonista di quella singola puntata."

tutto su www.radio3.rai.it/ 

TEATRO CILEA
dal 18 novembre 2011

Gianfranco Gallo Massimiliano Gallo Patrizio Rispo
FELICI IN CIRCOSTANZE MISTERIOSE

Napoli Teatro Cilea. "Felici in circostanze misteriose" è una commedia che  tratta il tema del rifiuto radicato in ognuno di noi verso tutto ciò che è diverso. Quel che la rende particolare, a mio avviso, è che usa i mezzi di un finto universo minimalista,riconoscibili nell´apparente ordinarietà dei personaggi, allo scopo di spiazzare lo spettatore e lasciargli spazio. LEGGI

IN MEMORIA - 63 ANNI DOPO

Irena Sendler  

Poco tempo fa è venuta a mancare  una signora di 98 anni di nome Irena. Durante la seconda guerra mondiale,  Irena portò in salvo migliaia di neonati nascondendoli nel fondo della sua cassetta degli attrezzi. Riuscì a salvare 2500 tra bambini. Leggi