Giovedì, 22 Ottobre 2020  
                                                   

Cerca:  

 

Iniziato il tour di Antonino Agricola “Faber – Gaber”, dedicato a De Andrè e a Gaber, dal Centro Culturale “Annalena Tonelli” di San Lazzaro di Savena

Servizio di Maurizio Vitiello

San Lazzaro di Savena, Bologna - Dovrebbe avere varie tappe questo spettacolo che abbiamo avuto la possibilità di vedere nei giorni scorsi al gremito Centro Culturale “Annalena Tonelli”.

Si tratta di un viaggio lungo quarant’anni attraverso la musica di Fabrizio De Andrè e Giorgio Gaber, ideato da Antonino Agricola (chitarra e voce), con Maurizio Albertini (armonica e voce), Giulio Capitelli (chitarra), Sergio Chiti (tastiera), Beppe Gieri (basso e voce), Paolo e Antonio Manzoni (tromba e flicorno). Oltre ad Antonino Agricola: c’è stata Laura Agricola, che è intervenuta nei cori e in pezzi come Korakhanè;  Maurizio Albertini, armonica, che ha suonato e che suona con jazzisti e vari gruppi della sua zona, fra Vignola e Modena, e con lui è sempre un piacere e vien fuori un tocco in più quando c’è; Giulio Capitelli, 23 anni, una new entry importantissima. Splendida la partecipazione di Sergio Chiti, tastiera, che è presidente dell’Associazione “La Musica Interna” di Bologna, concertista a buon livello e in diversi campi, jazzista esperto, organizza concerti di musica classica a Villa Mazzacorati, nel teatrino del ‘600 e in altri luoghi pubblici a Bologna e in giro, a momento insegna al Conservatorio di Trapani. Giuseppe Gieri, basso e chitarra, nonché cori, partecipa a serate a tema, l’ultima era sul ’68. La sua presenza serve perché tiene sulla terra, è quadrato, pignolo, e a frenare la fantasia.  Antonio (il figlio di 20 anni) e Paolo Manzoni (il padre) che con trombe flicorno e percussioni hanno dato un grosso contributo, soprattutto, a creare alcune atmosfere in pezzi come “Non insegnate ai bambini” o nell’inizio e fine di Fiume Sand Creeck. Suonano soprattutto con band di jazzisti, ma sono stati molto disponibili in questa occasione.

Antonino Agricola ha cantato “Vedrai vedrai”, canzone che ha voluto “fortemente” per ricordare la madre e ha messo su un’onda di ricordo a favore dei due cantautori che hanno trasmesso sensazioni ed emozioni.

La serata un po’ complicata ed elaborata come quella a cui abbiamo assistito al Centro “Tonelli” sicuramente vedrà altre puntate in Italia, perché Fabrizio De Andrè e Giorgio Gaber risultano artisti più che accettati e richiamano alla memoria momenti passati.

Temi politici, sociali e d’amore sono stati diversamente ambientati dai due artisti, che rimpiangiamo, anche per la loro solidità di autori.

Il concerto ha riscosso molti calorosi applausi da un pubblico familiare.

 

Info:

CENTRO CULTURALE ANNALENA TONELLI

Via Galletta 42 (La Mura San Carlo – Loc. La Pulce)

San Lazzaro di Savena (BO) - www.centroannalenatonelli.it

Informazioni: 335 6980384

 

Didascalia foto: Elaborazione grafica di immagini di Fabrizio De Andrè e di Giorgio Gaber di Maurizio Vitiello


© RIPRODUZIONE RISERVATA


(12 febbraio 2012)


Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google








TUFANO ELETTRODOMESTICI



Radio3 Rai alla trasmissione Chiodo fisso, per il ciclo di racconti dedicato questo mese ai mestieri del teatro, andrà in onda "a teatro – L´ufficio stampa" con Sergio Marra (nella foto)

"Chiodo fisso è uno spazio, in onda dal lunedì al venerdì alle 10.50 su Radio3, che offre nella sua brevità la tensione narrativa di un racconto. Ogni mese "chiodo fisso" batte su un tema. Ogni giorno torna sullo stesso tema, ma nella chiave sempre diversa del protagonista di quella singola puntata."

tutto su www.radio3.rai.it/ 

TEATRO CILEA
dal 18 novembre 2011

Gianfranco Gallo Massimiliano Gallo Patrizio Rispo
FELICI IN CIRCOSTANZE MISTERIOSE

Napoli – Teatro Cilea. "Felici in circostanze misteriose" è una commedia che  tratta il tema del rifiuto radicato in ognuno di noi verso tutto ciò che è diverso. Quel che la rende particolare, a mio avviso, è che usa i mezzi di un finto universo minimalista,riconoscibili nell´apparente ordinarietà dei personaggi, allo scopo di spiazzare lo spettatore e lasciargli spazio. LEGGI

IN MEMORIA - 63 ANNI DOPO

Irena Sendler  

Poco tempo fa è venuta a mancare  una signora di 98 anni di nome Irena. Durante la seconda guerra mondiale,  Irena portò in salvo migliaia di neonati nascondendoli nel fondo della sua cassetta degli attrezzi. Riuscì a salvare 2500 tra bambini. Leggi