Giovedì, 04 Marzo 2021  
                                                   

Cerca:  

 

Terzo posto al Premio Internazionale "Teatro dell´Inclusione Teresa Pomodoro"

"W L´Italia.it noi non sapevamo" spettacolo sulla questione meridionale di Egidia Bruno e Marie Belotti

Servizio di Daniela Morante

Napoli - "Il mio augurio va a chi resiste in questa città difficile". Così termina la pièce teatrale di Egidia Bruno, e la città alla quale è rivolto l´augurio è Napoli. Prima di Natale, nella Sala Ichos, avamposto di resistenza creativa di periferia, la Bruno ci ha guidato nella messa in scena del racconto storico che ha determinato l´Unità d´Italia. Seguendo il filo dei suoi studi, pensieri e riflessioni, ci ha indotto a trovare un senso, un riscatto possibile, uno scatto d´orgoglio e di emancipazione dalla, ormai logora, questione meridionale: male o bene comune, appartenenza viscerale e forza d´impeto di quest´Italia sempre più estranea a se stessa. Con maestria ci ha dunque guidato alla ricerca di quelle verità che i libri di scuola non hanno mai riportato, perché "la storia si sa, la fanno i vincitori".
Con il supporto di immagini proiettate, antiche canzoni della tradizione popolare e diverse citazioni, si predispone così il suo dialogo scenico, e dai dati emersi, ecco che si dispiega alla nostra immaginazione, un ponte di comprensione tra quei lontani eventi e la nostra condizione attuale.
Scopriamo come dietro gli avvenimenti "storici", ci sia stato una precisa volontà di distruzione e affossamento del Regno delle Due Sicilie, perpetrato con massacri e stermini di civili, non solo di briganti.
Vennero infatti, sistematicamente smantellate intere realtà produttive: industrie siderurgiche, manifatturiere, artigianali e un regno di ricchezze ed eccellenze, che aveva un potere economico sessanta volte superiore a quello dei piemontesi, terzo per magnificenza dopo Londra e Parigi, venne usurpato e ridotto in miseria.
Così si spiegano anche i giorni nostri, le discriminazioni ancora in atto, tra un sud di emigranti con il bisogno impellente di sopravvivenza e un nord insofferente, lontano e sprezzante.
La ferita è ancora aperta e difficile da sanare, perché forse il danno maggiore della sconfitta si perpetua ancora nelle coscienze di chi proviene dal Sud, in chi sa che bisogna faticare molto di più per accorciare la distanza di quel vantaggio negato.
Sa che bisogna combattere soprattutto quel demone interiore che istilla ogni giorno con immutata cadenza, un senso di inferiorità, di scetticismo e sfiducia nelle proprie capacità
Ma è anch´essa solo una proiezione errata della realtà, perché basta poco, ora forse più di prima, per confrontarsi con il Nord produttivo, e vedere che dietro la facciata di efficienza  spesso non c´è proprio niente, solo aria fritta, venduta, questo è il merito, si, come se fosse materia unica e pregiata.

 

"W L´Italia.it noi non sapevamo" spettacolo sulla questione meridionale 

di Egidia Bruno e Marie Belotti con Egidia Bruno

 

Sala Teatro  Ichòs

Via Principe di San Nicandro 32/A

San Giovanni a Teduccio - Napoli

 

 03-01-2013


© RIPRODUZIONE RISERVATA




Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google




LA COMPAGNIA IL GUAZZABUGLIO PRESENTA "ATTERRAGGIO DI FORTUNA" DI COLOMBA ROSARIA ANDOLFI leggi

Omaggio ai bambini senza terra nella giornata della memoria di Le Nuvole di Napoli

Recita unica giovedì 26 gennaio 2012 Le Nuvole di Napoli con "Tamburò"


Napoli - Il viaggio dei Kasciubi per fuggire alla guerra sarà il tema dello spettacolo TAMBURO´ in scena al Teatro Le Nuvole di Napoli giovedì 26 gennaio 2012 alle ore 10.00 in una recita riservata agli studenti dai 7 anni per non dimenticare i popoli della storia alla ricerca di una terra in occasione della "giornata della memoria". LEGGI

L´ASTICE AL VELENO commedia in due atti scritta e diretta da VINCENZO SALEMME

Al Teatro Manzoni dal 1 al 5 febbraio 2012

Milano - Dopo il successo record cui l´anno scorso è andato incontro (ben 105.000 spettatori per 129 repliche), che continua immutato in questa stagione, impossibile non riprendere, anche se per poche recite, "L´astice al veleno", l´ultima commedia del prolifico Vincenzo Salemme. La più scanzonata e allegra che l´attore dirige e interpreta insieme alla sua affiatata Compagnia, si basa come sempre su un meccanismo comico farsesco, che è la cifra dell´autore, e porta in sé i caratteri della commedia brillante e romantica. leggi