Venerdì, 26 Febbraio 2021  
                                                   

Cerca:  

 

Gli aquiloni di Paolo Poli al Ghione fino all´8 dicembre

Servizio di  Maddalena  Caccavale  Menza

Roma - Al Teatro Ghione ieri ha esordito lo spettacolo di Paolo Poli "Aquiloni" che resterà in cartellone fino all´8 dicembre. Ispirato  al titolo di una delle poesie più conosciute del sommo poeta Giovanni Pascoli, il cantore delle piccole cose, del fanciullino,  saccheggiato di anno in anno dalle maestre perché si presta bene a trasmettere ai bambini  l´amore per la poesia, con il rimando ad  un gioco leggero d´altri tempi eppure  ancora attuale quale l´aquilone,   è arrivato il nuovo spettacolo di Paolo Poli attorniato da quattro attori che s´intonano perfettamente al suo stile e che lo sanno accompagnare egregiamente nella carrellata di circa due ore dello spettacolo e che sono: Fabrizio Casagrande, Daniele Corsetti, Alberto Gamberini e Giovanni Siniscalco.

Uno spettacolo, ripreso dalla scorsa stagione dove ha avuto un grande successo di pubblico e critica ed è stato visto –come dice l´attore- "da un mare all´altro" ed è stato in tournee  per alcuni mesi con gli aquiloni, in numerose piazze d´Italia (dal Tirreno all´Adriatico), portando  un´altra delle perle che ci offre l´arte parodistica e il suo grande talento, in giro per l´Italia.

Ognuno di questi spettacoli, ormai da tanti anni a questa parte, è un vero e proprio tesoro che ci presenta uno spaccato di un´Italia contadina che non esiste più ma che è celebrata insieme ad un passato coloniale, con la cifra dell´ironia e della metafora, la  cosa più difficile da far capire ma che, per un artista del calibro di Paolo Poli, capace di tenere la scena quasi da solo, d´imparare a memoria "possenti dosi" di poesia, interi poemetti  e , addirittura, al termine dello spettacolo, declamare un intero capitolo dei Promessi Sposi, è un´impresa sempre riuscita.

"Ogni volta che vado in scena ho come l´impressione di andare in guerra. Non è facile esibirsi ogni sera – perché non basta -come pensa qualcuno –dire due stupidaggini  per cavarsela –ma ogni volta è una sfida, un duello  con il pubblico di cui ho grande rispetto, da cui uscire vivo"- così dice l´artista. 

Omaggio affettuoso a Giovanni Pascoli, poeta così  descritto dallo stesso Poli "Fino alla metà del Novecento la scuola italiana si nutrì della sua produzione. La critica letteraria a cominciare da Croce privilegiò le rime giovanili fino a Contini che ne elogiò il plurilinguismo, a Pasolini che rilevò la dicotomia psicologica , per arrivare a Baldacci  che ne curò la ricca antologia. Da Myricae e dai Poemetti lo spettacolo intende evocare la magia memoriale e la saldezza linguistica nelle figure contadine di un´Italia ancora gergale". 

Un lungo cammino che passa con un ritmo incalzante e vivace per l´Assiuolo, Novembre, Sera d´ottobre, Il vischio, L´ultimo canto, Italy, Diario autunnale, in cui  il mattatore percorre la vicenda artistica di Giovanni Pascoli senza dimenticare di dargli  qualche stilettata al suo gusto per il particolare macabro.

Un artista che si cimenta con un campo minato quale il linguaggio poetico, con la leggerezza di una farfalla, che riesce a trasmettere ad un pubblico  distratto come quello attuale, spesso non così appassionato di teatro come in passato, dei concetti difficili, corrosivi e trasgressivi rispetto alla banalità del nostro modo di vivere,  inserendo degli interrogativi, delle domande , allietandolo però al contempo con dei siparietti  di canzoni dei primi del Novecento, infarcite di doppi sensi, nel cammino del  travestimento che  sorprende e fa pensare, rimanendo però fedele al suo compito di celebrare il teatro senza volgarità con una buona dose d´ironia ed anche di auto-ironia, frutto di una mente veramente acuta.

La riscrittura e la regia dello spettacolo sono affidati  a lui, le scene sono del grande Emanuele Luzzati , i costumi di Santuzza Calì, le musiche di Jacqueline Perrotin e le coreografie di Claudia Lawrence.       

L´imperativo categorico di Paolo Poli è da sempre l´attenzione al buongusto che si evidenzia nel percorrere la strada scomoda della poesia, nella continua ricerca di qualcosa che permetta di coltivare la  memoria della  buona letteratura, andando controcorrente visto che siamo un paese che tende a dimenticare, non rinunciando al piacere di scompigliare le carte, affabulare e sorprendere lo spettatore trascinandolo, durante lo spettacolo, in un viaggio immaginario, da cui poi ritorna arricchito.



23 novembre 2013




© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google





















TEATRO STABILE DI TORINO

Debutta in prima nazionale MALAPOLVERE veleni e antidoti per l´invisibile

Teatro Gobetti 31 gennaio - 12 febbraio

Torino - Martedì 31 gennaio 2012, alle ore 19.30, al Teatro Gobetti (Via Rossini, 12) il Teatro Stabile di Torino e l´Associazione culturale Muse presentano in prima nazionale MALAPOLVERE - veleni e antidoti per l´invisibile un progetto di Laura Curino, Lucio Diana, Alessandro Bigatti, Elisa Zanino scritto e interpretato da Laura Curino. Il titolo e lo spettacolo sono stati ispirati dalla lettura del libro Mala polvere di Silvana Mossano (Ed. Sonda, 2010). Malapolvere sarà replicato al Teatro Gobetti fino al 12 febbraio 2012. LEGGI

TRAVOLTO DA UNA MOTOCICLETTA MENTRE ATTRAVERSAVA LA STRADA

COSI´ MUORE A 76 ANNI THEO ANGELOPOULOS


Uno dei più grandi registi europei del Novecento, Theo Angelopoulos, è morto ad Atene dopo un incidente stradale. Orso d´oro a Berlino nel 1977 per «I cacciatori», Palma d´oro a Cannes per «L´eternità e un giorno» (1998) e Leone d´Argento al Festival del cinema di Venezia per «Paesaggio nella nebbia» (1988), nel 2009 aveva firmato il lavoro "La Polvere del tempo" e aveva in mente un nuovo lavoro basato sulla crisi greca, questione che aveva carpito la sua sensibilità. Il film si doveva chiamare "L´alto mare", e come attore protagonista maschile Angelopoulos aveva scelto Toni Servillo. a.c.

 

Luigi De Filippo assume la direzione artistica del Teatro Parioli di Roma

"Perché a Roma e non a Napoli? Non per fare un "dispetto" a Napoli, ma perché qui mi è stata offerta questa opportunità"

Roma, 16 settembre 2011 - Cari Amici, da qualche giorno ho assunto la Direzione Artistica del Teatro Parioli di Roma che dedico a mio padre Peppino De Filippo, grande attore e commediografo. Perché a Roma e non a Napoli? Non per fare un "dispetto" a Napoli, ma perché qui mi è stata offerta questa opportunità ed allora ho voluto rendere omaggio alla fantasia ed alla creatività artistica della mia città, unica e non omologabile, e che qui a Roma ha sempre ricevuto simpatia e consensi A noi De Filippo la nostra cara Napoli ci ha dato i natali e l´ispirazione, Roma ha consacrato i nostri successi. leggi