Lunedì, 08 Marzo 2021  
                                                   

Cerca:  

 

TEMPESTA - regia di Rosario Sparno

Al Teatro Mercadante di Napoli fino al 6 gennaio

Servizio di Antonio Tedesco

Napoli - Più che un´esperienza sensoriale in senso stretto, come per certi versi si alludeva prima dello spettacolo, questo allestimento di Tempesta, da Shakespeare, presentato al Teatro Mercadante di Napoli dallo stesso Teatro Stabile e dalla Compagnia Le Nuvole, e diretto da Rosario Sparno che è anche l´autore dell´adattamento, può definirsi, piuttosto, un´esperienza "rituale". Infatti il pubblico è chiamato, in un certo senso, a "concelebrare" insieme agli attori il rito della "messa in scena". Ciò avviene essenzialmente attraverso un percorso nel quale gli spettatori vengono guidati fino ai corridoi che portano alle spalle del palcoscenico, nei camerini e nel retropalco, dove vengono invitati a liberarsi delle scarpe prima di accedere a delle panche situate sul palcoscenico stesso, che è completamente ricoperto di uno spesso strato di sale.
Lo stesso sale che viene calcato e calpestato dai tre attori che danno vita all´azione scenica (Massimiliano Foà nel ruolo di Prospero, Luca Iervolino e Paola Zecca che si alternano in quelli, rispettivamente di Calibano e Ferdinando e Ariele e Miranda). Di fronte al pubblico, la platea vuota, in penombra, accentua questa percezione di isolamento e di intimità, al tempo stesso, contribuendo ad accrescere la sensazione di appartenere ad un piccolo mondo chiuso in sé che proprio in quel momento si sta manifestando e sta vivendo, ed essere quindi pienamente parte, e partecipe, dell´azione.

E´, insomma, come se il pubblico fosse chiamato ad "abitare" il palcoscenico insieme agli attori. Quel palcoscenico ricoperto di sale che si è trasformato in un´isola. Circondata da quel mare buio, desolato e per certi versi minaccioso, di una platea deserta. L´isola che non c´era, forse. E che non ci sarà più, dopo questo breve, eppure eterno, momento di rappresentazione. Un modo efficace per cogliere, si potrebbe dire, con pochi tratti essenziali, lo spirito profondo della Tempesta di Shakespeare. Quasi un´installazione teatrale, fatta di pochi, rappresentativi, elementi scenici (opera di Antonella Romano). Un percorso di ricomposizione, dei sentimenti e delle passioni soprattutto, che passa attraverso l´accettazione (e anche la rassegnazione) della propria natura umana. Lasciando liberi gli spiriti dell´aria e dismettendo ogni forma, propria o impropria, di magia. Nel momento stesso in cui, attraverso il teatro, si compie e si manifesta la magia più grande. Non a caso questo testo è quello che chiude l´imponente opera drammaturgica di Shakespeare.
Posto così lo spettacolo si rivela come un´esperienza importante soprattutto per i giovani e giovanissimi cui preferenzialmente si rivolge. Per loro è un sentirsi chiamati parti in causa, diventando essi stessi componenti della rappresentazione. Per imparare che il teatro non è altrove, ma è sempre qui. E adesso.

 

5 gennaio 2013


© RIPRODUZIONE RISERVATA




Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google




TEATRO STABILE DI TORINO

Debutta in prima nazionale MALAPOLVERE veleni e antidoti per l´invisibile

Teatro Gobetti 31 gennaio - 12 febbraio

Torino - Martedì 31 gennaio 2012, alle ore 19.30, al Teatro Gobetti (Via Rossini, 12) il Teatro Stabile di Torino e l´Associazione culturale Muse presentano in prima nazionale MALAPOLVERE - veleni e antidoti per l´invisibile un progetto di Laura Curino, Lucio Diana, Alessandro Bigatti, Elisa Zanino scritto e interpretato da Laura Curino. Il titolo e lo spettacolo sono stati ispirati dalla lettura del libro Mala polvere di Silvana Mossano (Ed. Sonda, 2010). Malapolvere sarà replicato al Teatro Gobetti fino al 12 febbraio 2012. LEGGI

TRAVOLTO DA UNA MOTOCICLETTA MENTRE ATTRAVERSAVA LA STRADA

COSI´ MUORE A 76 ANNI THEO ANGELOPOULOS


Uno dei più grandi registi europei del Novecento, Theo Angelopoulos, è morto ad Atene dopo un incidente stradale. Orso d´oro a Berlino nel 1977 per «I cacciatori», Palma d´oro a Cannes per «L´eternità e un giorno» (1998) e Leone d´Argento al Festival del cinema di Venezia per «Paesaggio nella nebbia» (1988), nel 2009 aveva firmato il lavoro "La Polvere del tempo" e aveva in mente un nuovo lavoro basato sulla crisi greca, questione che aveva carpito la sua sensibilità. Il film si doveva chiamare "L´alto mare", e come attore protagonista maschile Angelopoulos aveva scelto Toni Servillo. a.c.

 

Luigi De Filippo assume la direzione artistica del Teatro Parioli di Roma

"Perché a Roma e non a Napoli? Non per fare un "dispetto" a Napoli, ma perché qui mi è stata offerta questa opportunità"

Roma, 16 settembre 2011 - Cari Amici, da qualche giorno ho assunto la Direzione Artistica del Teatro Parioli di Roma che dedico a mio padre Peppino De Filippo, grande attore e commediografo. Perché a Roma e non a Napoli? Non per fare un "dispetto" a Napoli, ma perché qui mi è stata offerta questa opportunità ed allora ho voluto rendere omaggio alla fantasia ed alla creatività artistica della mia città, unica e non omologabile, e che qui a Roma ha sempre ricevuto simpatia e consensi A noi De Filippo la nostra cara Napoli ci ha dato i natali e l´ispirazione, Roma ha consacrato i nostri successi. leggi