Mercoledì, 23 Ottobre 2019  
                                                   

Cerca:  

 

Applausi per Carlo Buccirosso e Valentina Stella con “Napoletani a Broadway” al Teatro Diana, sino al 1° aprile

Servizio di Maurizio Vitiello

Napoli - Abile Carlo Buccirosso, dinamica e con voce Valentina Stella in questa nuova edizione di “Napoletani a Broadway” con Gianni Parisi, Graziella Marina; scenografie di Aldo De Lorenzo, costumi di Zaira De Vincentiis, coreografie di Fabrizio.

Vito Pappacena, cinquantenne attore che vive per il palcoscenico, all’ennesimo infruttuoso provino, mortificato dalla insensibilità del regista Sebastiano Sommella, decide di passare a gestire un’agenzia “per soli artisti napoletani”.

Si tratta di una bella sfida, speciale e caparbia.

L’agenzia di spettacolo “PAPPACENA”, formata e avviata da madre e figlio, raggiunge in pochi anni un elevato livello di popolarità, con attori, cantanti, ballerini, imitatori e trasformisti ad affollare un palcoscenico fatiscente.

“Se li vengono a prendere come il pane” dice Caterina, bizzarra “signora” delle pulizie, innamorata di Pappacena, con una voce con accenti appassionati, seppur non educata, riferendosi agli artisti che affollano l’agenzia sbucando da porte, finestre e cunicoli sotterranei, insomma, da tutte le parti!

L’agenzia di Pappacena è il supermarket dell’artista istrione; buono, fresco e a lunga conservazione!

Vito è esuberante, perché vive della spregiudicatezza dei suoi artisti, investendo cuore, tempo e danaro nella sua nuova attività.

La visita inaspettata del regista Sommella, che quattro anni or sono ne aveva causato la sua crisi professionale, ridà linfa a Vito Pappacena, che accetta una “proposta”  con cui  si lancia per l’ultima volta con tutto il suo cuore e assieme a un manipolo di singolari artisti realisti partecipa a un’avventura lungo le strade luccicanti di un’incantevole Broadway.

Tranne qualche scivolata priapistica e segmenti di ciarle rasoterra, il resto regge, seppur in una lunghezza, che potrebbe essere rivista.

Anticipare un timing lo ritroviamo più equo nella distribuzione degli effetti.

Buccirosso bravo nei tempi e sicuro di sé; per gli altri: opacità in alcuni, brillanti momenti canori in altri.

Valentina Stella sfugge, oggi, al “nomen omen”. 

 

(13 marzo 2012)


© RIPRODUZIONE RISERVATA




Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google





TEATRO STABILE DI TORINO

Debutta in prima nazionale MALAPOLVERE veleni e antidoti per l´invisibile

Teatro Gobetti 31 gennaio - 12 febbraio

Torino - Martedì 31 gennaio 2012, alle ore 19.30, al Teatro Gobetti (Via Rossini, 12) il Teatro Stabile di Torino e l´Associazione culturale Muse presentano in prima nazionale MALAPOLVERE - veleni e antidoti per l´invisibile un progetto di Laura Curino, Lucio Diana, Alessandro Bigatti, Elisa Zanino scritto e interpretato da Laura Curino. Il titolo e lo spettacolo sono stati ispirati dalla lettura del libro Mala polvere di Silvana Mossano (Ed. Sonda, 2010). Malapolvere sarà replicato al Teatro Gobetti fino al 12 febbraio 2012. LEGGI

TRAVOLTO DA UNA MOTOCICLETTA MENTRE ATTRAVERSAVA LA STRADA

COSI´ MUORE A 76 ANNI THEO ANGELOPOULOS


Uno dei più grandi registi europei del Novecento, Theo Angelopoulos, è morto ad Atene dopo un incidente stradale. Orso d´oro a Berlino nel 1977 per «I cacciatori», Palma d´oro a Cannes per «L´eternità e un giorno» (1998) e Leone d´Argento al Festival del cinema di Venezia per «Paesaggio nella nebbia» (1988), nel 2009 aveva firmato il lavoro "La Polvere del tempo" e aveva in mente un nuovo lavoro basato sulla crisi greca, questione che aveva carpito la sua sensibilità. Il film si doveva chiamare "L´alto mare", e come attore protagonista maschile Angelopoulos aveva scelto Toni Servillo. a.c.

 

Luigi De Filippo assume la direzione artistica del Teatro Parioli di Roma

"Perché a Roma e non a Napoli? Non per fare un "dispetto" a Napoli, ma perché qui mi è stata offerta questa opportunità"

Roma, 16 settembre 2011 - Cari Amici, da qualche giorno ho assunto la Direzione Artistica del Teatro Parioli di Roma che dedico a mio padre Peppino De Filippo, grande attore e commediografo. Perché a Roma e non a Napoli? Non per fare un "dispetto" a Napoli, ma perché qui mi è stata offerta questa opportunità ed allora ho voluto rendere omaggio alla fantasia ed alla creatività artistica della mia città, unica e non omologabile, e che qui a Roma ha sempre ricevuto simpatia e consensi A noi De Filippo la nostra cara Napoli ci ha dato i natali e l´ispirazione, Roma ha consacrato i nostri successi. leggi