Giovedì, 04 Marzo 2021  
                                                   

Cerca:  

 

Terzo posto al Premio Internazionale "Teatro dell´Inclusione Teresa Pomodoro"

"W L´Italia.it noi non sapevamo" spettacolo sulla questione meridionale di Egidia Bruno e Marie Belotti

Servizio di Daniela Morante

Napoli - "Il mio augurio va a chi resiste in questa città difficile". Così termina la pièce teatrale di Egidia Bruno, e la città alla quale è rivolto l´augurio è Napoli. Prima di Natale, nella Sala Ichos, avamposto di resistenza creativa di periferia, la Bruno ci ha guidato nella messa in scena del racconto storico che ha determinato l´Unità d´Italia. Seguendo il filo dei suoi studi, pensieri e riflessioni, ci ha indotto a trovare un senso, un riscatto possibile, uno scatto d´orgoglio e di emancipazione dalla, ormai logora, questione meridionale: male o bene comune, appartenenza viscerale e forza d´impeto di quest´Italia sempre più estranea a se stessa. Con maestria ci ha dunque guidato alla ricerca di quelle verità che i libri di scuola non hanno mai riportato, perché "la storia si sa, la fanno i vincitori".
Con il supporto di immagini proiettate, antiche canzoni della tradizione popolare e diverse citazioni, si predispone così il suo dialogo scenico, e dai dati emersi, ecco che si dispiega alla nostra immaginazione, un ponte di comprensione tra quei lontani eventi e la nostra condizione attuale.
Scopriamo come dietro gli avvenimenti "storici", ci sia stato una precisa volontà di distruzione e affossamento del Regno delle Due Sicilie, perpetrato con massacri e stermini di civili, non solo di briganti.
Vennero infatti, sistematicamente smantellate intere realtà produttive: industrie siderurgiche, manifatturiere, artigianali e un regno di ricchezze ed eccellenze, che aveva un potere economico sessanta volte superiore a quello dei piemontesi, terzo per magnificenza dopo Londra e Parigi, venne usurpato e ridotto in miseria.
Così si spiegano anche i giorni nostri, le discriminazioni ancora in atto, tra un sud di emigranti con il bisogno impellente di sopravvivenza e un nord insofferente, lontano e sprezzante.
La ferita è ancora aperta e difficile da sanare, perché forse il danno maggiore della sconfitta si perpetua ancora nelle coscienze di chi proviene dal Sud, in chi sa che bisogna faticare molto di più per accorciare la distanza di quel vantaggio negato.
Sa che bisogna combattere soprattutto quel demone interiore che istilla ogni giorno con immutata cadenza, un senso di inferiorità, di scetticismo e sfiducia nelle proprie capacità
Ma è anch´essa solo una proiezione errata della realtà, perché basta poco, ora forse più di prima, per confrontarsi con il Nord produttivo, e vedere che dietro la facciata di efficienza  spesso non c´è proprio niente, solo aria fritta, venduta, questo è il merito, si, come se fosse materia unica e pregiata.

 

"W L´Italia.it noi non sapevamo" spettacolo sulla questione meridionale 

di Egidia Bruno e Marie Belotti con Egidia Bruno

 

Sala Teatro  Ichòs

Via Principe di San Nicandro 32/A

San Giovanni a Teduccio - Napoli

 

 03-01-2013


© RIPRODUZIONE RISERVATA




Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google




TEATRO STABILE DI TORINO

Debutta in prima nazionale MALAPOLVERE veleni e antidoti per l´invisibile

Teatro Gobetti 31 gennaio - 12 febbraio

Torino - Martedì 31 gennaio 2012, alle ore 19.30, al Teatro Gobetti (Via Rossini, 12) il Teatro Stabile di Torino e l´Associazione culturale Muse presentano in prima nazionale MALAPOLVERE - veleni e antidoti per l´invisibile un progetto di Laura Curino, Lucio Diana, Alessandro Bigatti, Elisa Zanino scritto e interpretato da Laura Curino. Il titolo e lo spettacolo sono stati ispirati dalla lettura del libro Mala polvere di Silvana Mossano (Ed. Sonda, 2010). Malapolvere sarà replicato al Teatro Gobetti fino al 12 febbraio 2012. LEGGI

TRAVOLTO DA UNA MOTOCICLETTA MENTRE ATTRAVERSAVA LA STRADA

COSI´ MUORE A 76 ANNI THEO ANGELOPOULOS


Uno dei più grandi registi europei del Novecento, Theo Angelopoulos, è morto ad Atene dopo un incidente stradale. Orso d´oro a Berlino nel 1977 per «I cacciatori», Palma d´oro a Cannes per «L´eternità e un giorno» (1998) e Leone d´Argento al Festival del cinema di Venezia per «Paesaggio nella nebbia» (1988), nel 2009 aveva firmato il lavoro "La Polvere del tempo" e aveva in mente un nuovo lavoro basato sulla crisi greca, questione che aveva carpito la sua sensibilità. Il film si doveva chiamare "L´alto mare", e come attore protagonista maschile Angelopoulos aveva scelto Toni Servillo. a.c.

 

Luigi De Filippo assume la direzione artistica del Teatro Parioli di Roma

"Perché a Roma e non a Napoli? Non per fare un "dispetto" a Napoli, ma perché qui mi è stata offerta questa opportunità"

Roma, 16 settembre 2011 - Cari Amici, da qualche giorno ho assunto la Direzione Artistica del Teatro Parioli di Roma che dedico a mio padre Peppino De Filippo, grande attore e commediografo. Perché a Roma e non a Napoli? Non per fare un "dispetto" a Napoli, ma perché qui mi è stata offerta questa opportunità ed allora ho voluto rendere omaggio alla fantasia ed alla creatività artistica della mia città, unica e non omologabile, e che qui a Roma ha sempre ricevuto simpatia e consensi A noi De Filippo la nostra cara Napoli ci ha dato i natali e l´ispirazione, Roma ha consacrato i nostri successi. leggi