Domenica, 08 Dicembre 2019  
                                                   

Cerca:  

 

"Il mare non bagna Napoli"

Antonella Monetti ripercorre "La città involontaria" al Ridotto del Mercadante

Servizio di Federica De Cesare


Napoli - In scena al Teatro Stabile di Napoli l´incapacità di accettare la realtà e lo spaesamento, propri del testo di Anna Maria Ortese. L´adattamento di "La città involontaria" alla veste teatrale riesce, forse, a suscitare un ancor più forte impatto.

La potenza evocativa delle parole della Monetti, la semplicità dei costumi e la crudezza dei suoni sui quali ondeggia un non più giovane ballerino, riempiono di fatto una scena piuttosto minimale. 

Un´interpretazione trascinante e profonda che colpisce il pubblico portandolo a percorrere, insieme all´attrice, l´interno dei granili narrati dall´Ortese.

Ecco allora che vengono portate alla luce le tragedie familiari della plebe e sopratutto il male oscuro di vivere. Emblematica la figura di un ballerino sessantacinquenne (Antonio Vitale) metafora di un´infanzia strappata.

Lo spettacolo, in scena al Ridotto del Mercadante dal 26 novembre al 1 dicembre, è il frutto della volontà, del direttore Luca De Fusco, di sperimentare e di ricercare nuovi prodotti teatrali.

Questa volta è toccato ad un opera poetica e allo stesso tempo straziante che ritrae una Napoli dilaniata dalla guerra.

 

28 Novembre 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google
















TEATRO MARTINITT
Debutterà a Milano
la commedia scritta, diretta e interpretata da Marco Falaguasta: "SO TUTTO SULLE DONNE...vent´anni dopo" in scena dal 26 gennaio al 12 febbraio 2012

San Leucio - Caserta 3 e 4 Febbraio ore 21:00 5 Febbraio ore 19:00 OfficinaLab Laboratorio permanente IPOTESI ESPRESSIVE presenta RISVEGLIO DI PRIMAVERA. Adattamento e regia di Michele Pagano. Tratto dall´opera di Frank Wedekind

 

Da giovedì 2 a domenica 12 febbraio al Ridotto del Mercadante di Napoli in scena lo spettacolo Pregiudizi convergenti con Antonella Stefanucci, testo e regia di Domenico Ciruzzi. Piccole, tragicomiche storie di cronaca giudiziaria