Sabato, 06 Marzo 2021  
                                                   

Cerca:  

 

"La Cantata dei Pastori" spettacolo con Peppe Barra fino al 6 Gennaio al teatro Trianon

Servizio di Francesco Cafagna

Napoli - Fino al 6 Gennaio al teatro Trianon e´ in scena "La Cantata dei Pastori", opera teatrale scritta e pubblicata sul finire del ´600 da Andrea Perrucci sotto lo pseudonimo di Casimiro Ruggiero Ogone in origine con il titolo del "Il Vero Lume tra l´Ombre" , ovvero la "Spelonca Arricchita per la Nascita del Verbo Umanato. L´opera tra diverse versioni e rifacimenti vari si e´ evoluta andando a stravolgere il proposito originale dell´autore, sempre oggetto di rappresentazioni natalizie ma con l´introduzione di battute sempre nuove e l´inclusione di un personaggio che fu acclamato e voluto a furor di popolo alla fine del ´700 con il nome di Sarchiapone.

L´opera infatti nasce, come tutte le opere seicentesche, come un´opera sacra rispettando il rigore religioso che era stato introdotto dalla controriforma, tali opere, scritte da intellettuali ecclesiastici, usavano un linguaggio dotto lontano dal popolo e vicino ad un pubblico colto. Il progetto teatrale venne modificato per attrarre le masse popolari e l´implementazione di personaggi comici era necessaria per rendere volgare e piu´ appetibile la rappresentazione cosi´ che furono introdotti i due personaggi, Razzullo, che nell´attuale cantata e´ interpretato da Peppe Barra e il gia´ citato Sarchiapone interpretato da un esilarante Salvatore Esposito; il sacro e il profano si intrecciano e si sovrappongono fino alla fusione finale dell´adorazione del Bambin Gesu´. L´opera narra le vicissitudini di Giuseppe e Maria nel loro viaggio verso Betlemme , le insidie dei Diavoli e la sconfitta da parte degli Angeli fino all´adorazione dei personaggi presepiali quali pastori , cacciatori e pescatori . La vis comica si manifesta con il personaggio di Razzullo, uno scrivano inviato in palestina per il censimento , affetto da una fame atavica e incapace di svolgere un lavoro stabile; nel suo viaggio e´ accompagnato da Sarchiapone, un barbiere matto in fuga per aver commesso due omicidi. I due personaggi si intrecciano regalando al pubblico comicita´ e risate e rendendo l´opera piu´ fluida e scorrevole, la fisicita´ di Sarchiapone e´ resa suggestiva da un istrionico Salvatore Esposito che piegato sulle gambe per una vistosa gobba , rende il personaggio baricentrale calamitando gli sguardi e l´attenzione crescente del pubblico che ,dimenticando il suo tragico trascorso , si concede ai sui lazzi e alle sue tratteggiate volgarita´ esprimendo un forte consenso ad un personaggio diverso ma che sa farsi amare per la tenerezza dello sguardo e l´ingenuita´ dei ragionamenti autocelebrati attraverso gli occhi strabuzzati e una risata che non ha vergogna di mostrarsi edentula. Il personaggio impera sulla scena e ,come un ribaltamento degli atavici valori, il brutto vince sul bello ,attrae e ci si sente in un rapporto simbiotico forse specchio delle brutture delle nostre anime sofferenti che attraverso l´ironia e il sorriso si liberano dalle catene che le imprigionano e come farfalle diventano leggere e pronte a volare gioiose e serene in un messaggio corale che rappresenta il vero significato del Natale e che in Sarchiapone diventa proiezione collettiva e liberatoria. Per contro Razzullo e´ imprigionato nella sua fame atavica scaltro ma reso sublime da un eccezionale Peppe Barra plastico che gioca con il maestro dell´orchestra e a tratti con il pubblico rendendo interattiva la commedia e ricevendo applausi e consensi da una platea che lontana dall´annoiarsi e´ sempre attenta accettando il ritmo incalzante e le accennate volgarita´. Accompagnano il cammino, in un altro luogo scenografico, i rivali biblici, Asmodeo, interpretato da un poliedrico Giacinto Palmarini che tra piattaforme mobili, musiche inquietanti e luci rosso intenso, domina l´intera scena con voce grave stentorea e infernale e l´Angelo interpretato da una incorruttibile Maria Letizia Gorga che nelle incursioni sceniche brandisce spada e scudo illuminando con i soli riflessi di luce l´intero teatro,e protegge il cammino di Giuseppe e Maria che, seppur protagonisti, sembrano apparire contrastando il caleidoscopico gioco di immagini suoni e luci. I pastori presepiali dal cacciatore al pastore si intrecciano con Razzullo e Sarchiapone fino alla scena finale corale e spettacolare. Lo spettacolo e´ ben equilibrato le scene di Emanuele Luzzati sono semplici e funzionali si alternano servendo i quadri interpretativi; e´ una cantata per tutti coloro che a Natale e dintorni vogliono divertirsi ma soprattutto riscoprire il significato piu´ profondo e sacrale di questo santo giorno.



© RIPRODUZIONE RISERVATA



(4 gennaio 2012)


Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google








TUFANO ELETTRODOMESTICI




"Lucia di Lammermoor" opera scritta per il San Carlo nel 1835, è il nuovo allestimento della Stagione Lirica 2011-12 del Teatro di San Carlo. Debutto venerdì 10 febbraio, alle ore 20.30

 

TAP DOGS al TEATRO VERDI di FIRENZE dal 10 al 12 febbraio
UNICA DATA IN TOSCANA

“AIDA” di Giuseppe Verdi al Teatro alla Scala dal 14 febbraio al 10 marzo 2012