Venerdì, 26 Febbraio 2021  
                                                   

Cerca:  

 

Massimo Carrino esordisce al Piccolo Massimo Troisi  con gli ingredienti giusti per un puro cabaret

Servizio di Marco Catizone

Napoli - Il comico sta lì, sospeso; lo vedi calcare il palco ligneo a mezz´aria, e tu dalla platea a chiederti quale sia l´appiglio, dove poggi il suo peso, il suo corpo scenico: v´è sempre un´ ombra di atellana memoria, il fou ammanta a sorriso il suo stocco, affonda deciso, lì dove il bastione non regge, ab imo pectore (per dirla alla romana). Ed è la risata il succoso distillato che sgorga sincero dall´opera comica, che nasce "d´amblais",  non s´arrovella nel decostruttivismo umoristico, né come satira mordente punta al castigo dei "mores" d´ogni tempo e paese. Vuole e predilige lo sghignazzo, è mistero buffo, di stampo priapesco, arlecchino dinoccolato e pezzato, servitore di nessuno all´infuori di se stesso.

E se mai ci fu patria a dargli natali, allora che almeno si conceda alla nostra Napoli di far da balia e nutrice:  e Massimo Carrino dalle poppe a cantalupo d´Amantea attinse a iosa, quasi fosse cornucopia: il comico partenopeo, già di stanza in quel di Zelig, surfando sull´onde dell´etere radiofonico in ritmata allegrezza , dispensando frattaglie comiche e sberleffi con genuina perizia, è diventato "Comico" tout court, a tutto tondo. Un ego che guizza sulle tavole del "Piccolo (ma accogliente) Teatro Massimo Troisi" in quel di San Rocco, il 29 - 30 novembre, un one man show  grottesco, a disvelare l´arcano d´uno spettacolo- terapia per tempi sfatti e peregrini: emergono fobie ed ansie sociali, emerge una Napoli in panne, la linea mezzana d´una metropoli sincopata, superata a piè in-fermo e battuta certa, un turbiglion di frenesie irresistibili da curare con risata certificata, made in sud. Pubblico partecipe a far da grancassa, un´atmosfera goliardica ben diretta dal cipiglio sulfureo del nostro, satanasso che ben amalgama l´impasto, rimestando il calderone. Uno show, una comédie humaine con ritmo, ben oliata, in scia d´ una vis comica compatta (lo spettacolo dura un´ora o poco più) eppure che s´espande a contatto con l´aria rarefatta d´un umorismo vernacolare che mai inciampa in una sintassi giovanilistica, da tronisti rintronati, figuranti a mezzobusto. Massimo Carrino esordisce con gli ingredienti giusti per  un comico puro, "da cabaret", una gavetta in sordina, vissuta pienamente; un buon inizio per un attore che ha pronto il grande salto, proiettato anche in televisione, con la nuova edizione della popolare sit-com "Fuori Corso", a breve in onda sugli schermi di Canale 9; palcoscenico perfetto, ed a più voci, per un attore che regge benissimo (e fin da ora) il monologo surreale e sincopato.

 

2 dicembre 2013

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google
















"Lucia di Lammermoor" opera scritta per il San Carlo nel 1835, è il nuovo allestimento della Stagione Lirica 2011-12 del Teatro di San Carlo. Debutto venerdì 10 febbraio, alle ore 20.30

 

TAP DOGS al TEATRO VERDI di FIRENZE dal 10 al 12 febbraio
UNICA DATA IN TOSCANA

“AIDA” di Giuseppe Verdi al Teatro alla Scala dal 14 febbraio al 10 marzo 2012