Mercoledì, 13 Novembre 2019  
                                                   

Cerca:  

 

“Disturbi di memoria” di Manlio Santanelli al Piccolo Bellini
Porfito e Serao alle prese con i “disturbi” d’un passato che ritorna
In scena dal 9 marzo al 1 aprile
Servizio di Marco Catizone

Napoli – “Siamo tutti esuli dal nostro passato”. A citar Dostoevskij, siam tutti transfughi d’una landa solcata da marosi e tempeste, figli d’un passato che tormenta nel deliquio o ristora nel conforto, pellegrini d’un culto vizioso, da concupire o blandire con preci e soliloqui. Ma tant’è; la bruma è coltre da fugare, o velo al nerofumo da stralciare, in bilico tra ricordanze leopardiane, o concordanze mannare per homines lupoidi, che radono il pelo, per celar il vizio: vezzo immaginifico di coprire o descovrire le carte d’un passato che si scala (foul, d’assi cartesiani al crocicchio) o si rimira, o si teme come suocera sull’uscio. Manlio Santanelli ne pare ben conscio, e nel suo “Disturbi di Memoria” tratteggia i prodromi di Lari dis-persi nel focolaio d’un ricordo, sfuggente come sensale d’illeciti guizzi, scazzi ipocondriaci di ciceroni d’antan; due figure, due retaggi: Severo (pimpantissimo Mario Porfito, insediatosi nel ruolo), manolete scaltro, lesto di muleta e banderillas, sgravato d’amblais nel paludato studio del suo antico companero de estudio, integerrimo penalista, incalzato con malagrazia, nè tregua, fino allo smottamento emotivo, al ricordo più vivido, sanguinante; Igino (un ottimo Lello Serao), sobrio, elegante, di falsa sicumera, radici che affondano in frasi smozzicate, cacaglie, d’una memoria smezzata, perché confortante, perché riscritta all’abbisogna. Il passato è terra straniera, lastre scolorite che tinteggiano lacerti e brandelli di identità artefatte, per apolidi che gettano moneta nel pozzo, osservando il tintinnio dei raggi che s’allargano, si slabbrano, deformando la memoria in quel che non era, in quel che si vuole essere (o almeno apparire); Saverio e Igino s’arenano sulla battigia lignea d’una zattera di fortuna, remando in controsenso, l’uno, irriverente, pungola e seduce; l’altro, avviluppato alla terra, ne seppellisce la ricordanza in falsi miti, di certezza e rimozione: un repulisti spurgante che adombra ed incupisce, una negazione a scomparto, per salvare almeno una scheggia, della zattera ai marosi. Porfito e Serao si sfidano, il rendez-vous  è giostra per parate e affondi, schermaglie ad orologeria, tempo scandito da sguardi felini al lazo, valzer di sedie scambiate come vesti, al minimo, pelle; che divengono amanti vogliose, in immaginari casini al sole berbero di lupanari d’oriente (strepitoso l’amplesso simulato da Porfito con “l’attrezzo scenico”), o refugium peccatorum per anime infanti volentate da pallide tonache “nella Grazia di Dio”, fortezze Bastiani con muraglie di carta, come veli da strappare. Il tempo non sana, fugge e scantona; sgocciola via: Saverio rappresenta sé stesso, è lupoide tragico, che del nesso causale, del lasso temporale, ha fatto brani; l’arena è inganno, il ricordo passpartout per “ingannare” tempo e vecchio amico. Le stilettate alla memoria, celano l’intermezzo d’uno scambio fraudolento, traffico illecito, d’armi o sostanze, da tener d’occhio nella via; e Igino depone la tonaca da cicerone, della sua funerea castrazione, balbettando ancora, riconoscendo il torto subito, la pena scontata, eppure mai difesa, di nulla meritevole, di nulla e così sia: non del ricordo, al massimo l’oblio. E cosa resta, del passato straniero? Polvere e macerie, ed un piccolo gingillo ad aspirarne le frustrazioni. Il passato lo si polverizza, ma la cenere s’accumula negli interstizi più minuti. Invisibili. Via, tempo scaduto.
Ottima ed asciutta la regia di Renato Carpentieri, rende spessore al testo di Santanelli, e alla perizia di due interpreti davvero convincenti.

(13 marzo 2012)


© RIPRODUZIONE RISERVATA




Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google





Carlo Cecchi all´Elfo Puccini dal 28 febbraio all´11 marzo con Abbastanza sbronzo da dire ti amo?

Milano - Abbastanza sbronzo da dire ti amo? tratta del rapporto fra "a country" e "a man", secondo l´indicazione dell´autrice. "The country" è gli Stati Uniti; "the man" è, a mio parere, un uomo europeo. O, più precisamente – essendo lo spettacolo recitato in italiano – un italiano. "The country" ha il suo vicario teatrale che si chiama, non per nulla, Sam; l´altro si chiama Guy, ma penso che non abbia molta importanza. Fra i due nasce e si sviluppa un rapporto d´amore omosessuale: l´amato è, ovviamente, Sam (The country); l´amante è Guy. leggi

Teatro Bellini 28 febbraio 4 marzo
"La resistibile ascesa di Arturo UI" con Umberto Orsini

Napoli - Uno dei lasciti più decisivi della stagione teatrale novecentesca rappresentato senza ombra di dubbio dal teatro di Bertolt Brecht: pietra di paragone per ogni sperimentazione successiva e, oggi, classico indiscusso e riconosciuto a livello internazionale. La resistibile ascesa di Arturo Ui leggi

Chiara Guidi e la Socìetas Raffaello Sanzio al Funaro di Pistoia‏ fino al 10 marzo
Pistoia - Due appuntamenti imperdibili a marzo, al Funaro di Pistoia con Chiara Guidi e la Socìetas Raffaello Sanzio: per il pubblico quello di assistere ad un nuova, affascinante esplorazione del confine fra musica e parola con MADRIGALE APPENA NARRABILE, per gli allievi attori del laboratorio che precederà le repliche la possibilità di prendere parte allo spettacolo e di girare in una mini tournée con una delle più rivoluzionarie compagnie teatrali italiane. leggi