Domenica, 28 Febbraio 2021  
                                                   

Cerca:  

 

Al Teatro San Ferdinando dal 28 febbraio al 4 marzo
"Le cinque rose di Jennifer" di Annibale Ruccello con Benedetto Casillo e Franco Javarone
Servizio di Eduardo Paola

Napoli – Martedì 28 febbraio, in prima nazionale al Teatro San Ferdinando, è andato in scena lo spettacolo teatrale "Le cinque rose di Jennifer" di Annibale Ruccello nel nuovo allestimento firmato da Pierpaolo Sepe, il quale dopo aver diretto il monologo Anna Cappelli con Maria Paiato, torna ai testi di Ruccello affidando il ruolo dei due travestiti a Benedetto Casillo e Franco Javarone. Lo spettacolo, sicuramente uno dei più attesi della stagione, si fermerà al San Ferdinando fino al 4 marzo, per poi riprendere al Teatro Nuovo dal 12 aprile. Il testo, scritto nel 1980, è considerato il manifesto della nuova drammaturgia napoletana e segna il debutto del drammaturgo/attore di Castellammare di Stabia prematuramente scomparso nel 1986. Questo nuovo allestimento, in apparenza molto “avanguardistico”, resta assolutamente fedele al testo e ai personaggi.  Jennifer, interpretato da un bravissimo e sensibilissimo Benedetto Casillo, si muove su una scenografia che ricorda le classiche trasmissioni tv anni ’60 di Antonello Falqui, dove anche il nome del protagonista, posizionato in alto a caratteri cubitali, diventa all’occorrenza elemento scenografico trasformandosi in palcoscenico per le esibizioni canore domestiche di Jennifer. Anche l’ingresso dei personaggi in scena avviene come nel più classico dei Varietà, con tanto di stacchetto musicale e applauso registrato. La solitudine dei personaggi è rappresentata con la completa mancanza di elementi in scena: telefono, radio e altri oggetti di vita quotidiana sono assenti sottolineando la condizione emotiva ed il vuoto esistenziale che annienta l’animo di Jennifer. Come ha dichiarato il regista Pierpaolo Sepe, in questa nuova messinscena le due figure  sono appesantite anche dal fisico e da un’età non più giovanissima, un elemento che riesce a dare ancora più forza e drammaticità, lasciando immaginare un trascorso di una vita fatta di emarginazione, di delusioni e amarezze, elementi che trovano il momento clou nella scena in cui Jennifer ha la consapevolezza che Franco non telefonerà mai e che mai varcherà la soglia di casa, e si abbandona al suo dolore attaccandosi ad una bottiglia di whisky, affogando la sua disperazione e lasciando che le lacrime sciolgano il trucco e il cerone in viso, ormai inutili. Benedetto Casillo entra in punta di piedi nei difficili panni di Jennifer, con una recitazione calibrata, ricca di sfumature sia vocali che gestuali trasmettendo l’angoscia, la paura, la disperazione, l’illusione e la solitudine di un personaggio che va oltre qualsiasi etichetta sessuale, sociale, umana. Franco Javarone con la sua fisicità marcata fa a pugni con l’immagine stereotipata del travestito Anna, dando al personaggio una drammaticità soprattutto fisica. Questa nuova messinscena allestita per i 25 anni dalla morte di Annibale Ruccello può considerarsi una grande scommessa vinta, che mette in luce tutta la forza drammatica di un testo che ha come tema principale un male che paradossalmente, oggi più che mai, nell’era della comunicazione è sempre più presente e angosciante: la solitudine.



(2 marzo 2012)

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Seguici su




Consiglia questo indirizzo su Google








TUFANO ELETTRODOMESTICI



Carlo Cecchi all´Elfo Puccini dal 28 febbraio all´11 marzo con Abbastanza sbronzo da dire ti amo?

Milano - Abbastanza sbronzo da dire ti amo? tratta del rapporto fra "a country" e "a man", secondo l´indicazione dell´autrice. "The country" è gli Stati Uniti; "the man" è, a mio parere, un uomo europeo. O, più precisamente – essendo lo spettacolo recitato in italiano – un italiano. "The country" ha il suo vicario teatrale che si chiama, non per nulla, Sam; l´altro si chiama Guy, ma penso che non abbia molta importanza. Fra i due nasce e si sviluppa un rapporto d´amore omosessuale: l´amato è, ovviamente, Sam (The country); l´amante è Guy. leggi

Teatro Bellini 28 febbraio 4 marzo
"La resistibile ascesa di Arturo UI" con Umberto Orsini

Napoli - Uno dei lasciti più decisivi della stagione teatrale novecentesca rappresentato senza ombra di dubbio dal teatro di Bertolt Brecht: pietra di paragone per ogni sperimentazione successiva e, oggi, classico indiscusso e riconosciuto a livello internazionale. La resistibile ascesa di Arturo Ui leggi

Chiara Guidi e la Socìetas Raffaello Sanzio al Funaro di Pistoia‏ fino al 10 marzo
Pistoia - Due appuntamenti imperdibili a marzo, al Funaro di Pistoia con Chiara Guidi e la Socìetas Raffaello Sanzio: per il pubblico quello di assistere ad un nuova, affascinante esplorazione del confine fra musica e parola con MADRIGALE APPENA NARRABILE, per gli allievi attori del laboratorio che precederà le repliche la possibilità di prendere parte allo spettacolo e di girare in una mini tournée con una delle più rivoluzionarie compagnie teatrali italiane. leggi