Mercoledì, 12 Agosto 2020  
                                                   

Cerca:  

 

Al teatro Bellini "Terrybilmente divagante" con una spumeggiante e incontenibile Teresa Mannino

Servizio di Eduardo Paola

Napoli - Martedì 27 novembre al teatro Bellini è andata in scena la prima dello spettacolo "Terrybilmente divagante" con una spumeggiante ed incontenibile Teresa Mannino. Lo spettacolo, presente nei cartelloni di tutt´Italia già da due stagioni, condensa il meglio del repertorio proposto nelle varie ospitate televisive dalla comica siciliana. Teresa Mannino rappresenta infatti uno di quei nuovi fenomeni comici nati dal piccolo schermo. E´ il 2007 l´anno della grande notorietà con il fortunato programma "Zelig". Sarà poi tra i protagonisti di punta del famoso programma televisivo in diverse edizioni. Il 2012 è un anno particolarmente fortunato per l´attrice palermitana, che oltre ad aggiudicarsi l´Oscar tv come personaggio rivelazione dell´anno fa la sua prima esperienza da conduttrice in un programma tutto suo, "Se stasera sono qui", in onda ogni mercoledì su La7. Lo spettacolo "Terrybilmente divagante" sbarca per la prima volta a Napoli e viene accolto con entusiasmo dal numeroso e caloroso pubblico del Bellini, che non risparmia fragorose risate e applausi a scena aperta. In una scenografia prevalentemente rosa con giganteschi oggetti di vita quotidiana, la Mannino si muove con disinvoltura da un punto all´altro. L´attrice, ride, si diverte e interagisce col pubblico, che non solo si presta al gioco ma addirittura contribuisce alla riuscita dello spettacolo. Infatti più che un monologo, lo show diventa un dialogo col pubblico, che diventato parte integrante dello spettacolo si lascia trascinare nelle mille divagazioni della terribile Teresa. Tra racconti di famiglia, abitudini, pregi e difetti di milanesi e meridionali volano quasi due ore. Punto forte dello show è il racconto della sua esperienza personale di siciliana trapiantata a Milano con tutte le conseguenze che la situazione comporta. Dal difficile rapporto col clima a quella col cibo, dalla diversa cognizione del tempo alle gestione dei rapporti interpersonali. Sempre più spesso assistiamo a fenomeni televisivi che fuori dal piccolo schermo non riescono a sopravvivere o a reggere uno spettacolo dal vivo. "Terrybilmente divagante" diventa il banco di prova della Mannino, che dimostra di funzionare non solo nei ristetti tempi televisivi, ma anche in uno show dal vivo, grazie ad una grande presenza scenica e padronanza del palco, riuscendo a calamitare l´attenzione del numeroso pubblico per tutta la durata dello spettacolo.

30 novembre 2012

© RIPRODUZIONE RISERVATA




Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google





 






Teatro Comunale di Modena. Saranno disponibili da lunedì primo ottobre i nuovi abbonamenti alla Stagione d’opera, nonché i biglietti per le recite fuori abbonamento di Don Carlo, Otello e del musical Grease (dal 9 ottobre anche per tutte le altre rappresentazioni). Il primo appuntamento, in scena il 17 ottobre, sarà con un nuovo allestimento del Don Carlodi Verdi curato dal Teatro Comunale e ispirato alla regia di Luchino Visconti. Grazie a una speciale collaborazione fra il Teatro e l’Università di Modena e Reggio Emilia, agli studenti viene offerta la possibilità di un’agevolazione di oltre il settanta per cento sul prezzo dell’abbonamento.

 

 

Prima nazionale dal 7 marzo al 1 aprile al Teatro Gobetti di Torino in anteprima ad Asti, Pinerolo e Rivoli

LA BOTTEGA DEL CAFFE´ una storia di intrighi e veleni

Torino - La compagnia ACTI Teatri Indipendenti diretta da Beppe Rosso ha sviluppato il nuovo spettacolo, in coproduzione con il Teatro Stabile di Torino, partendo da La Bottega del caffè di Carlo Goldoni, opera destinata a diventare un titolo celebre e che nel tempo ha suscitato riletture complesse, come quella di Rainer Werner Fassbinder. L´idea del progetto è quella di una scrittura nuova ad opera di Luca Scarlini, che, senza tradire la scansione, i temi e le battute micidiali del testo originale, parli ad un oggi segnato dalla crisi economica e dal dominio dell´informazione. (nella foto: Elia Schilton)leggi