Giovedì, 17 Ottobre 2019  
                                                   

Cerca:  

 

“Disturbi di memoria” di Manlio Santanelli al Piccolo Bellini
Porfito e Serao alle prese con i “disturbi” d’un passato che ritorna
In scena dal 9 marzo al 1 aprile
Servizio di Marco Catizone

Napoli – “Siamo tutti esuli dal nostro passato”. A citar Dostoevskij, siam tutti transfughi d’una landa solcata da marosi e tempeste, figli d’un passato che tormenta nel deliquio o ristora nel conforto, pellegrini d’un culto vizioso, da concupire o blandire con preci e soliloqui. Ma tant’è; la bruma è coltre da fugare, o velo al nerofumo da stralciare, in bilico tra ricordanze leopardiane, o concordanze mannare per homines lupoidi, che radono il pelo, per celar il vizio: vezzo immaginifico di coprire o descovrire le carte d’un passato che si scala (foul, d’assi cartesiani al crocicchio) o si rimira, o si teme come suocera sull’uscio. Manlio Santanelli ne pare ben conscio, e nel suo “Disturbi di Memoria” tratteggia i prodromi di Lari dis-persi nel focolaio d’un ricordo, sfuggente come sensale d’illeciti guizzi, scazzi ipocondriaci di ciceroni d’antan; due figure, due retaggi: Severo (pimpantissimo Mario Porfito, insediatosi nel ruolo), manolete scaltro, lesto di muleta e banderillas, sgravato d’amblais nel paludato studio del suo antico companero de estudio, integerrimo penalista, incalzato con malagrazia, nè tregua, fino allo smottamento emotivo, al ricordo più vivido, sanguinante; Igino (un ottimo Lello Serao), sobrio, elegante, di falsa sicumera, radici che affondano in frasi smozzicate, cacaglie, d’una memoria smezzata, perché confortante, perché riscritta all’abbisogna. Il passato è terra straniera, lastre scolorite che tinteggiano lacerti e brandelli di identità artefatte, per apolidi che gettano moneta nel pozzo, osservando il tintinnio dei raggi che s’allargano, si slabbrano, deformando la memoria in quel che non era, in quel che si vuole essere (o almeno apparire); Saverio e Igino s’arenano sulla battigia lignea d’una zattera di fortuna, remando in controsenso, l’uno, irriverente, pungola e seduce; l’altro, avviluppato alla terra, ne seppellisce la ricordanza in falsi miti, di certezza e rimozione: un repulisti spurgante che adombra ed incupisce, una negazione a scomparto, per salvare almeno una scheggia, della zattera ai marosi. Porfito e Serao si sfidano, il rendez-vous  è giostra per parate e affondi, schermaglie ad orologeria, tempo scandito da sguardi felini al lazo, valzer di sedie scambiate come vesti, al minimo, pelle; che divengono amanti vogliose, in immaginari casini al sole berbero di lupanari d’oriente (strepitoso l’amplesso simulato da Porfito con “l’attrezzo scenico”), o refugium peccatorum per anime infanti volentate da pallide tonache “nella Grazia di Dio”, fortezze Bastiani con muraglie di carta, come veli da strappare. Il tempo non sana, fugge e scantona; sgocciola via: Saverio rappresenta sé stesso, è lupoide tragico, che del nesso causale, del lasso temporale, ha fatto brani; l’arena è inganno, il ricordo passpartout per “ingannare” tempo e vecchio amico. Le stilettate alla memoria, celano l’intermezzo d’uno scambio fraudolento, traffico illecito, d’armi o sostanze, da tener d’occhio nella via; e Igino depone la tonaca da cicerone, della sua funerea castrazione, balbettando ancora, riconoscendo il torto subito, la pena scontata, eppure mai difesa, di nulla meritevole, di nulla e così sia: non del ricordo, al massimo l’oblio. E cosa resta, del passato straniero? Polvere e macerie, ed un piccolo gingillo ad aspirarne le frustrazioni. Il passato lo si polverizza, ma la cenere s’accumula negli interstizi più minuti. Invisibili. Via, tempo scaduto.
Ottima ed asciutta la regia di Renato Carpentieri, rende spessore al testo di Santanelli, e alla perizia di due interpreti davvero convincenti.

(13 marzo 2012)


© RIPRODUZIONE RISERVATA




Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google






 






Teatro Comunale di Modena. Saranno disponibili da lunedì primo ottobre i nuovi abbonamenti alla Stagione d’opera, nonché i biglietti per le recite fuori abbonamento di Don Carlo, Otello e del musical Grease (dal 9 ottobre anche per tutte le altre rappresentazioni). Il primo appuntamento, in scena il 17 ottobre, sarà con un nuovo allestimento del Don Carlodi Verdi curato dal Teatro Comunale e ispirato alla regia di Luchino Visconti. Grazie a una speciale collaborazione fra il Teatro e l’Università di Modena e Reggio Emilia, agli studenti viene offerta la possibilità di un’agevolazione di oltre il settanta per cento sul prezzo dell’abbonamento.

 

 

Prima nazionale dal 7 marzo al 1 aprile al Teatro Gobetti di Torino in anteprima ad Asti, Pinerolo e Rivoli

LA BOTTEGA DEL CAFFE´ una storia di intrighi e veleni

Torino - La compagnia ACTI Teatri Indipendenti diretta da Beppe Rosso ha sviluppato il nuovo spettacolo, in coproduzione con il Teatro Stabile di Torino, partendo da La Bottega del caffè di Carlo Goldoni, opera destinata a diventare un titolo celebre e che nel tempo ha suscitato riletture complesse, come quella di Rainer Werner Fassbinder. L´idea del progetto è quella di una scrittura nuova ad opera di Luca Scarlini, che, senza tradire la scansione, i temi e le battute micidiali del testo originale, parli ad un oggi segnato dalla crisi economica e dal dominio dell´informazione. (nella foto: Elia Schilton)leggi