Domenica, 07 Giugno 2020  
                                                   

Cerca:  

 

Al teatro Diana UN ISPETTORE IN CASA BIRLING di John Boynton Priestley con la regia di Giancarlo Sepe
Servizio di Mario Migliaccio

Napoli - "Siamo cittadini rispettabili e non criminali, ma alla fine non c´è molta differenza". Con questa frase, Paolo Ferrari, che con Andrea Giordana è il protagonista dello spettacolo, ci fa comprendere che nonostante il testo sia datato 1946, è ancora molto attuale. Un classico della scena inglese del ´900, "Un ispettore in casa Birling", che già nel titolo ammicca alla popolarità del genere poliziesco, è un testo in cui la trama procede con la tensione e la suspense proprie di un giallo. La storia narra le vicende della famiglia Birling nell´anno 1912, precisamente nel momento in cui la famiglia festeggia il proprio benessere finanziario e il fidanzamento della figlia Sheila con un giovane industriale: abiti da sera, cena e vini d´annata sono caratteristiche proprie di una famiglia dell´alta società. Mentre tutto fila liscio verso la conclusione, bussano alla porta: ecco che in scena appare l´ispettore Goole (Paolo Ferrari), che annuncia il suicidio di Eva Smith, una giovane ex-dipendente in uno degli stabilimenti Birling, licenziata due anni prima in quanto attivista sindacale. L´ispettore interroga i membri della famiglia a partire proprio dal capo famiglia, il signor Arthur (Andrea Giordana) e proseguendo poi con, la moglie, presidentessa di un comitato di beneficenza, il figlio alcolizzato, la figlia isterica ed il suo spasimante, un rampollo capitalista, i quali risultano tutti, ciascuno per un motivo diverso, coinvolti nella vita di Eva e potenzialmente responsabili dell´atto suicida della giovane ragazza. Da sottolineare è anche il ruolo della domestica, che esegue cinicamente e senza battere ciglio gli ordini di Goole e di Arthur. Terminata l´indagine, l´Ispettore se ne va e i Birling cominciano a interrogarsi sull´accaduto. Scoprono che Goole non fa parte della polizia e sono anche assaliti dal dubbio che la ragazza, di cui negli ospedali di zona non risulta traccia, non sia mai esistita. Ma quando tutto sembra ormai avviato a tornare nella consueta e tranquilla routine familiare, all´improvviso squilla il telefono: all´altro capo del filo è la polizia…
"Un ispettore in casa Birling", sul palcoscenico del Diana fino al 16 dicembre, è sicuramente uno spettacolo che non annoia il pubblico, anzi, fa si che tra esso sorgano domande, rendendo quindi il pubblico in sala partecipe di quanto accade sul palcoscenico. La rappresentazione è ricca di colpi di scena alla Hitchcock che ogni volta fanno sorgere dei dubbi nei confronti dell´assassino. L´ambientazione è alquanto surreale e misteriosa poiché ci si trova si in una casa, ma i richiami relativi alla natura sono tanti, come ad esempio il pavimento della casa, rappresentato da un enorme prato. La regia di Giancarlo Sepe è straordinaria, in quanto in alcuni tratti dello spettacolo, sembra davvero di assistere ad un film, come nella scena in cui i Birling ricostruiscono tutta la sequenza di come si sono svolti i fatti, compiendo quindi, le loro azioni al contrario, appunto come se si stesse riavvolgendo il nastro di una cassetta. Eccellenti sono anche le musiche, che danno una grossa mano agli attori nel mantenere una suspense continua dall´inizio alla fine dello spettacolo. Nel trucco, invece, sono da apprezzare i volti dei personaggi, poiché essi hanno un leggero colorito bianco, come a voler mettere in evidenza la società, fredda e cinica, di cui tutti fanno parte.

16 dicembre 2012


© RIPRODUZIONE RISERVATA




Seguici su



Consiglia questo indirizzo su Google





 






Teatro Comunale di Modena. Saranno disponibili da lunedì primo ottobre i nuovi abbonamenti alla Stagione d’opera, nonché i biglietti per le recite fuori abbonamento di Don Carlo, Otello e del musical Grease (dal 9 ottobre anche per tutte le altre rappresentazioni). Il primo appuntamento, in scena il 17 ottobre, sarà con un nuovo allestimento del Don Carlodi Verdi curato dal Teatro Comunale e ispirato alla regia di Luchino Visconti. Grazie a una speciale collaborazione fra il Teatro e l’Università di Modena e Reggio Emilia, agli studenti viene offerta la possibilità di un’agevolazione di oltre il settanta per cento sul prezzo dell’abbonamento.

 

 

Prima nazionale dal 7 marzo al 1 aprile al Teatro Gobetti di Torino in anteprima ad Asti, Pinerolo e Rivoli

LA BOTTEGA DEL CAFFE´ una storia di intrighi e veleni

Torino - La compagnia ACTI Teatri Indipendenti diretta da Beppe Rosso ha sviluppato il nuovo spettacolo, in coproduzione con il Teatro Stabile di Torino, partendo da La Bottega del caffè di Carlo Goldoni, opera destinata a diventare un titolo celebre e che nel tempo ha suscitato riletture complesse, come quella di Rainer Werner Fassbinder. L´idea del progetto è quella di una scrittura nuova ad opera di Luca Scarlini, che, senza tradire la scansione, i temi e le battute micidiali del testo originale, parli ad un oggi segnato dalla crisi economica e dal dominio dell´informazione. (nella foto: Elia Schilton)leggi