“Le Cattedrali dell’effimero”

di Italo Pignatelli

“Le Cattedrali dell’effimero”, in mostra all’Accademia di Belle Arti di Napoli fino al 30.11.15, è un viaggio bibliografico, iconografico, documentario delle grandi Esposizioni a cura di Manuela D’Agostino e Barbara Costantino. Lo scopo è stimolare gli studenti alla conoscenza osservazione interpretazione del cospicuo patrimonio bibliografico della storia dell’arte sito presso la biblioteca “Anna Caputi” dell’Accademia e nella Biblioteca Nazionale di Napoli che custodisce più di due milioni di libri, centinaia di manoscritti antichi e gli scritti di Leopardi.

L’Italia, patria del libro sin dall’antico periodo romano con raccolta di classici di filosofia teatro letteratura di autori greci e latini, è stata sempre presente alle Mostre internazionali del libro. In mostra opere edite ed esposte a Londra Parigi Vienna Saint Louis dal 1851 al 1911 quest’ultima data ricorda quella di Roma in occasione del 50° anniversario dell’Unità.

La pagina scritta è la Memoria. Il libro ha sempre stimolato alla conoscenza, scoperte, invenzioni, viaggi essendo strumento di creatività per architettura, cinema, musica, teatro, pittura, danza, lirica. Il Vecchio Testamento per Cimabue e Giotto, l’Eneide  per Dante e la sua Commedia per pittori. Il libro è simbolo di un popolo amante della cultura che vive la Libertà,  la Democrazia, dedito a cooperare per la Pace Uguaglianza Fratellanza. Stimola alla lettura  per conoscere, studiare, amare il suo simile e il diverso per scelte di fede religiosa politica sessuale, incontrare e convivere altre etnie con usi costumi religione diverse dalle proprie, rispettare l’ambiente e la natura con i suoi alberi, papiri, pietre primi elementi usati per scrivere comunicare ricordare viaggiare insegnare costruire disegnare dipingere.

Accademia di Belle Arti via Bellini 36. Ingresso libero e visite guidate solo su prenotazioni. Orari: da lunedì al venerdì ore 10-13 e 14-16 tel.081.441900 int.6

e-mail biblioteca@accademiadinapoli.it ufficio stampa Costanaza Pellegrini 

 

Condividi su Facebook