Cuore Azzurro

Diario di una passione e di una educazione civile

di Italo Pignatelli

  Scritto da Giacomo Mazzola edito da ICM, si legge nelle 94 pagine la storia del Calcio Napoli dagli anni settanta. Giacomo nasce tifoso a sei anni nel campionato 74-75 nella partita Napoli-Inter (3 a 1) al San Paolo in cui vede giocare Sandro, detto il baffo, Boninsegna, Bruscolotti. Il Napoli aveva Vinicius come allenatore e l’Inter Suarez. In quell’anno il Napoli  con Braglia e totonno perde lo scudetto per un goal di Altafini core ingrato che aveva lasciato la nostra squadra per la Juve. Nel diario vengono ricordati presidenti, allenatori, giocatori, vittorie e sconfitte, gioie e delusioni. Nella passerella della memoria sfilano: il bomber Peppe, il giaguaro, Sala, peppiniello Massa, Zoff, Rudy, Diaz, Dirceu, Sivori el cabezon, il Diego, Bagni, Giordano, Renica o scellone, Bertoni, Pecci, garellik, Ferrara, Carnevale, Careca, pale ‘e fierre, Corradini, Alemao, Giuliani, il tamburino sardo, il castorino, Di Canio, Cruz il maciste, Schwoch, Zalayeta, superbike, el tanque, Gargano, Quagliarella. Lavezzi, Cavani, De Santis, Hamsik, Pandev, Inler, Fernandez, Albiol, Callejon, el petita, Mertens, Rafael, Reyna, Zapata, Pesaola, Bianchi, Ranieri, Lippi, Novellino, Zeman, Reja, Mazzari, Benitez, Ferlaino, Corbelli, De Laurentis. Le vittorie del Campionato sono descritte come INNI alla GIOIA. Ricorda gli scudetti, le vittorie in Coppa Italia, il ritorno in A nel 2000.

Giacomo come un pifferaio magico ci porta nella storia del Club azzurro. Nella passione per il pallone tesse la cultura, gli avvenimenti della storia degli ultimi decenni, le Olimpiadi e gli incontri internazionali di altre discipline sportive, i film più belli, gli accadimenti da ricordare tra cui il terremoto dell’80, il ferimento di Papa Giovanni Paolo, la caduta del Muro di Berlino, la morte di Jeppson nel 2013.

Srotola la sua vita, la sua passione da tifoso, la storia scritta dall’umanità dagli anni ’80 in poi  senza far emergere le sue inquietudini di adolescente o di professionista. E’ un diario specchio in cui ognuno può riflettere e ritrovare frammenti di memoria del suo passato.

La lettura è talmente ricca di episodi ammiccanti che ci fa rivivere il nostro vissuto scartando tutte le esperienze più struggenti.

Condividi su Facebook