"Il segno di Giotto", di Pippo Cangiano

di Italo Pignatelli

 

ZTN – Zona Teatro Naviganti  apre la sua seconda stagione con "Il segno di Giotto", di Pippo Cangiano,  sabato 3 e domenica 4 ottobre. In un quartiere popolare di Napoli, un giovane  di vent'anni, autistico, ma autosufficiente, vede invaso l'appartamento dove è rimasto solo per la  scomparsa della madre da un losco individuo che lo sequestra per ventiquattro ore. Un evaso soprannominato Giotto. Superato lo shock iniziale, Umberto comincia una instancabile difesa di se del suo ambiente, del suo passato e presente. Una serie di coincidenze, involontariamente scaturite dal giovane, trasformano  quello che, per lui, si prospettava come un tragico giorno, in un inaspettato momento favorevole.
ln scena il racconto di due “anime”,  legate da un filo conduttore. Umberto il  ventenne napoletano e Giotto,  cinquantasettenne malvivente napoletano evaso dal carcere. “I volti le parole, i gesti e le emozioni, che emergono naturalmente dalla storia, sono un boato, silenzioso ed inatteso, che passo dopo passo mostra al pubblico l’animo, nobile e corroso, di chi “subisce” la propria esistenza.”(Cangiano). In scena Riccardo Citro, regia Pippo Cangiano.
Scene: Federica Del Gaudio 

Addetto stampa: Emma Di Lorenzo m.emmadilorenzo@gmail.com3394290222
Sabato 3 Ottobre ore 21  Domenica 4 Ottobre ore 19
ZTN – Zona Teatro Naviganti – Vico Bagnara, 3a (Piazza Dante)
Prenotazioni
:  3383722799

 

Condividi su Facebook