28 -'O gallo canta matina

 

 

 

di  Claudio Pennino

 

Il gallo è strettamente associato al sole, di cui annuncia il sorgere. In tutte le tradizioni, è alleato delle forze benefiche e protrettrici, allontanando e scacciando gli spiriti maligni e i demoni della notte, i quali spariscono e si rendono invisibili al suo primo canto. Cosciente della propria forza fisica, si narra che il gallo è tanto audace da terrorizzare anche i leoni e i basilischi.  

Canta ai primi bagliori del sole, proclamando col suo canto l’inizio della giornata; perciò quando il giorno successivo si annuncia denso di impegni e di fatiche, si dice: dimane ’o gallo canta matina.  

La sua caratteristica voce rauca, poco limpida, bassa e cupa, è spesso associata alla voce di una persona affetta da raucedine, alla quale, per dileggio, si dice ironicamente: pare nu gallo affucato.  

Nella mitologia greca, il gallo è consacrato al dio solare Apollo, ma è anche associato a Persefone, principio luminoso degli Inferi, e a Ermes, messaggero degli dei.  

La leggenda narra che le sue funzioni sacre di annunciare il giorno gli furono assegnate da Ares, il dio della guerra. La bella Afrodite, infedele al marito Efesto, si incontrava di notte col dio Ares. Questi, previdente, mise di sentinella il suo favorito Alettrione, il quale, però, una notte si addormentò dimentocando di avvisare gli amanti dell’arrivo di Efesto che li colse in flagrante.

Per questa sua mancanza, Ares punì Alettrione trasformandolo in un gallo (alectryòn è il nome greco del gallo), uccello che da allora in avanti avrebbe avuto il compito, senza più venir meno al suo incarico, di annunciare il sorgere del sole.  

Oltre al suo simbolismo solare il gallo incarna il principio maschile, la virilità e l’aggressività del combattente: la sua costante disponibilità all’accoppiamento gli conferiscono l’appellativo di « don Giovanni del pollaio ». Il gallo si “sciascea” tra le galline, le corteggia, le insegue, le pizzica, le invita al cibo... perché quando trova il becchime, non lo mangia, ma chiama le galline e lo divide con esse. E poi si lascia coccolare godendo di tutti quei vantaggi che sono propri del maschio. Non a caso chi si pavoneggia e fa il galletto con le donne si dice che fà ’o vallo mmiez’ ’e galline.  

Edoardo Nicolardi, raffinato e delicato poeta napoletano, lo descrive così in una sua emblematica e significativa poesia dal titolo ’A sveglia:

 

Ma che rilorgio preciso!

Maie nu minuto nun sposta!

Ma ch’esattezza, Ggiesù,

quann’ è ca dà chill’avviso

tunno e deciso: « Cucuricùùùù!... »

 

E ’a dinto a tutt’ ’e pullare

(ma so’ centenare? ma quante ne so’?)

vene, pricisa ’a risposta:

Na voce ’e basso cantante « cocoricòòòò... »

Na voce fresca ’e tenore: « chichirichìììì »

Na voce fàuza accussì,

meza no,

meza sì...

 

Ntrona ’sta voce pe’ ll’aria

dint’ ’o silenzio d’ ’e ccose:

p’ ’a via sulitaria,

p’ ’a via d’ ’a città,

’n campagna, attuorno ’e ppagliare,

mmiezo ’e scampìe, mmiezo ’e vvigne,

pe’ ttuorno ’a piscina,

pe’ ’n copp’ ’e llogge d’ ’e ccase,

dint’ ’e suppigne,

dint’ ’a vinella, ’int’ ’o vascio,

llà ncoppa, llà bbascio,

vicina e luntana,

luntana e vicina...

 

Tanno se scetano ’e ccose.

Se sceta ’a primma campana.

Se sceta ’o massaro.

Se sceta ’o faticatore.

Se sceta ’o Sole, e se sóse.

 

E passa, siscanno, ’o craparo

c’ ’o siscariello ’e chiuppo, a sei pertose.

 

Tanno, ’o rilorgio priciso

nun tene a cchi scetà cchiù.

Ll’ha dato e abbasta, l’avviso:

« Cucuricùùùù ».

 

Tanno fa ’o nzisto... È sgargiante.

’E ppenne ncuollo so’ d’oro,

so’ ’e ciento culure.

Se dà da fà: mmiezo ’e ppiante...

Pe copp’ ’e llogge... ’Int’ ’o vico...

Chiamma ’e mmugliere e va nnante:

« Venite vuie pure cu mmico... »

 

E mmiezo a lloro sciascéa.

quanno have a ttaglio una ’e lloro,

che vvuò ca te dico?

Struscia na scella nterra, e se quartéa.

 

Ma, a vvintun’ore, ammasóna.

E a ll’ora giusta, dimane,

è chesta ’a sveglia ca sona!

È chesta ’a voce ca ntrona,

e sceta ’e cristiane...

 

E a chi già trova scetato

pecché, turmentato,

nun po’ durmì cchiù,

è nu cunforto ’sta voce;

nu bàlzamo doce

’stu « cucuricù ».

 

 

prima parte - continua

21/12/2013

 

  Condividi su Facebook