47 - Abbuffà ’e zéfere ’e viento   

 

di Claudio Pennino

   

L’espressione abbuffà ’e zéfere ’e viento, si dice, ironicamente, nei confronti di chi promette senza mantenere gli impegni, di chi gonfia i propri racconti con frottole e bugie. Zefiro, o Zeffiro, è uno dei venti che soffia da ponente soprattutto in primavera, divenendo di tale stagione il messaggero: Zefiro torna, e ’l bel tempo rimena, scrive il Petrarca. Infatti, viene raffigurato come un giovane alato, che tiene in mano un mazzo di fiori primaverili. Nel dipinto Nascita di Venere del Botticelli, egli compare mentre soffia la vita nella Primavera o sospinge Venere verso la riva. Per la sua leggerezza e dolce brezza, è inteso, metaforicamente, come parola dolce usata come falsa e ingannevole promessa, finta attenzione con cui si cerca di accattivarsi la simpatia e la benevolenza di qualcuno. Mentre abbuffarse ’e zéfere ’e viento, vuol dire darsi delle arie, assumere un atteggiamento di superiorità. Altra variante è la locuzione essere nu pallone ’e viento, che significa essere una persona piena di sé, tronfia e superba ma priva di qualità.

 

Nei modi di dire popolari, il vento è simbolo di vanità, di instabilità e mutevolezza, con allusione all’incostanza e al suo cambiamento veloce in virtù dell’agitazione che lo caratterizza e, pertanto, tené ’a capa a viento, vuol dire essere una persona poco affidabile, mentre tené ’o core ca va a viento, vuol dire essere in preda ad una forte agitazione, provare sconcerto per timore o paura.

L’espressione dà viento â cumeta, vuol dire assecondare il borioso, dare libero sfogo al presuntuoso, la cui naturale variante è quanno ’a cumeta ’o vvò, dalle ’o ccuttone, sciogligli le briglie, lascialo andare.

All’indirizzo di chi invece mangia pochissimo, che non ha grandi esigenze o bisogni, che si accontenta di poco, che vive frugalmente, non avendo alcuna risorsa, si dice, ironicamente, ca campa ’e viento.

 

Per concludere, come non citare l’icastica espressione ’o sfizio d’ ’o viento è ’a mmummara, che si dice quando qualcuno si diverte perfidamente a tormentare una persona impacciata, punzecchiandola nel suo punto debole. Il modo di dire richiama l’immagine del vento che intorno all’imboccatura della mmummara, l’anfora di creta usata per il trasporto dell’acqua solfurea, può risuonare come e quanto gli aggrada. Analoga variante è l’espressione ’o spasso d’ ’o cardillo è ’o pappamosche. Giova precisare che in questo caso il pappamosche è la cinciallegra, uccello cantatore con cui si diverte il cardellino, e non il ragno.

 

Nel campo della poesia dialettale, il vento ha ispirato, proprio per il suo simbolismo, molti poeti che lo hanno utilizzato in diverse ed efficaci metafore.

Nella poesia Arietta ’e stagione, l’improvviso sopraggiungere del vento che scompiglia l’ordinata giornata del vicolo, è l’occasione, per il poeta Giovanni Panza, di assaporare, in piena estate, una maliconica giornata autunnale:

 

E me piace quacche vota,

dint’ ’o fforte d’ ’a stagione,

vedé ’o tiempo ca s’avota

tutto nzieme, sentì ’e tuone...

 

vedé l’aria farse scura,

mentre ’e ppiante, ’e strate, ’e ccase

’e cculate ’e panne spase

fanno ’a faccia d’ ’a paura...

 

E me piace vedé ’o viento

ch’arravoglia ’e ffronne, ’e ccarte

sott’ ’o muro, nu mumento,

e s’ ’e pporta a n’ata parte.

 

’E vedé nfonnere ’e tteste

quanno, ’e botto, ll’acqua cade:

’e vedé ch’ ’a ggente abbada

a nzerrà porte e feneste.

 

E me piace chill’addore

nfuso, ’e terra, risciatà,

ca me fa sentì ’o sapore

’e ll’autunno int’ a ll’Està.

 

 

 

seconda e ultima parte

 

 

26 marzo 2015  

Condividi su Facebook