42 - Campà peggio d’ ’e bbestie

di Claudio Pennino

 

Il poeta Pasquale Cinquegrana, di professione maestro elementare e appassionato cultore della lingua napoletana, tanto che diede alle stampe alcuni volumetti didattici con i quali insegnava, ai bambini napoletani a parlare e scrivere correttamente la lingua napoletana, nel 1920 pubblicò un ironico volumetto di versi intitolato ’A felicità d’ ’e bestie, col chiaro proposito di dimostrare quanto le bestie, fin dalla nascita, fossero più felici degli uomini:

 

L’animale nun pavano né ttasse, né pesone,

nun sanno ch’ è ’o sequestro, ch’ è ’a citazione.

Nfra loro nun ce stanno usciere e magistrate,

e nun ce stanno miedece, c’accidene ’e malate;

Nun ce stanno pagliette, ca spogliene ’e cliente,

ca pe salvà ’o briccone, ruvinano ’o nnucente.

Pe lloro nun ce so’ carcere, nun ce so’ tribunale,

nun ce so’ manicomie, né scole, né spitale.

Vedite, ognuno ’e lloro, nasce bell’ e vestuto...

Tene nu manto ncuollo cchiù liscio ’e nu velluto.

Guardate, riflettite, nu poco ll’avucielle,

cu chelli ppenne ncuollo lisce, lucente e belle.

Si n’avite ’o curaggio, mettite a paragone

’a coda ’e na signora c’ ’a coda ’e nu pavone.

Guardate ’e ppecurelle, vanno... che bella cosa!

vestute tutte quante ’e lana prezzïosa.

Tenite mente a ’e tigre... Porteno cierti mante

ca overo nun ’e pporteno ncuollo manco ’e rignante!

Guardate l’ermellino... Che pelle sopraffina!...

E mo s’ ’o faciarria nu manto, na riggina!...

E nuie? Nuie speculammo vicino ’a strazzione

pe farce nu cappiello o pure nu cazone.

E che cazone!... rrobba ’e doje tre lire ’o metro

e spisso po’ purtammo pure ’o funniello addietro.

O voi, ca tenite ’o sarto a mese, e spesso

pavà nunn’ ’o putite, parlate voi adesso.

Descrivitele vuje chilli belli mumente,

quanno vene ’o sartore, e nun le date niente!

 

Eppure, se si consulta un qualsiasi vocabolario della lingua italiana alla voce « bestia », oltre al significato di animale in genere, è riportato, in senso traslato, il significato di « persona ignorante, maleducata, stupida | persona che si comporta con violenza e brutalità ».  

Con questa accezione, il termine bestia è presente in molti modi di dire napoletani, a partire dal più comune campà comm’ ’e bbestie, che vuol dire vivere in modo incivile, inumano; la cui variante naturale è campà peggio d’ ’e bbestie.

Ma chi ha visto mai una bestia femmina ammazzare i propri cuccioli?  

L’uomo è naturalmente escluso da questa categoria, anzi spesso è in contrapposizione alla bestia, essendo dotato di ragione e discernimento, come scriveva il sommo poeta Dante: lo pensiero è proprio atto de la ragione, perché le bestie non pensano.  

Perciò, quando un uomo perde il controllo di sé, diventando violento, ricorrendo alla forza bruta per risolvere una questione; quando diventa intrattabile, scontroso, insomma, una persona con la quale non è facile ragionare, si dice: è addeventato na bestia.

Come pure faticà o sudà comme a na bestia, equivale a sottoporsi a pesanti lavori materiali, o senza riposo. Per l’immagine aggressiva e brutale che essa rimanda, essere na brutta bestia, si dice di una persona che si teme, difficile da affrontare.

 

E qui mi fermo per non dire altre... bestialità, seguendo l’esempio e il consiglio di Pasquale Cinquegrana, il poeta che scrisse Furturella e Ndringhete ndrà:

 

Amice, cca me fermo: cca faccio punto e basta,

pecché ’o cammino è lluongo, e ’a forza nun m’abbasta.

Sì, sì, voglio fà punto, si no nun po’ mancà

che a ffuria ’e parlà ’e bestie, dico bestialità.

 

 

 

27 settembre 2014

 

Condividi su Facebook