Il San Paolo e il “Cavanismo” spingono il Napoli in finale di Coppa Italia.

di Antonio Parrella

Napoli-Siena 2 a 0. Gli azzurri conquistano la finalissima dell'Olimpico di Roma dove  affronteranno la Juventus il prossimo 20 maggio.
All’11’ arriva il primo gol. Punizione di Lavezzi, Cavani cerca la palla di tacco che carambola sui piedi di Vergassola e finisce in rete. Ottima l'azione del raddoppio al minuto 31: i ragazzi di mister Mazzarri partono in contropiede con il Pocho, Hamsik pesca in area Cavani che di testa sigla il 2-0. Tutti a seguire la stessa filosofia i tre dell’attacco, il “Cavanismo” che vince sempre. Una manovra che vale il costo del biglietto. Una giocata spettacolare da vero trio delle meraviglie. Dopo il doppio vantaggio il Napoli cerca di controllare la partita, ci prova ancora con Inler dal limite e con il prolifico attaccante uruguagio, nulla di fatto. Proprio in queste due occasioni, da sottolineare le belle parate del portiere bianconero Brkic.
Il secondo tempo è soporifero, qualche spunto interessante del Siena con Brienza e poco più. Nel finale un’azione per parte: ancora Brienza penetra in area ma Campagnaro mura la conclusione del senese. Contropiede azzurro con Pandev , palla per  Hamsik che calcia da posizione interessante, fuori di un soffio. Triplice fischio al minuto 94. Tantissimi spettatori allo stadio di Fuorigrotta rendono ancora più bella questa vittoria, tanti bambini, quanti giovani, una vera festa. Il San Paolo canta 'O surdato 'nnammurato, ogni volta sempre più emozionante. Sotto a chi tocca. Con questa squadra canteremo ancora.

L’intervista. Edinson Cavani, in arte il Matador, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni Rai: "Siamo molto felici. La finale di Coppa Italia era un nostro obiettivo. Il passato non ci interessa più. Ora pensiamo al futuro, al campionato, per cercare di ottenere più punti possibili e raggiungere il terzo posto in classifica. Il Siena ha fatto una grande partita, soprattutto nel secondo tempo. Abbiamo resistito, è stato bello così."

 

  

 

 

Condividi