Roma-Napoli: 2-0.
Giallorossi kamikaze, azzurri deboli peluche.

di Antonio Parrella

La Roma non fa la stupida stasera... anzi, fa sognare i propri tifosi con l’ottava vittoria consecutiva. I giallorossi massacrano gli azzurri, calcisticamente parlando, con freddezza e incredibile lucidità. Il marcatore è unico, doppietta di Pjanic. La prima rete arriva negli ultimi secondi del primo tempo con un bellissimo calcio di punizione, forse ispirato dalle parabole di Diego Armando Maradona che assisteva al match dalla tribuna. Ottima la prova di tutti gli uomini di Garzia. Nel Napoli si salva Behrami e la sua grinta infinita e poco più. La difesa arranca sia con Britos che con Cannavaro che ad inizio secondo tempo lo sostituisce dopo un infortunio. Il capitano prima viene ammonito e dopo poco atterra in area di rigore Borriello, subendo il secondo cartellino e quindi l’espulsione. In questa occasione, Pjanic su calcio di rigore non fallisce e porta il risultato sul definitivo 2 a 0. L’allenatore partenopeo, Rafa Benitez, gioca la carta Higuain per uno spezzone di gara, ma nulla cambia, i problemi della squadra sono sicuramente tanti e altri, partendo proprio dalla zona arretrata del campo. Il campionato é lungo...anche se perdere il primo vero incontro scudetto della stagione fa male, alla testa e al cuore. Che la Champions League sia la nostra prossima speranza e una gara migliore.

Napoli 18/10/2013


Condividi su Facebook