Il Napoli e il manuale dell’autodistruzione.

di Antonio Parrella

Due gol contro un Milan inesistente fanno ben sperare, poi gli uomini di Mazzarri iniziano ad applicare tutte le “regole dell’autodistruzione”. Gol sprecati, passaggi sbagliati, scarsa concentrazione. Gli azzurri dopo le reti di Inler e Insigne al 5’ e al 30’ su due  incertezze di Abbiati iniziano a perdere la sostanza.  Insigne fallisce il tre a zero al 31’, a tu per tu con l’estremo difensore rossonero, invece di tirare cerca un inopportuno passaggio a Cavani. Sbaglia al minuto 64’addirittura il Matador che grazia il portiere rossonero in una sorta di tiro a bersaglio, manca l’appuntamento col pallone anche Christian Maggio su un bellissimo assist di Zuniga. Marekiaro Hamsik in più di una occasione è impreciso e non riesce a concretizzare con la sua potenza esplosiva, soprattutto su un morbido passaggio a campanile del  goleador uruguagio al 22’ del secondo tempo.  
Il diavolo senza corna riesce a pungere e raddrizzare il risultato grazie all’unico aculeo che ha a disposizione, il faraone El Sharawi. Il calciatore italo-egiziano abbina potenza e classe, il vero bomber della squadra di Allegri e dell’intero campionato grazie ai suoi dieci gol.
Il presidente De Laurentiis in tribuna accenna sorrisi, sembra in grande forma, poi con il passare dei minuti il viso si fa cupo, si intristiscono anche i tifosi che ancora una volta perdono la possibilità di vedere la squadra avvicinarsi alla vetta. I tre punti erano un vero toccasana dopo il pareggio pomeridiano della Juventus contro la Lazio e in prospettiva futura. Le prossime gare con Cagliari e Inter sono a dir poco complicate. L’Is Arenas di Quartu Sant’Elena e gli uomini di Stramaccioni in versione rimonta sono due ostacoli difficilissimi da superare. Bisogna abbandonare presto il manuale dell’autodistruzione, prima di complicare il cammino in campionato.  

Questo il messaggio pubblicato da Gokhan Inler sul suo profilo Twitter dopo il pari tra Napoli e Milan allo stadio di Fuorigrotta: “Dispiace non aver festeggiato con 3 punti il mio primo gol al San Paolo, ora voltiamo pagina per tornare a vincere! G88".
Mazzarri probabilmente ha già la ricetta del successo per il direttore Bigon e l’imprenditore cinematografico romano, quella di due o tre acquisti a gennaio. Si capisce dalle sue parole nel dopo partita, lo si intende dalla scarsa fiducia in alcuni uomini, Donadel, Vargas e Fernandez tra tutti. Gli appassionati napoletani del pallone e gli addetti ai lavori sognano anche un grande colpo sulle fasce. È ora di tornare a costruire.

 

Napoli, 18/11/2012

 

 

Condividi su Facebook