Napoli-Sampdoria 0-0. Le idee servono anche nel calcio…

di Antonio Parrella

Tanto cuore e poca testa, davvero poche le idee. Questo é il Napoli della gara al San Paolo con la Samp. Mazzarri tenta il tutto per tutto schierando nella ripresa il tridente più Hamsik. Gli azzurri attaccano e il muro blucerchiato risponde, ma non c’è nulla da fare, la squadra ligure è insuperabile. Il recupero alla Juventus si riduce solo di un punto. Tutto rimandato alle prossime gare di campionato, soprattutto allo scontro scudetto, proprio con i bianconeri, il primo marzo.
Marek Hamsik cerca di prendere per mano i suoi compagni, più di una volta, e non basta. Cavani non é più il grande matador da qualche domenica (Europa League compresa) e Insigne spesso é poco lucido come il centrocampo. Armero e Mesto si impegnano ma non incidono. In fase offensiva si vedono anche Campagnaro e Cannavaro ma ogni azione è annullata, un po’ dalla fortuna e un po’ dalla forza degli avversari, rinsaviti dalla cura Delio Rossi, oggi non presente in panchina per squalifica.
Qualcuno ha parlato di campo in cattive condizioni, qualcuno di stanchezza. Non bisogna trovare scuse inutili in questo momento. L’unica cosa da fare é rimboccarsi le maniche e concentrarsi da subito per la trasferta friulana con l’Udinese.

Un saluto speciale.
Nel cuore dei napoletani c’é un velo di tristezza, quella che davvero fa male. La vita a volte non é una favola a lieto fine e morire così, appena dopo aver appeso le scarpette al chiodo, lascia vuoti incolmabili. Speriamo che la passione degli sportivi, l’amore per il calcio di questo popolo arrivi lassù. CIAO CARMELO.

Napoli, 17/02/2013

 

Condividi su Facebook