Un tempo da Napoli basta per vincere:  Genoa-Napoli 2-4.

di Antonio Parrella

 

L'approccio, come nelle ultime partite, non è dei migliori. Il Napoli rischia più volte di capitolare ma il carattere mostrato dalla squadra, che ci ha creduto fino alla fine, è un buon segno di salute anche se molti calciatori azzurri sono ancora fuori forma.
 Intelligente la mossa di schierare Mesto, vista la giornata pessima di Christian Maggio. La partita viene in un certo senso decisa proprio dall'ex rossoblu che oltre al gol confeziona l'assist per il colpo di testa di Marekiaro Hamsik, la rete del due a tre. Gli azzurri hanno imboccata la strada giusta, col Milan si attendono conferme importanti, ma dell’infermeria ci sono segnali che fanno mantenere i piedi per terra: Pandev e Insigne non sono al top e per il macedone c’è una distorsione, cosa da non sottovalutare.
Buona la prova anche di Immobile che segna il gol dell’uno a zero per il Genoa. Gol e assist per Insigne, stesso discorso per Cavani che sbaglia però qualche occasione, ma il Matador è sempre il Matador. Quando la squadra si impegna fa paura, soprattutto quando Mazzarri torna a levarsi la giacca! Il calcio è uno sport fatto di passione, amore e troppo spesso macchiato da violenza e razzismo. I tifosi di Genoa e Napoli invece erano abbracciati sugli spalti di Marassi. L’immagine più bella di questa domenica del pallone. Una domenica qualunque che fa bene al cuore.

 

Marcatori: Insigne 22’, Mesto 53’, Bertolacci 55’, Cavani78’, Hamsik 88’, Insigne 94’.
A causa di un cartellino giallo Berhami salta la prossima gara con i rossoneri, era diffidato.

 

Napoli, 11/11/2012

 

 

Condividi su Facebook