Futuro Remoto 2015: al via la 29esima edizione in Piazza del Plebiscito

 

di Antonietta Mirra

 

Da venerdì 16 Ottobre a lunedì 19 Ottobre 2015, Futuro Remoto torna a Napoli con il villaggio della scienza a Piazza del Plebiscito e in tante aree napoletane dedicate interamente all’evento.

Futuro Remoto è una delle manifestazioni più importanti a livello scientifico e tecnologico ed è promosso e sostenuto dalla Fondazione Idis-Città della scienza  e dall’Università degli Studi di Napoli Federico II, che hanno collaborato alla realizzazione di questo meraviglioso progetto che vede il compiersi di tutta una serie di appuntamenti organizzati per tematiche e per settori, realizzati attraverso laboratori, dimostrazioni e presentazioni e altrettanti spettacoli scientifici ai quali prenderanno parte molti rappresentanti importanti del settore.

 

Nel villaggio avverranno incontri e dibattiti non solo a tema scientifico, e con la partecipazione di personaggi del settore ma anche studenti, operatori culturali e sociali e soprattutto cittadini sarà possibile anche discutere e portare avanti nuove ed interessanti proposte che riguardano ampie tematiche come la salute, il benessere, l’innovazione e la tecnologia nella più ampia accezione  del termine.

 

Sarà dunque Piazza del Plebiscito ad ospitare la struttura del Villaggio della Scienza e ad essere suddivisa in varie zone in base alle diverse sezioni che in essa vedranno la luce.

Saranno le sezioni tematiche ad ospitare i vari esperti del settore di appartenenza e a mettere in scena le lezioni e le discussioni inerenti quel determinato argomento.

 

Ci sarà l’isola tematica dedicata al cibo e all’alimentazione nella quale si affronterà l’argomento dal punto di vista storico ed antropologico, ponendo l’attenzione sull’aspetto del consumo, della salute e del benessere. Poi ci sarà il mare, l’innovazione e il futuro, il corpo e la mente, lo spazio, la terra, la fabbrica, i segni, i simboli e i segnali ed infine la città che metterà in evidenza il rapporto tra Napoli e le strutture che la circondano, l’aspetto ecologico e soprattutto la riduzione dei consumi energetici e la riqualificazione urbana.

 

Sotto il porticato della Chiesa di San Francesco da Paola si terranno gli Science Shows, veri e propri dibattiti che avverranno come nelle antiche Agorà.

Importanti saranno i laboratori dedicati alle arti ed i mestieri all’interno dei Fab Lab creati per  valorizzare i mestieri tradizionali e la creatività di grandi e piccini.

 Ci sarà anche la proiezione di numerosi film ovviamente dedicati interamente alla scienza ed alla tecnologia come un vero e proprio cinema. Non mancheranno concerti e letture sempre ed equamente incentrare sul rapporto tra la tecnologia e la scienza con l’aspetto umano della vita e della città.  

 Non ultime le scuole, che ospiteranno importanti esponenti scientifici a livello internazionale con incontri e conferenze indirizzate ad accrescere lo studio e l’apprezzamento degli aspetti scientifici della nostra esistenza.

 

Futuro Remoto, giunto alla sua 29esima edizione si propone ancora una volta come un appuntamento imperdibile e ricco di iniziative e dibattiti volti a coinvolgere e stimolare la discussione e la capacità riflessiva di tutti i partecipanti del settore e non.

 

(Napoliontheroad, 05/10/2015)

Condividi su Facebook