Venezia, la Biennale d’Arte 2015

All The World’s Futures

di Sabrina Marcon

 

 

Iniziata alla grande con un numero enorme di visitatori, curiosi e artisti da tutto il mondo, la 56° esposizione internazionale d’arte in questa edizione è curata da Okwui Enwezor. Critico d’arte metà nigeriano e metà americano, del 1963, è considerato uno dei più grandi curatori d’arte contemporanea, prova ne sono gli innumerevoli spazi occupati e gestiti dalla sua creatività. Questa sarà una grande prova, dato che l’esposizione, in occasione dell’Expo, ha aperto ufficialmente il 9 maggio e chiuderà il 22 novembre. Nei giorni precedenti, 6, 7 e 8 maggio si è svolta nel lusso, nello sfarzo e tra i festeggiamenti la vernice, aperta solo ad un pubblico riservato fatto di artisti, uomo politici, rappresentati dei vari stati e stampa. L’esposizione si sviluppa ormai in tutta Venezia, ovunque ci sia una stanza o uno spazio libero si può vedere una mostra, due quadri, monitor o sculture, ma fulcro storico rimangono i Giardini e l’Arsenale. In questa edizione sono presenti ben 89 partecipazioni internazionali, 53 paesi e tra questi anche la Santa Sede, 136 artisti di cui 89 per la prima volta e 159 opere sono state realizzate per la prima volta solo per la Biennale. Gli eventi collaterali invece, passati al setaccio e approvati dal curatore sono ben 44. La maggior parte delle presenze importanti sono ospitate nei padiglioni dei Giardini, date anche le dimensioni delle opere. Il padiglione Italia è situato all’interno dell’Arsenale ed è curato da Vincenzo Trione. Docente universitario, con una carriera davvero dinamica, importante ed internazionale, Trione è nato a Sarno nel 1972. Si è laureato a Napoli, ha collaborato anche con il Mattino come critico d’arte e oggi è docente e direttore del dipartimento Arti e Media.

La Biennale è chiusa il lunedì ed è aperta con orario dalle 10 alle 18, i prezzi dei biglietti sono di diversa tipologia e c’è anche la possibilità di fare delle visite guidate. Per qualsiasi informazione potete consultare il sito www.labiennale.org  

(napoliontheroad 14 maggio 2015)

 

Condividi su Facebook