Sbarca a Napoli il sound giamaicano
dei Sud Sound System


Due anni di attesa e finalmente i fan dei Sud Sound System, il gruppo salentino,
possono festeggiare l'uscita del nuovo album "Sta tornu" e soprattutto...

 

di Elena Lopresti

 

Due anni di attesa e finalmente i fan dei Sud Sound System, il gruppo salentino, possono festeggiare l'uscita del nuovo album "Sta tornu" e soprattutto la data napoletana del tour di presentazione.

Il 28 giugno al Lido Fiore,  tutti i fan della ventennale band potranno ballare al ritmo del tipo sound giamaicano made in Salento tipico del gruppo pioniere del raggamuffin italiano.

 

Ospitati da Flava, organizzazione partenopea da sempre attiva nella scena Hip Hop e Reggaeton che ha voluto con forza presentare l'evento nella cornice del Flava Beach, una location dallo stile tropicale sul litorale Domitio.

 

I Sud Sound System nascono in linea con la tradizione del raggae, con strumenti semplici, un microfono e le casse, ma piano il successo dei tre salentini continua a crescere e le loro "dance hall" non vengono più organizzate in casa, ma nello splendido scenario pugliese tra ulivi secolari.

Nel 1991 l'esordio con il 12 pollici, "Faecu/ta sciuta bona", che sconvolge il pubblico nazionale per l'utilizzo della lingua salentina e dei ritmo della pizzica mixato con le sonorità giamaicane, i Sud iniziano così a mostrare l'orginalità che li contraddistingue.

La linea musicale prosegue anche con l'uscita del primo album nel 1996 "Comu na Pietra", intanto i Sud possono vantare numerose collaborazioni internazionali e tour che li portano in giro per l'Europa, dove incontrano sempre la benevolenza e l'apprezzo del pubblico.

Nel 2003 arriva il primo meritato riconoscimento grazie all album "Lontano", vincitore del Premio Tenco come miglior lavoro dialettale italiano, dal disco viene estratto uno dei brani di maggior successo del gruppo "Le Radici Ca Tieni", singolo che in poche battute riassume la filosofia del gruppo rispettare le proprie radici in modo tale da poter essere riconoscenti delle radici culturali e non solo degli altri.

I Sud non sono riconosciuti solo per la loro musica, forte è il loro impegno per lottare contro i soprusi dei potenti, ma soprattutto contro chi distrugge la terra e l'ambiente per i propri interessi.

Sono stati protagonisti in tante occasioni, insieme ai "No al Carbone" di Brindisi, al "Comitato dei Lavoratori Liberi e Pensanti" e ai ragazzi di "Ammazza che Piazza" contro l'Ilva a Taranto e la riqualificazione territoriale.

Nando Popu, voce della band, racconta nel libro edito nel 2013 "Salento ferro e fuoco" tutti i disastri ambientali di cui il Salento è triste destinazione ad opera delle ecomafie.

"Sta tornu" è un album che incita alla vita, le sue melodie sono un inno alla gioia, alla speranza e all'impegno sociale.

Buon Ascolto!

 

Condividi su Facebook