A Napoli la curiosità e la sperimentazione musicale di Ludovico Einaudi

 

 

di Elena Lopresti  

 

Tutto esaurito per uno dei concerti più attesi dell’autunno 2015. Due date al Teatro Augusteo, 30 novembre e 1 dicembre per Ludovico Einaudi con il suo “Elements Tour 2015”.

La sua biografia recita: “ Ludovico Einaudi, nato a Torino il 23 novembre 955, è un compositore e pianista italiano conosciuto e apprezzato nel mondo per i suoi concerti, le celebri colonne sonore e la sua carriera discografica. Si diploma a Milano in composizione al Conservatorio Verdi e si perfeziona sotto la guida del compositore Luciano Berio, suo indimenticato maestro a cui ha di recente reso omaggio con l’opera tributo The Elements, prodotto dalla Fondazione Musica per Roma per la stagione Contemporanea 2012 dell’Auditorium della Musica. Musicista curioso e aperto a nuovi incontri e sperimentazioni, incrocia le avanguardie musicali e suoni ancestrali alle melodie jazz, al rock e alla musica contemporanea non tralasciando particolari e inaspettate incursioni nell’elettronica e sperimentazioni anche nella musica etnica e nel pop”.

Figlio d’arte, in quanto nipote del Presidente della Repubblica dal 1948 al 1955 Luigi Einaudi e figlio dell’editore Giulio Einaudi, inizia la sua carriera da giovanissimo, riuscendo a colpire il grande pubblico per le sue delicate ed eclettiche composizioni. Tra le sue opere più conosciute ed apprezzate si ricordano: “Divenire”, “Svanire”, “Primavera”. I suoi album pubblicati sono: “Time Out” del 1998, “Stanze” del 1992, “Salgari” del 1995, “Le onde” del 1996, “Eden Rock” del 1996, “I Giorni” del 2001, “Diario Mali” del 2003, un live del concerto presso il teatro La Scala di Milano con omonimo titolo del 2003, “Echoes- The Einaudi Collection” del 2003, “Una mattina” del 2004, “Divenire” del 2006, “Live in Berlin” del 2008, “Night Book” del 2009, “Cloudland” del 2009, “The Royal Albert Hall Concert” del 2010, “La notte della Taranta” del 2010, “Islands” del 2011, “In a time Laps” del 2013 e “Taranta Project” del 2015.

Un musicista prolisso che ama il Sud, Einaudi ha diretto per ben due anni nel 2010 e nel 2011 la Notte della Taranta, la manifestazione estiva che si tiene ogni anno in Puglia e che si conclude con il concertone di Melpignano, un momento magico al quale ho avuto la fortuna di assistere personalmente. Le musiche del Mediterraneo si uniscono in un’unica melodia, che in quei due anni ebbe come filo conduttore unico di tutta la serata, una composizione suonata dall’egregio direttore d’Orchestra, che nella sua lunga e prestigiosa carriera ha suonato al fianco di Oasis, Planet Funk, Franz Ferdinand.

Fortunati coloro che sono riusciti a trovare il biglietto, ma ci sono ancora speranze per tutti per assistere ad un concerto che siamo sicuri, allieterà gli animi dei presenti!

 

 

18/11/2015

 

Condividi su Facebook