Canti antichi delle lavandaie di Napoli

 

Alcuni di noi ricordano che quando non erano ancora diffuse le lavatrici elettriche domestiche, praticamente prima degli anni Sessanta, il lavaggio dei panni era un problema. Nelle case più o meno borghesi dove non c’era una cameriera “notte e giorno”, si svolgeva il rito, per lo più settimanale, della venuta in casa di una lavandaia che quasi sempre veniva dal contado di Napoli.

In tempi ancora precedenti, fino agli inizi del Novecento, era consuetudine che le lavandaie si recassero dai clienti a prelevare i panni sporchi e li riportavano dopo averli lavati.

Particolarmente numerose, ed apprezzate, erano le lavandaie del Vomero, che venivano  chiamate anche “fate”, forse per il loro scomparire e ricomparire fra le lenzuola stese ad asciugare che svolazzavano.

I panni raccolti a domicilio venivano lavati in luoghi dove la possibilità di avere acqua a disposizione, richiamava più lavandaie, che quindi si trovavano a lavorare assieme.

Durante il lavoro esse intonavano alcuni canti, ritenuti le più antiche testimonianze canore della città. Forse il popolo recitava questi versi a mò di nenia già nella prima metà del 1200, ai tempi di Federico II. Sembra che li abbia notati anche Boccaccio.

Fra i diversi argomenti dei canti, l’amore era uno dei motivi più ricorrenti. Proponiamo qualche esempio: una donna abbandonata dall’amato per un’altra donna, prega Cupìdo di fingersi confessore per indurre il traditore a tornare all’antico amore:

“Caro Cupindo famme nu favore,

dincello che core ha ‘vuto de m’abbandonare;

non ce la dare l’assoluzione si nun te dice ca pace vo’ fare”.

 

Un’altra versione del canto recita: “Caro Cupìdo fammi un favore,vestiti da confessore e va’ a confessarmi chella core ‘ cane”.

 

Spesso compaiono suore “pentite” di non essersi accasate:             

“M’ha mannato a chiammà na munacella.

Me risse ‘nchiusa cà dinto non ce pozzo stare,

I’ patisco de parpete de core

Me sarrìia maretata, e starria bona”.

 

Talvolta gli spasimanti implorano l’amata a non prendere la tonaca:

“Tutto de fuoco me viddi allummato

quanno te li mirai ‘sti bionne trezze.

Dici ca munacella te vuò fare;

Pecché me la vuo’ rà ‘ sta scuntentezza?

Si monaca te fai, cchiù fuoco attizze;

I’ vengo de notte e te scasso la cella”.

 

Una giovanetta ci presenta una richiesta spregiudicata:

“Siéntelo mamma, ca passa cantanno

 lu guappetiello de lu core mio.

Affàcciate  à fenesta e va lu chiamme,

dincello si cà ‘ncoppa  vò saglire”.

 

Un innamorato geloso, venuto a sapere che un tizio

“Cu’ nenna mia bella è gghiuto a parlare”,

promette una severa punizione per il “concorrente”:

            “Addò lo trovo ‘o piglio e l’acciro

            Manco alla Chiesa lu faccio atterrare (seppellire)”.

 

Non mancano severe critiche all’istituto matrimoniale:

“Quanno na nenna s’ha da maretare,

dice ca sape tessere e filare,

sape fa pizzille ‘e tutt’ ’e manere.

Po’, arrivato ca s’è mmaretata,

nun sape fa nu lucigno e ‘na lummera”.

“Povero Giuvanniello ca s’è nzurato,

meglio si jeva a scrivere ‘ngalera”.

“Chi se ‘nzora se mette dint’ a ‘e guaie,

cu’  ‘o chiappo ‘nganna e cu’  ‘o fierro ò pere”.

 

Il “fatturato” delle lavandaie era legato alla presenza del sole, tant’è che il loro canto più famoso è l’invocazione al sole di uscire dalle nuvole:

Jesce sole, Jesce sole

nun te fa cchiù suspirà

siente maie che le figliole

hanno tanto da prià?

Questo canto, fra i più famosi, è stato ripreso da Roberto De Simone per la sua Gatta Cenerentola.

           

Chiudiamo gli occhi e immaginiamo la scena in cui si intonavano questi canti, come ci suggerisce anche l’immagine che accompagna questo articolo, un particolare di un dipinto di Attilio Pratella: odore di campagna, sole, allegria collettiva, voci femminili in coro, magari con alternanze di strofe a botta e risposta.

Ricordiamocene quando sentiamo il “canto” meccanico della lavatrice di casa.

 

Antonio La Gala, gennaio 2012

 

  

 

 

Condividi