La  conoscenza degli edifici sacri esistenti nel Seicento

 

In passato la notevole presenza del clero e la sua influenza sulla vita pubblica e privata nella città di Napoli era evidenziata dall’esistenza di un elevatissimo numero di monasteri e di chiese, ma anche di cappelle ed edifici sacri in genere.

Nei secoli molti di questi edifici sono stati ampliati, altri hanno cambiato tipologia, titolarità, proprietari, destinazione, ecc. Alcuni sono scomparsi, spesso altri sono sorti al loro posto.

Ciò rende difficile, praticamente impossibile, soprattutto per i secoli meno vicini a noi, avere una “fotografia” precisa degli edifici sacri esistenti nella città e nei suoi immediati dintorni.

Le pubblicazioni più antiche intorno ai luoghi sacri della città che in un certo senso elencano e descrivono in maniera sufficientemente indicativa tutto l’esistente, ci risultano essere la “Descrittione di luoghi sacri di Napoli” di Pietro di Stefano, edita dai tipi di Raimondo Amato nel 1560; la “Napoli Sacra” del canonico Cesare Eugenio Caracciolo, pubblicata nel 1624, e il supplemento alla medesima di Carlo de Lellis del 1654.

Più o meno in quel periodo un frate anonimo raccolse le notizie di queste tre opere, correggendone errori di date e di racconti, vi aggiunse i nomi e le notizie di altre chiese e cappelle che erano andate in rovina, oppure che erano state sconsacrate, o che non venivano più officiate per mancanza di mezzi, per dispersione delle dotazioni dei primi fondatori, o anche per trasferimento di titoli, e per qualsiasi altro motivo.

L’insieme di tutto questo paziente lavoro il frate lo annotò “su un codice autografo a penna del formato 4° piccolo scritto con caratteri minuti tondi e netti di mende”.  In effetti raccolse in un “Catalogo”, ordinato alfabeticamente, tutte le chiese, monasteri, cappelle ed oratori esistenti nella città di Napoli e sobborghi o di cui si aveva ancora memoria, grosso modo a metà del Seicento, tempo in cui  il “Catalogo” fu compilato.

Il manoscritto si trovava nell’archivio dei Padri Operai in San Giorgio ad forum, quando questo fu distrutto da un incendio,

Fortunatamente il manoscritto del frate anonimo si salvò. Nell’Ottocento Stanislao D’Aloe riprese il manoscritto e con un paziente lavoro di recupero lo pubblicò sotto il titolo di “Catalogo di tutti gli edifizi sacri della città di Napoli e suoi sobborghi. T da un Ms. autografo della Chiesa di S.Giorgio ad forum”.

L’opera in circa duecento pagine elenca un migliaio di luoghi sacri, fornendone succinte notizie storiche.

Un ulteriore merito del libro, merito che riteniamo notevole, è quello di illustrare, nella descrizione dei luoghi sacri, l’antica topografia di Napoli dei secoli dopo il Mille fino a metà Seicento, grazie alla frequente indicazione dei rioni, dei vichi, delle strade e delle piazze della città coi nomi usati a quei tempi. Questi continui richiami, oltre a consentirci di riconoscere meglio i luoghi menzionati dagli antichi scrittori di cose napoletane, è opera quanto mai preziosa e benemerita  perché fornisce informazioni sulle denominazione dei luoghi usate in secoli in cui non esisteva ancora una toponomastica ufficiale.

Antonio La Gala dicembre 2011

 

 

   Condividi