Sferza a “monte Echia” nu viento tagliente…

di Vincenzo De Simone

 

Inerpicandosi da via Chiatamone per le rampe Pizzofalcone, oppure da via Santa Lucia per le scale Pallanetto, via Solitaria, via Egiziaca, si arriva al sito archeologico di Monte Echia, che domina la collina di Pizzofalcone.

Il primo insediamento si ebbe pressappoco nel IX sec. a.C.

ad opera dei Rodii, navigatori Greci, che approdarono presso l’isolotto di Megaride, dove molto più tardi, fondavano, circa nell’anno 680 a. C., Partenope.

Successivamente, intorno al 530 a. C., i Cumani non tollerando le fiorenti fortune di essa l’attaccarono radendola al suolo, rifondandola poi, con il nome  di Neapolis.

Si estendeva,  sul lato prospiciente il mare, fino all’isolotto di Megaride, che a quei tempi era una rigogliosa e verdeggiante isola  (più tardi dimora estiva di Lucio Licinio  Lucullo) sulla quale, oggi, si erge il castel dell’Ovo .

Nella parte opposta si estendeva verso le attuali vie di Monte di Dio, Egiziaca a Pizzofalcone, Nicotera e Gennaro Serra. Il ritrovamento di una necropoli nei pressi di via Nicotera testimonia l’esistenza di Partenope sul colle di Pizzofalcone  nel VII sec. a. C.

I resti che sfidano il tempo sono quelli della villa di Lucullo, non quelli, purtroppo appartenenti ad un complesso dove si praticava il culto del Dio Mitra, perchè da tempo scomparso sotto una gittata di cemento, per la realizzazione di non si capisce cosa. ( forse una pista di pattinaggio)

Nell’anno 2009 iniziarono i lavori per la realizzazione  di un collegamento, tramite ascensore, che da via Santa Lucia portasse direttamente su Monte Echia, lavori che, purtroppo, per mancanza di fondi sono fermi da oltre un anno.

Pochi sanno che negli anni cinquanta esisteva, proprio al centro del terrazzamento di questo monte, un pozzo perimetrato, per sicurezza, con pietre di tufo fino ad una altezza di circa tre metri.

Serviva , probabilmente, da cisterna per le acque piovane che venivano convogliate nelle sottostanti grotte Platamonie o, “Vox Populi”,  come collegamento per il trasporto di materiali bellici da via Santa Lucia  fin sulla cima, dove era ubicata la contraerea italiana nell’ultimo conflitto mondiale.

Chi scrive ha vissuto su questo colle la sua fanciullezza, e molti sono i ricordi di un luogo incantato, dove il tempo trascorreva felice tra partite di pallone, ( con quel pozzo al centro che chiudeva gli spazi); spedizioni punitive, per così dire, alle coppiette che cercavano un po di intimità; come nascondiglio per la legna accumulata nei posti più sicuri per  “ ’o cippo ’e Sant Antuono” ( 17 gennaio) e per le guainelle tra bande di ragazzi, per battaglie, con pietre vere che facevano tanto male.

Lucullo, certo, non poteva immaginare che i resti della sua villa sarebbero stati un giorno rifugio di coppiette , o luogo di pericolose “petriate” ad opera di scugnizzi ed ancor peggio che la storia di queste pietre millenarie fosse offuscata, annientata dallo stato deleterio, in cui oggi il luogo si trova.

Prendendo in prestito un verso del grade poeta Giacomo Leopardi:  “sempre caro mi fu quest’ermo colle” oggi, più che mai sempre a me più caro, cosi lo ricordo:    

 

Sferza a “monte Echia” nu viento tagliente,

e ssaglie ’int’a ll’aria, misto, n’addore

’e acqua suffregna, nzieme a ’o lamiento

’e ll’onne ô “castiello”, e cu ’o chiarore

 

d’’a scumma d’’o mare, fregneno ’e scoglie,

e ’stu taluorno accompagna ’e ricorde

e quanno guagliune, cu ’o cuorpo spuoglio,

ce jettavemo a mmare pe quatte sorde.

 

Nu puzzo ’e tufo nzi’ lla ncopp’â cimma;

pe ssotto ê scarpe ’a via ô “Chiatamone”.

Gruosse a diece anne cu ll’uocchie ’e scazzimma

e ’o viento pe mmamma e ppate ’o pallone.

 

Na diece lire p’’e ccoppie a ll’ammore

che sperano mpace ’e sta’ ’int’ ô scuro;

e cu ’e ffacce ’e cuorne d’appustiatore,

cercavemo ’e sorde assettate ô muro.

 

Crisciute p’’a via senza nu freno;

cumpagne d’’e juoche nu marciappiere,

cu ’a panza vacante e cu ’a vocca chiena

’e âddore ’e frittura d’’a “Berzagliera”.

 

Nemmeno a neve ce deva arrepuoso;

’a coppa “Monte Echia, sempe a scià

cu ttavole ’e legna o qualunque cosa

servesse pe ll’uso ’e farce scialà.

 

Chella vernata, che ffriddo int’a ll’osse;

 cu ’e ssacche sfunnate e ssenza cappotto,

 cu ’e scarpe schiuvate e mpietto na tosse,

pazziavemo a zzumpe cu ’a capa sotto.

Cazune curte cu ’e ccoscie nchiajate,

turnavemo â casa chine ’e paura,

cu ’e piere spuorche e cu ‘e panne nzevate,

pronte dimane pe n’ata sciaura.

 

 

 

 

Napoliontheroad 09.06.2012

 

 

Condividi su Facebook