…mentre d’’a nave s’alluntanava ‘o porto

di Vincenzo De Simone

 

Partivano un dì i nostri compatrioti emigranti “pe tterre assaje luntane”, lasciando i loro cari, per andare a cercare fortuna in America e Argentina.

Partivano portando negli occhi la malinconia, “mentre d’’a nave s’alluntanava ’o puorto”.

Quanta tristezza e quante lacrime versate, sul molo, dalle mogli e dai figli nel vedere i loro cari partire e forse mai più ritornare!

Quei “bastimenti” che lasciavano il porto, oggi sono dei barconi che diretti presso i nostri lidi, trasportano centinaia di emigranti provenienti da altre terre in cerca di lavoro.

Sono ammassati  come bestie, ignudi e senza viveri, che sfidano un mare incerto e senza cuore.

Un “cantemigrante” s’innalza verso il cielo:

quanti di loro raggiungeranno la riva?

 

Cantemigrante

 

‘E vvarche partono ’int’â nuttata,

a bbuordo cantano voce stunate;

cantanno sperano ’e vedè ’o puorto:

chisà si arrivano o ggià so’ mmuorte!

 

E mmamme allattano ’e ccriaturelle,

chiagnenno, vasano chelli ffaccelle.

Cu ’o chianto affogano ’a pecundria,

cu ’o core pregano a Ggesù e Maria.

                                                                                                                                                                                                     Mo, ll’onne sbruffeno e ’a varca sbóteca

primma c’arrivano; na mossa ’e scónceca

e a mmare cadeno quase ’a nu miglio;

cchiù nun assommano cu ’e mmamme ‘ e figlie.

 

Dimane sbarcano, nterr’â marina,

chille c’arrivano, vinte duzzine;

a ccape ’e ccontano, no a nnomme, a nnnummero,

e se sgravogliano ’sti cuorpe agliommere.

 

’E vvarche partono, po’ n’ata e n’ata.

Dimane arrivano! Nfaccia signate,

d’’a morte parlano cu ll’uocchie ’e chianto,

e ’a terra vaseno: “songo emigrante” 

 

 

Condividi su Facebook