’A bbonamorte

( ’A  Eleana ) 

di Vincenzo De Simone

 

 

Il caso di Eluana Enclaro, la giovane donna di trentasette  anni, in coma dal 1992, suscitò nel 2009 un vespaio di dibattiti sulla eutanasia, impropriamente detta “ la dolce morte”.

La richiesta della famiglia di sospendere l’alimentazione artificiale fu accolta dalla magistratura, ritenendo la giusta causa per l’impossibilità di recupero della coscienza dell’ammalata.

Inoltre, Eluana, stando alle testimonianze di alcune amiche, anni addietro, aveva espresso la volontà, nel caso in cui le fosse capitato di vivere in condizioni di coma, di preferire la morte alla sopravvivenza vegetale.

Allora c’è da chiedersi:

Chi può stabilire con certezza se una persona, nelle condizioni di Eluana, abbia avuto o meno l’assenza della coscienza?

Certo non la si può misurare con nessuno amperometro, voltometro o qualsivoglia strumentazione.

La coscienza è parte integrante dell’individuo stesso e non è materialmente tangibile.

Chi può misurare un sentimento? Da dove  esso nasce e come muore? Chi lo può dire!

Non certo la medicina che, per quanto abbia fatto passi da giganti, è sempre una scienza imperfetta: ogni ammalato reagisce, sottoposto ad una stessa terapia per uno stesso male, in modo diverso l’uno dall’altro.

Inoltre, quante volte diciamo nei momenti di sconforto: “vorrei morire anzichè soffrire “?  Ma lo vogliamo d’avvero?

Sono frasi senza senso!

Quindi, come può fare testo quella frase detta da Eluana in un momento di grande commozione ( per la morte di un suo amico) : ” preferirei morire anzichè vegetare? “

Con l’eutanasia, Eluana è morta per la seconda volta!

La sospensione dell’alimentazione artificiale causa dolori insopportabili se non supportata dalla somministrazione di forti dosi di morfina.

Forse un giorno, per ovviare a tutto questo, si procederà legalmente, in nome di una società cosiddetta civile come la nostra, ad una soppressione istantanea con sedia elettrica o cianuro, molto meglio che la morte per fame e per sete!  

Dobbiamo sperare che i nostri legislatori possano recuperre al più presto la di loro… “coscienza” !

 

’A bbonamorte

( ’A  Eleana )

 

Hanno stutato, ’a una ’a una, ’e lluce

ca mme rialavano n’ âppoco  ’e vita.

Nisciuno pave niente pe ’stu nciucio,

ca chiure ormaie pe ssempe ’sta partita.

 

’Int’ô dulore aggio tenuto a Ddio,

ca pe tant’anne m’é stato assaie vicino.

M’ha cunfurtato...’o ssaccio sultant’io,

facennome cchiú llieggio ’stu destino.

 

Nun ll’aggio maje amata accussí tanto

’sta vita ca me sfuie ’a dint’ê mmane;

dimane, forse, me farranno santo,

ma , a ’stu mumento, niente me rummane.

 

Niente e po niente! Manco cchiú ’o suffitto

’e chesta stanza janca (pe mme  d’oro),

addó ’e penziere mieie, zittu zitto,

chiagnevano e pazziaveno nfra lloro.

 

Vulanno, po, pe ll’aria, p’’a fenesta,

currevano luntano... cchiú ’e nu miglio,

sperdennose p’’o mare, ca, ntempesta,

me ll’affunnava senza darme appiglio.

 

Sulo ’o suffitto n’ancora ’e salvezza,

addó attaccavo sempe chist’affanne,

unico amico e unica certezza!

E so’ ppassate ’e juorne ’e mise e ll’anne.

 

E sotto a ‘stu suffitto’a vita mia,

s’é cunzumata comme a “Film luce”:

ll’unico attore songo sultant’io,

cu ’sta reggía ’e chi ha fatto ’o nciucio.

 

 

Vincenzo De Simone

26.03.2013

 

Condividi su Facebook