Ferdinando IV
“Dal cuore retto, non sempre aperto”

di Vincenzo De Simone

 

Figlio di Carlo III e di Maria Amalia di Sassonia, all’età di otto anni, suo malgrado, era già re di Napoli.

Il suo precettore, il principe di San Nicandro, nulla potè per la sua erudizione, e né tantomeno il suo tutore il marchese Tanucci.

Crebbe, dunque, nella ignoranza più assoluta detestando tutto ciò che erano gli studi di matematica, danza e italiano; e pur avendo preso lezioni di latino, di francese e di tedesco, Ferdinando parlava solo ed unicamente il dialetto napoletano.

Forse, per questo, fu amato dal suo popolo ed anche perché fu solito vestirne i panni  per immergersi nella vita cittadina e scherzare con familiarità con i suoi lazzaroni.

Amava, dunque, la caccia e la pesca e trascurava le sue responsabilità di Re che venivano assolte dalla moglie Maria Carolina che lo riteneva “Un buono e bravo buffone” .

Ebbe il terrore di perdere il regno durante i moti del 1799 e questo lo condusse, guidato dalla moglie, a commettere quella infamia che portò alla morte l’intellighenzia napoletana dal Serra a Luisa Sanfelice, ultima eroina, in ordine di tempo, decapitata a chiusura di una lunga persecuzione e repressione ai danni della borghesia rivoluzionaria napoletana.

Ed il popolo lazzaro, fu dalla sua parte; quel popolo che in lui si rispecchiava e di cui lui stesso ne amava le abitudini e lo spirito festoso.

E festosamente si concludeva  quell’eccidio consumato all’insegna della barbarie.

Lazzaro fu il re ed i suoi lazzaroni!

Eppure, ancor oggi, mentre alcuni ritengono Ferdinando un incapace, dallo ingegno inferiore e dalla mancanza di coraggio, molti, assolvendolo, lo ritengono un uomo giusto “Dal cuore retto, non sempre aperto”.

 

Ferdinando

(Canto dei rivoluzionari)

 

Ferdinando è llo” Rre piscatore”;

venne li piscie,llà, alla marina.

Jesce de notte pe lli ppiscare,

e llo populo aónna de bbene.

 

Ferdinando è llo “Rre cacciatore”;

spara a lli quaglie, a tutte ll’aucielle:

Jesce de notte pe lli ccacciare,

e llo popupo aonna de bbene.

 

Ferdinando è llo “Rre lazzarone”;

la mugliera, Maria Carulina,

a dispietto, ll’ha fatto sguigliare

cceppe de corne  ed isso s’è ttêne.

 

Ferdinando è llo “Rre curnutone”;

Carulina, nce têne âceniello:

cu ll’amante se mette a ntriscare,

e de notte a llo lietto è ntrattène.

 

Ferdinando è llo “Rre fracetumma”;

è scrianzato, nu vero birbante:

caca nnante alla “corte” e se  prea

dell’addore che spanne, e se crere,

 

che la mmerda de “Rre” è prufummo.

Nce attuccava ‘stu Rre ch’è gnurante,

che nce ha fatto têné ‘sta numea!

Mo ammosciato lo populo spera,

 

d’avotà lo canisto alla smerza:

Lo “mercato” stasera sta nfesta:

“Ferdinando” è stato schifato,

a Palermo llo Rre se nn’è gghiuto…

 

ca pe ssempe la via fosse sperza!

Chesta sera, se magna menesta;

Cca, se balla, se beve e abbacchiate,

mo nu bbrinneso va a llo  curnuto:

 

“A mmorte lo Rre ,

ca nce ha sempe spremmuto!”

   

   Napoli 12.03.2013

 

Condividi su Facebook