Le metamorfosi di Pulcinella

di Vincenzo De Simone

Tra realtà e legenda, una maschera quella di Pulcinella che caratterizza, più che mai, e rappresenta il popolo Napoletano.

È più che una maschera!

È il personaggio, l’uomo, il mito, la dissacrazione, l’antitesi, la trasformazione continua da servo a padrone, da re a suddito, da uomo ad ermafrodito, da pavido ad eroe, da rivoluzionario a sottomesso, da ricco a povero e viceversa.

Ha sostenuto il peso di varie dominazioni e rivoluzioni, ha sofferto con gli appestati, li ha soccorsi senza mai perdersi di coraggio.

Oggi che è in atto una crisi dei valori, una crisi occupazionale, economica e  addirittura culturale, chi crede di rivederlo nei suoi abituali vestiti e con la sua maschera nera, ne rimarrà alquanto deluso.

Pulcinella è ferito a morte!

La sua città muore giorno dopo giorno, e Pulcinella piange e grida per il dolore.

Ma l’urlo è inascoltato e resta in gola come in un film muto dove solo i  gesti fanno capire il senso e la trama.

Chisà se anche questa volta riuscirà la nostra carissima rappresentativa maschera, con una delle sue molteplici trasformazioni, a sovvertire il destino malefico che incombe sulla città… chisà!

 

 

 

 

 

 

Pulsinell

 

 

Nc’é chi dice ca so’ nnato

cu na macchia nera nfaccia;

na palomma m’ ha lassato

pe vestito na petaccia:

 

na casacca janca janca,

nu cazone a zompafuosso;

cu nu naso ’e na pullanca

e na faccia pelle e ossa.

 

Nu cappiello mise a sgherra

ncopp’â capa a cucuzziello,

nu cafone nato ’a Acerra

e pe nnomme “Pulsinell”.

 

Nc’é chi dice c’assaje primma,

verso ’o milleequattuciento,

comme fosse na chiantimma,

chine ’e famma e sentimento,

 

ggiá na maschera tenimmo,

cu nu nomme ’e farenella:

“Maccarone”, ’stu sfaccimmo,

nato e muorto cca ad Atella.

 

Nc’é chi penza addirittura,

so’ pparente ’e “Arlecchino”,

chesta é ssola cungettura;

io so’ nnato pullicino.

 

 

Cu  nu “sgherlo” comme voce,

tale e quale ’a na gallina,

io nchiuvave ncopp’â croce

’a nu Rre nzieme â Riggina.

 

C’’o cugnomme ’e nu “Cetrulo”,

mise affianco a “Pulsinell”,

m’hanno fatto “amante” o sulo

“traditore” e “nnacchennella”..

 

Io so’ stato “giacubino”

o nu “finto servitore

nnammurato ’e Culumbina”,

o nu semplice “pittore”.  

 

Si pigliavo, po, ’e mmazzate,

ncopp’â capa, areto ’e rine,

se jencheveno ’e triate,

spiciarmente ’o “San Carlino”.

 

Cu Petito addeventaje

nu suvrano, primmo attore,

da nu servo passaguaje,

prufessore e, po, duttore.

 

Io so’ stato mundiale:

Norimberga...Francoforte;

maje na vota nu giurnale

ch’êsse scritto ’e chesta sciorta.

 

Tutta ’a forza ll’aggio avuta

grazie ô pubblico presente,

pe na mossa, na battuta,

o na risa sulamente.

 

Cu De Muto nun so’ mmuorto,

comme penza quaccheruno;

se pigliassero ’stu ttuorto,

tuttequante ’a uno ’a uno.

 

Pulsinell se ne gghiuto,

ma ha lassato pe cuntegno,

ncopp’ê ffacce scanusciute,

’e ’sta maschera nu segno. 

Napoliontheroad 13 aprile 2013

 

Condividi