Comme a ttanta palummelle

In un mondo civile, in special modo, nelle nazioni dove la legge di Dio è il cibo dei credenti, mi chiedo come possa essere stata approvata un legge quale quella del 1978,  la numero 194, in seguito al famoso referendum popolare.

Una legge, questa,  che tutela l’aborto rendendolo legale a tutti gli effetti e, con l’uso sconsiderato, un metodo contraccettivo.

Consente quindi l’uccisione, ed è questa la parola esatta, del feto nel grembo della donna fino alla  dodicesima settimana di gestazione.

Per i minori prevede, addirittura, l’autorizzazione  dei genitori ed in mancanza di questi quella del giudice tutelare.

Lo stesso uso della spirale, non è altro che un aborto continuativo in quanto l’embrione già fecondato nella tuba, arriva in utero e non trova posto per attecchire.

Esistono associazioni che tutelano il diritto alla vita dei bambini per gli abusi e le violenze perpetrati a loro danno, ma che restano insensibili all’ eccidio che tale legge  continua a provocare.

Il feto, o che abbia un giorno o 12 settimane di gestazione è pur sempre una morula vivente, un soggetto giuridico, figlio del mondo.

La legge sull’aborto, come pure quella sulla eutanasia, fanno parte di un modo di essere, specchio di una giurisdizione, che è il contrasto tipico dei tempi che viviamo.

 

I

 Addó vanno ’ll anemelle

’e ’sti ppovere criature

nate morte e cu ’e ffaccelle

ggiá signate d’’a paura ?

Addó vanno ’st’anemelle

quanno vanno a ll’aldilá

comme a ttanta palummelle

senza scelle pe vulá ?

Nun dicite mparavise,

pecché é ssolo na bbuscia;

ne ca Ddio cu nu surriso

ggiá ll’aspetta mpont’â via.

Senza manco nu fruscìo,

nu rumore… arrassusia,

 

II

se ne vanno ’e piccerille,

muorte ancora primma ’e crescre,

senza chiante e senza strille,

ncuorp’ê  mmamme,

 primma ’e nascere.

Addó vanno ’sti micille

senza uocchie, senza bbraccie?

So’ cchiú ’e ciente... songo mille,

manco ncuollo na petaccia.

Nun ’a teneno na faccia,

ma so’ ccarne ’e chi pe nniente

ll’ha jettate, comm’a stracce,

dint’ê ffogne... e vanno a mmare.

...E dd’’e mmamme, né ’e lamiente,

né nu surzo ’e sango amaro.  

 

Vincenzo De Simone

18.05.2013

 

Condividi su Facebook