Anema ’e cartone

Ci troviamo spesso, tra un pasto ed un altro, ad ascoltare notizie raccapriccianti del telegiornale e a guardare le atroci scene di bambini che muoino dilaniati da bombe per una guerra combattuta all’insegna della religione o della politica, qualsivoglia.

Imperterriti, incuranti delle grida di quelle madri che piangono i loro figli, morti senza una ragione, non udiamo i lamenti e gli spasimi che, puntualmente, vengono zittiti dai commenti spietati degli speaker.

Ormai nulla più ci commuove!

La guerra è lontana, non ci appartiene; il cuore inaridisce di giorno in giorno.

L’uomo non ha più lacrime, né più amore da regalare al suo prossimo ed a se stesso!

Si è  forse inaridito alla frenesia dello “spreed”, alla pazzia della politica arrogante, o al delirio della borsa altalenante?

Non vorrei attardarmi a pensamenti.. scusate , mi si fredda la cena!

 

’Sta guerra ca nce passa annant’a ll’uocchie,

nce lassa assaje cchiù ffridde e indifferente;

criature senza bbraccia e cu ’e perucchie

non songo figlie nuoste…nun so’ nniente.

 

So’ ssulo figlie ’e ’sta televisione,

nate dint’a n’utero catodico,

senza na faccia,cu ll’anema ’e cartone;

cumparse ’e nu film malinconico,

 

 

addò ’e putiente songo chilli bbuone,

e addò ‘e cchiù bbuone pareno ’e fetiente;

addò ’e bbomme so’ sulamente tuone

e ’o chiante ’e ’sti ccriature: sentimento.

 

 

’E mmamme so’ Madonne Addulurate

senza cchiù vvoce,comm’a film muto;

se chiagneno ’sti figlie mutilate

o ggià jettate dint’a nu tavuto.

 

Juorno pe ghiuorno fanno na “puntata”,

comme si fosse overo nu rumanzo;

pare non passa maje chesta “nuttata”

e va murenno ll’urdema speranza

 

 

 

Vincenzo De Simone

01.05.2013

 

Condividi su Facebook