Calciomercato Napoli

i nomi caldi per gennaio

 

 

 

di Francesco D'Agostino

Il club di Aurelio De Laurentiis si presenta all’appuntamento con il nuovo anno con un bottino di 36 punti in 17 gare, terzo a 10 lunghezze dalla Juventus capolista. Smaltito il cenone di capodanno i riflettori sono puntati tutti sul calciomercato, con il Napoli pronto a fare la parte del leone grazie alla gestione oculata e a un tesoretto di oltre 30 milioni da investire. Neanche la sfortunata prematura uscita dalla Champion’s League ferma le ambizioni azzurre. I nomi più caldi sono quelli di N’Koulou, Antonelli e Gonalos. Ma procediamo con ordine.

Difesa. Data per certa la partenza di Capitan Cannavaro, fuori dalla sconfitta contro la Roma dello scorso 19 ottobre, Bigon è alla ricerca di un difensore centrale che migliori il reparto. Al momento non sembrano più in lista Agger e Skertel del Liverpool, mentre non risultano contatti per Astori del Cagliari, già in procinto di trasferirsi all’ombra del Vesuvio in estate. Piace Vermaelen dell’Arsenal, che però ha un ingaggio elevato. Più facile arrivare al francese N’Koulou. Nelle ultime ore si parla anche di un interessamento per Rojo dello Sporting Lisbona, esterno mancino che può giocare anche centrale, già nel giro della Nazionale Argentina del CT Alejandro Sabella. L’inarrivabile David Luiz sembra destinato al Barcellona, anche se, come diremo tra poco, i destini di Napoli e Chelsea potrebbero incrociarsi ancora una volta. Quasi fatta per Antonelli, esterno del Genoa: l’accordo con società e giocatore c’è e Preziosi starebbe già trattando De Ceglie per sostituirlo, ma resta viva qualche resistenza di Benitez, complice pure l’imminente rientro di Zuniga. Incerto il futuro di Armero: se non arriva un esterno (circola anche il nome di Criscito) dovrebbe restare, nonostante sia attualmente alle spalle di Reveillere. Possibilità concreta per Caceres, esterno difensivo della Juventus: il suo procuratore Daniel Fonseca è stato avvistato a Castelvolturno. In uscita quasi certo il ritorno di Uvini in Brasile (Santos).

Centrocampo. La trattativa per portare Gonalons a Napoli è ben avviata: l’offerta portata a 12 milioni alletta il Lione, intenzionato a fare cassa; probabile che a breve giunga l’accordo anche sull’ingaggio. Mascherano resta un sogno possibile da realizzare a giugno, soprattutto perché i contatti tra lui e Benitez non si sono mai interrotti e l’argentino considera chiuso un ciclo dopo la partenza di Guardiola: da non escludere uno scambio con Zuniga, che consentirebbe al Barcellona di non pagare la clausola rescissoria fissata a 30 milioni. In uscita almeno uno tra Radosevic e Bariti. Il Napoli non seguirebbe invece gli sviluppi del caso Xabi Alonso, in scadenza con il Real Madrid (operazione difficilissima). Tra i centrocampisti in scadenza si segnalano Fernando del Porto e Matuidi del PSG, ma per entrambi sono poche le possibilità di allenarsi a Castelvolturno; poche chances anche per Raul Garcia dell’Atletico Madrid.

Attacco. Grande fermento in Europa grazie a un nutrito gruppo di giocatori che si guardano intorno, vuoi perché ai margini delle rispettive squadre con i mondiali alle porte, vuoi perché in scadenza di contratto, su tutti Menez, Pastore e Lavezzi del PSG. Il nome che rimbalza nelle redazioni sportive è però quello di Juan Manuel Mata, centrocampista spagnolo classe ’88 dalle marcate caratteristiche offensive, da talento indiscusso a scaricato eccellente in poche ore: il Chelsea di Abramovich potrebbe cederlo nonostante il rifiuto netto del Napoli di discutere di Higuain (si parla di cifre prossime ai 60 milioni). Trattativa non impossibile per gli Azzurri, perché l’Inter è sì interessata e offre Guarin (gradito a Mourinho), ma il neo Presidente Thohir vorrebbe Mata in prestito mentre ADL offre soldi. L’ingaggio da 4,5 milioni, per quanto elevato, non dovrebbe costituire un ostacolo insormontabile e l’operazione potrebbe portare a catena il prestito di Zapata (Estudiantes) e l’eventuale cessione di Pandev a giugno. In uscita Vargas: probabile prestito al Santos.

04/01/2014

 

 

            

  Condividi