Teatro, arte contemporanea e natura:

In scena nella Foresta di Cuma

sabato 11 maggio 2013 ore 18.00 e domenica 12 maggio 2013 ore 12.00

Le Nuvole e Teatro Stabile di Napoli

in

“TEMPESTA nella FORESTA”

in collaborazione con Assessorato Agricoltura Regione Campania

dagli 8 anni

Foresta Regionale di Cuma, Strada della Colmata 131 – 80078 Pozzuoli (NA)

 

Teatro, arte contemporanea e natura. L’arte performativa incontra e si fonda con le arti figurative nella suggestiva cornice naturale offerta dal lecceto storico della Foresta Regionale di Cuma (Pozzuoli, NA) per l’evento - per ragazzi dagli 8 anni e adulti insieme - TEMPESTA NELLA FORESTA allestito dal teatro stabile d’innovazione ragazzi Le Nuvole e il Teatro Stabile di Napoli in collaborazione con l’Assessorato Agricoltura della Regione Campania nelle giornate di sabato 11 maggio alle ore 18.00 e domenica 12 maggio alle ore 12.00 e in replica per le scuole nelle giornate feriali fino al 15 maggio.

“Abitare lo spazio che sarà abitato dalla materia. Non un lavoro nello spazio, ma un lavoro con lo spazio” – così Antonella Romano descrive il percorso che l’ha portata da attrice ad artista a tutto tondo a realizzare le istallazioni in ferro e lamiera che sono al centro dell’allestimento teatrale dell’adattamento a firma di Rosario Sparno de “La Tempesta” di Shakespeare.

Un’esperienza ‘con’ la natura piuttosto che semplicemente ‘nella’ natura dove l’artificio non ha la possibilità di agire profondamente sulla sacralità della natura – aggiunge Rosario Sparno, regista dello spettacolo Nel mondo perfetto immaginato da Calibano la natura produce tutto da sé e così anche la performance da noi proposta sembra come evocata dalla natura stessa. Le fronde dei lecci guidano i corpi sulla scena e le onde dal mare portano alla bocca le parole dei poeti, da Shakespeare a Eduardo”.

L’isola incantata nata dalla fantasia del drammaturgo inglese, l’isola fatta di spremute di more e fresche sorgenti d’acqua, trova qui la sua dimensione reale, oltre che naturale. E su questa scena si muoveranno, come in un sogno, il servo-mostro Calibano, interpretato da Luca Iervolino, il mago Prospero, interpretato da Massimiliano Foà, e sua figlia Miranda, cui presta il volto Paola Zecca, interpreti di una vicenda in cui le parole diventano strumento di magia e di libertà. Anche la musica diviene protagonista grazie alle estemporanee di Massimo Cordovani e dei suoi improvvisati strumenti musicali. Completano il cast, per la scenotecnica, Riccardo Cominotto e Gaetano di Maso.

Lo spettacolo sarà anticipato da una passeggiata nel lecceto storico, attraverso le dune, accompagnati dai comunicatori scientifici de Le Nuvole Silvia Viparelli e Giovanna Gargiulo, che introdurranno gli ospiti alla conoscenza della flora tipica del paesaggio mediterraneo, per coglierne gli aspetti di valenza scientifica e soprattutto apprezzarne le suggestioni sensoriali.

L’evento è per un numero limitato di partecipanti, pertanto la prenotazione è obbligatoria e potrà essere inoltrata ai recapiti 081.239.5653/5666 (lun./ven. – 9.00/17.00) e info@lenuvole.com. Tutti gli ulteriori dettagli e le modalità di partecipazione potranno essere consultati sul sito internet www.lenuvole.com o alla pagina facebook www.facebook.com/teatrolenuvole.

 

TEMPESTA di Le Nuvole teatro stabile d’innovazione ragazzi e Associazione Teatro Stabile della città di Napoli

In collaborazione di Assessorato Agricoltura Regione Campania

adattamento e regia Rosario Sparno; con Massimiliano Foà, Luca Iervolino e Paola Zecca; musica dal vivo Massimo Cordovani; istallazioni artistiche Antonella Romano; scenotecnica Riccardo Cominotto e Gaetano di Maso; assistente alla regia Henrike Beran; foto di scena Vincenzo Broccoli.

Percorso botanico guidato a cura di Silvia Viparelli e Giovanna Gargiulo.

 

dagli 8 anni

sabato 11 maggio ore 18.00 e domenica 12 maggio ore 12.00

ingresso - posto unico:  €. 10,00 (adulti e ragazzi)

prenotazione e preacquisto obbligatori: 081 2395653 – 2395666 (feriali ore 9.00 – 17.00) info@lenuvole.com - www.lenuvole.com

 

Condividi su Facebook