CHILL’, ‘O PRISÉPIO E…’A GUMBOSTIÉRA!

Alcune Vigilie fa, in balìa della fiumana febbricitante di piazza Vanvitelli… e chi se lo scorda più!...Di lato, in una irraggiungibile ansa quasi stagnante, Denzel Washington o il suo sosia: regale, con la tigre al guinzaglio, quasi un metro; sul bordo, in “disordine sparso”, quella famigliola: ìss’, tre bustoni in una mano, due pargoli all’ altra; la principessa… … col suo troféo infiocchettato sul davanzale e quegli altri tre scazzoppulilli, beatamente ignari, di corsa verso quel “S. Bernardo mascherato”… Riuscii solo a sentire a chill’, piagnucoloso, incapace di buttare “tutto” per l’ aria ma sfastediàto al massimo: “Sùl’ ‘a tigre ce mancava, stammatìna!!!”, e poi sparii, vinto, nella corrente No, non mi sono mai fatto capace, finora, di quella incredibile mancanza di stupore, di ammirazione, di terrore, ‘e chill’!…Ma come: nu pover’ omm’, un padre di famiglia!, bell’ e buono, s’ trov’ na tigre nnanz’ ‘e piedi…!! Vabbuò, d’ accordo, … non è che fosse l’ unico, là mmiez’, troppo “concentrato solo su se stesso”, chill’Hah!, che parola, però, questa!... Può esprimere anche un semplice riferimento a qualcuno, sconosciuto o canosciuto (in questo caso, “fin troppo bene”); o rafforzare un concetto, ripetuta; ma sotto sotto, per lo più… ecco, uno si sente un filosofo, dispensatore di saggezza, quando la usa… e poi, esclusi chessò, Carlo Rubia, Rita Levi Montalcini o la pregiata signora… Clio Bittoni, “chill’” ci serve anche per inquadrare gli altri, per bene, quali sono, rispetto a noi: uomini qualunque, gente della strada, che non ci appartiene, insomma: pampùglia, se vogliamo. Eppure quel nostro intimo senso di distacco, di superiorità o di disprezzo – o almeno di parità, più raramente - qualche volta è accantonato, per ammettere compiacenti una certa ammirazione, per le arguzie ‘e chill’,  o crearci un paravento, dietro cui esibire la nostra: alla “Cacasenno”. Perché può anche saperla lunga, chill’: ma noi di più, sempre un po’ di più. A volte però, sotto la forma interrogativa, si cela una ansia di sapere, un bisogno di capire: una inquietudine impalpabile, eppure fastidiosa…

Anche in quel tempo doveva essere così: “Ma chillo nun è ‘o figlio d’ o falignammo? E ‘a mamma soja nun se chiamma Maria?! Nun è ‘o frate  cugino ‘e ……. e chelle …… nun so’ ‘e ssore cugine soje?!” (“Visita di Gesù a Nazareth”; Matteo, 13, 53-58 – “Tutt’ ‘o Nuovo Testamento d’ a Bibbia dint’ ‘a lengua napoletana.” Don Matteo Coppola; ed. Nicola Longobardi).

E forse fu un po’ così, per qualcuno, verso quella Sacra Famiglia, fin dai giorni successivi (Giuseppe era di lì); ma Quella Notte No: l’ attonimento era totale, lo stupore troppo, per tutti. E gli animi, come lievitati, erano pervasi da un potente, misterioso ma rasserenante senso di Inspiegabile, per Qualcosa di Grandioso che doveva essere accaduto. Ma non tutti capivano “COSA”, in quell’ innaturale, perfetto, cosmico Idillio… Eppure… In cielo le stelle come lune piene… e Angeli innumerabili, invece che uccelli: Chi a due, Chi a quattro, Chi a sei scelle… improvvisi fiori di campo dappertutto, anche tra i sassi… e da quella grotta qualunque - una stalla forse umidiccia - dopo QUEL LAMPO, che manco il sole fuoriuscito da terra!!!: un Tripudio di Canti Soavi, un Profumo Nuovo, Vivificante, Celestiale, una Luce Paradisiaca …….. Perciò, i viandanti a gambe disallineate, i pastori a bocca aperta, i notabili con la mano in testa .………. ripreso, dopo quella sospensione devota dell’ intero Universo un inchino profondo al Creatore - chi a camminare, chi a sbadigliare, chi a grattarsi… ‘a capa (all’ incirca…Protovangelo di Giacomo”, cap. XVIII - apocrifo)...non poterono non dirigersi verso “Quel Luogo”.

E altra gente a mano a mano pure volle appropinquarvisi; e una voce di popolo si spargeva; anzi, varie…….…All’ interno, prima o poi, si affacciò pure Chill’, sicuramente. “Mah!, un uomo e una donna, chiaramente due viaggiatori sfortunati o sprovveduti…certo, di questi tempi…o forse due vagabondim’ par’ quase ca ‘e ssàccio, a chisti…però… com’ è dolce, gioiosa e adorante, lei; com’è compreso, luima da che cosa?!......un bueun ciuccio…e pure loro!…ma tu guarda, in quella mangiatoia…nu Bambiniéllo!?!..…….Troppo Bello…No-no, s’ à da dìcere: mai visto, Uno Così. Meraviglioso… Divino!”, deve aver pensato.

Ma chi … era, Chill’ !?!...      

Nei giorni che seguirono, prima dell’ Esodo improvviso di “Quei Tre”, col somaro santo, verso il Regno delle Piramidi Dritte, tutti quei paesani, chi per adorazione, chi per richiamo interiore, o per pietà, curiosità, “scampagnata”; credenti o scettici, dotti e ignoranti, possidenti e nullatenenti, “amici e nemici”; nessuno escluso forse, tutti si recarono lì: a gruppi o da soli…

Si potrebbe dire che Quello fu il primo, vero Presepio della storia?!...

San Francesco non volle altro che immedesimarsi, anche “fisicamente”, quel 1223 a Greccio, nella scena animata “reale” della Natività e Questa solo successivamente fu inserita nel suo “contesto”. Ma le nasciture scuole e arti presepiali poi evolutesi e il trionfo di quella napoletana in particolare (a partire forse da S. Gaetano da Thiene, 1534), vi si sono poi sbizzarrite. Ogni singolo “pezzo”, “animato” o “inanimato”, come è noto, esprime una allegoria, rappresenta un simbolo. E oggi gli artigiani superstiti di S. Gregorio Armeno tentano di introdurre anche elementi di contemporaneità, sul canovaccio sette-ottocentesco: da ultimi “Otello, Raffaele e Renato” – tra i “pezzi” migliori.

Nulla da dire. Stupisce però – detto per inciso - che non abbiano pensato ancora a personaggi anche un po’ più seri e rappresentativi della contemporaneità, espressioni della società civile e della possibilità di riscatto degli “Ultimi”; né ad esprimere le tensioni culturali, civili e morali odierne, attraverso vari simboli: ad es. del “Male”, con una discarica (diffusissime anche allora) e un proto-inceneritore (ce n’ erano), o del “Bene”, con una compostiera

Quest’ ultima - forse inventata addirittura a Betlemme da San Giuseppe, secondo una teoria che andiamo elaborando - a noi sembra essenziale, perché allegoria forse perfetta della rinascita a Vita Nuova dell’ Uomo, convertito dal Fermento del Cristo, da inserire dopo la Natività

E poi, poiché dopo duemila anni l’ uomo è sempre lo stesso e la nostra è tuttora una umanità cieca e dolente, seppure in cammino verso La Luce (senso dei diversi piani e direttrici presepiali), ci si potrebbe mettere anche altri “pezzi”, come i trittici: “Vrenzola, Sciattola e Zenzola”, “Pulitòna, Sapùta e Sofìstica”, “Me sfastedio, Mò vengo e ‘O Vvoglio Mò”, “Tengo famiglia, ‘O Pover’ Omm’ e Iamm’ annanz’“, “M’ è ‘a fa’ fà, Nun ce Fà Niénte e Fatt’ ‘e Fatt’ Toje”,  Nu’ da’ Retta, Nun Te Piglià Còllera e Lev’ ‘Occasione”, “…Nu Cafè!, Venghi, Venghi! e ‘Frìsc’ all’ ànema …!” e molto, molto altro ancora, in verità, fino a “’O Fesso e ‘O Diritto” e “Voglio Chesto Chesto e Chello !”… 

No, nessuna politicizzazione del presepio, come già avvenuto col Vangelo, ci mancherebbe…tanto meno un riferimento a persone note, assolutamente: ma il fatto è che… simm’ ‘e Napule, paisà!”…

Ma mò torniamo a Betlemme, sennò non facciamo a tempo ad “acchiappare a “Chill’”… Dove stavamo… già… forse era tutta una processione…no …no, facciamo così…immaginiamo invece una sorta di presepio metastorico e che eravamo proprio noi … sì, l’ intero paese!… come se ………….. si trovasse in Giudea … e quella Grotta era una nostra cava …. e ci si canosceva tutti, o quasi – almeno di contronome: pecché ‘O Patatérno accussì ll’ era fatte… e ‘e ttenévano scritte nfronte … … … … … … … … … … … …

“”” Se precipitaje fora pe’ primmo ‘o Tenente Colombo, a ‘int’ ‘e Case Viécchie; po’, ‘a ‘int’ ‘e Casulàre, ascétteno lést’ lést’ ‘e Fémmene Bélle sott’ ‘o vraccio ‘e chill’ Omm’ Brutt’ e po’ ll’ Uòmmene Béll’, anema e core cu ‘e Fémmene Brutte… E mmiéz’ a a’ta ggente abbracciàta, ca se accarizzàva, l’ Uòss’ iévano cu ‘e Prusciutte  e ‘o Smargiàsso parlava cu Decénza...

E ascétteno ‘a ‘int’ ‘e Barracche tutta chella Gente Arraggiùsa e subito se ne fujettero ‘e Malatésa e ‘e Marmése, ma pe’ fa’ ampréss’, ruciuliàjeno a uno a uno, comm’ a tanta Cutrùlle, cu tutte chelli mmele annùrche e ll’ ati frutt’; ma ‘e Barracchiélle l’aizàjeno ‘a terra e ricugliettero tutte cose e, struppiànnol’ ‘e mmane cu na bella strignùta, vuléttero fà ‘a vìa nzième cu lloro; e chisti allora pigliàjeno curàggio e cammenànno cammenànno, ‘e rignéttero ‘e pére, banane e cachìsse …Ngopp’ ‘o Castellòne, ‘o Falco s’ astrignette mpiétto ‘o Riscignòlo e chist’ ‘o cantaje doce na canzone; e Ginetto, scennùto abbascio, era frettìll’ e chiammava, pecché se vuléa purtà appriesso pure cocc’ Pagliétt’ e Pagliettiélle, ma chisti lloc’ erano già currut’ annanz’… E mmiéz’ a ll’ a’ta ggente, ‘o Dirìtto ‘mparav’ ‘a via ‘o Fésso… e ‘e Ciucce nu s’ appiccicàveno, e ‘e Varrìli nu se scassàveno …  … … … … …

E pure ‘e Pesce e ‘e Ruosp’, ‘a ‘int’ ‘o Lagno, zumpàvano p’ ‘a priezza; e Zòpp’, Sùreci e Scarrafòni se mettéttero a correre mmiez’ ‘a via, e ‘e Scellerat’ e ‘e Stracciacappiéll’, ‘e Scignùn’ e ‘e Sciacall’, p’ ‘e scanzà, pe’ nn’ ‘e scarpesà, se scuntràjeno … e se vasàjeno mmòcca…. E arrivavano a péd’ ‘e Cafùne trafilàte, cu ‘e Rappucciéll’, ‘e Ficòne e ‘e Cocchie ‘e Pane; e a Cavallo ‘e Cavalliére, Milord’ e ‘a Pringipéssa; e cu’ ‘e ceròggene (p’ sicurezza!), a péde ma chiano chiano, pure ‘e Munacièlle cu ‘o Vescovo!...e a’ta ggente, tanta…E ogne Fortunatiéllo, Piscetiéllo, Zucculìllo, Chiappariéllo e Scarrafungiéllo se scurdaje ‘e comm’ era nasciùto, e se sentéa ncore ‘e tené na  Mamma Sòja … … … … … … … E ce stèv’ ‘o Russ’ cu na vranca ‘e fugliétte d’ ‘a lotteria; n’ ata Bella Figliola cu panzaròtt’, paste crisciùte e pizze ‘e tutt’ ‘e mannére; e ‘a dottoressa Pan’-Ammore-e-CardioAspirina cu na sporta ‘e bibberònn’ e ‘e latte sustanziòso, nu poco ‘e tutte cose necessàrie e cierti pazziélle a carigliònn’ assaje sfiziuse… ‘E l’ Arìllo cantàva cu ‘a MezaSopràno e, nziém’ ‘o Cònte, chisti purtàveno cazettiélle, pantòffole e mutànn’ ‘e lana, bòrze ’e l’ acqua càvura, cammìse ‘e notte, vistàglie e piggiamà; e nu Cerbiàtt’ addrèt’, carrecato cu tutìne, pannulìne, borotàrco, canuttiére e scarpetélle; bavaglìni e sonaglìni; carruzzélle, girellìni e pallongìni…E a’ta gente….E ‘e Pazziélle nu iévano a fernì mman’ ‘e Creatùre Sbagliàte…

E uommene ‘e legge ianchi, Rossi e ‘e Tutt’ ‘e Culòre, pure pecché nisciùno s’ avéa azzardà a purtà lloco ‘a munnezza, specie MÒ!!! …e MAI CCHIÙ!

E po’ ce stévano ‘e furestieri: tutt’ ‘e Caivanése cu Totònno ‘o Senatòre annanz’, e ‘a Famméglia d’ ‘e ‘Mprofumate addréte; Napulitàne; Puzzulàne Préncipe e Puzzulàne Populàne; ‘e Giuglianése càrrech’ ‘e friariélli, carciòffole, peperungìno, balaùstie, frònn’ ‘e Palm’ e Palmetélla; e a’ti Pagliettiélle a Cavallo…nzomma tutt’ ‘e ‘Mpestate ‘e ‘int’ ‘e Spiniélle e a’ta ggente angòra… e Nisciùno s’ avéa guardà d’ ‘e Cavall’ ‘e stalla … … … … …E Ciccio purtava café, sfugliatéll’ e Ciucculatìne; Nannina e ‘o Berzagliére nu trerròte ‘e ‘robba, cu pastinache, spullechìne, fenùcchie, ncappucciàte, cocòzz’, cucuzzièll’, cavuliciòre, vruòccole ‘e rapa, rafaniéll’ e rapéste; chill’ a’ti llà tarall’, biscuòtt’, sigarrétte, cape d’ aglio, Ciùre; Ros’ e Patàne ‘e pummaròl’ ‘int’ ‘e buttéglie cu ‘o vasonicòla …. … … … ‘E Duttòre d’ ‘e Fùngi e d’ e Chiappariélle cu ‘e spòrte ‘e sciambignòn, chiapparièll’ sott’ acìt’, lemmìccole, ‘spàrage, chichiérchie e aulìve sott’ uòglio ‘int’ ‘e buccàcce … … … … … … E po’ ce stévano tutte chill’ a’ti llà…e chill’ a’ti là angòra…uéh!, angòra assaje, ma assaje assaje assaje, ce ne stévano…e tutte quant’ aizàven’ ‘e Pàcche e menaven’ ‘e mmane … … …

Fofò-sì-Béllo chién’ ‘e Pigne ncapa, Capa Scucciàta ‘a Rosa e Rosa Scucciàta ‘Int’ all’ Osse, cu ‘e spasélle chìn’ ‘e rutùnn’, spìngule, cannulìcchie, taratùfe, còzzeche e aravòste, ‘o ppoc’ ‘e limmòne e pretusìno, e Falanghìna, Cod’ ‘e Volpe e Pèr ‘e Palùmm’ in guandità; ‘o Frisòr cu tuvagliette, acqu’ ‘e Culonia, spuma ‘e Brescia e sciambo per Signora… E pure ‘e Marinòne, cu tutt’ chelli ‘Att’ e chelli Micéll’ picceréll’ ngopp’ ‘e camiònne càrrechi ‘e nucélle, nucellìn’ ammericàne, prùne, percòche, crisòmmole, sciuscélle, ficurìgne e  sòvere d’ ‘e Pelòse…e carrétte ‘e Trippa, péd’, Mùsso, Stoccafésso, Baccalà, Cianf’ ‘e Purp’ ‘int’ ‘o bròro, Tarall’...E a’ta ggente….E Frijénn’-Magnànn’, sott’ ‘o vraccio ‘e Panza Vacànte… …

E Mattiùccio sùl’ sùl’, comme purtato d’ ‘a furia ‘e n’ Ònn’ ‘e Mare, co’ tutte chelli cchiàve, chiavìne, chiavistiéll’, sérr’, chiuòve, chiavàrde, cazzuòle, sìcchie, zùghe, càvuce e giménto e na bòmmola ‘e gas: ca tenéa ncapa ‘e vedé si s’ avèa accuncià coccòsa, p’ ‘e spìffer’ ‘e l’ aria e ‘o spércio ‘e l’ acqua ‘a ciélo; pecché era mò ‘o mumènto bbuòno, primma ca ‘o tiémpo putéa cagnà …E a’ta ggente assaje, assaje… co’ tutt’ ‘e Mangiapàne appriéss’ ‘e Faticatòre…e a ogne Cafòne ‘a Zappa soja mmano… tutte quante Past’ ‘e Méle … … … … …

E ‘a cchiù luntano, stévano arrivànn’ in dré’, d’ imbortànza… sùl’ ‘o primmo se accumenciava poco poco a vedé, ed era elegantissimo, Sciccòne!... e purtàva ‘n autocarro cu na Benna d’ Oro ngoppoMa chillu Cavalliére Scelleràto, ‘int’ ‘o Castiéllo, tremmànno già pe’ na Léttera, mannata annanz’ ‘a chisti pe’ ‘Ttanasio e liggiùta d’ ‘o Nunzio ‘e Corte…  penzànno a Chillu Bambìno Piccerìllo, cu tutte ‘sti Criscenziéll’ ‘int’ ‘a panza e furiùs’ assaje cu Orlàndo, iéva truvànno ‘o Camerléngo, no p’ assicurazziòne!, ca nun ce stéa chiù niént’ ‘a fà: ma pe’ cuntà ‘e sorde e putè scrivere immantinente na Lista ‘e còse e multiservìzzi, pe’ doppo, pe’ chilli Quatt’–Ott’–Quaranta Tànghere ‘Ntemerate! Pecché ‘a Nzalàta d’ ‘o Prévete mò s’ avéa fà no Salatiélla, ma assaje, ‘a vér’ assaje Dòce ‘e Sàle !!!!!

E ce stéva Nicculìno, l’ Angiulìllo!, ngopp’ a na cosa nòva: na gumbostiéra; coccata ndérra Rafiluccia, l’ uocchie sbarrate pe’ l’ estasi, ma Teseca-Teseca, pecché nu’ se fidava chiù, p’ ‘a scarpinata santa, ‘a puverella …

E propeto nnanz’ ‘a ‘Rotta, a fà vedè la via diritta e senza distrazziòni a Chillu Bambenièllo, ce steva nu Ministro, cu ll’ Angioli d’ ‘o Cielo: p’ ‘a Vittori’ ‘e ll’ ànneme, ‘o Trionfo d’ ‘o Bene e ‘a GLORIA ‘e DOMINEDDÌO! … …….. …””” 

Insomma, la confusione devota, pur giustificatissima, era veramente straordinaria. Ma purtroppo, anche in Quel Caso, malgrado tutta quella buona volontà…diciamolo pure: nessuno si accorse ‘e Chill’. Però ìss’ ce stéva!, e vide, come abbiamo ricordato; e po’, se ne jétte per la sua strada. Già: ma quale?! E che fine facétte?!.......... Ecco, a questo punto… però…non sappiamo proprio come sia successo: ci scusiamo tanto!….forse, ci siamo persi anche noi: proprio mentre stavamo là-là, dobbiamo ammetterlo: ce la ha fatta anche a noi, Chill’!... Non possiamo far altro che riferire quindi, a questo punto, che nessuna fonte: né storica, né apocrifa, né “leggendaria”, ci soccorre. E avvisare che qui si perdono purtroppo anche le sue tracce, definitivamente: nessuno ne sa più niente e manco noi!

Però, malgrado questo, ci si consenta: ci sembra lo stesso giusto averne detto qualcosa, qui; perché la domanda, da allora rimasta aperta, attraverso i secoli e le generazioni, resta ancora lì; e pertanto anche noi vogliamo continuare a girarla ai posteri. Perché…non si capisce proprio, perché; ma è come una specie di taluòrno, ‘o penziér’ ‘e Chill’ !…

E visto che noi non sappiamo più che pesci prendere,come uscircene…passiamo la palla a qualche artigiano, perché ne realizzi una statuetta: Chill’, allegoria perfetta dell’ Uomo nostro prossimo, di cui ci sfugge chi è realmente; o anche dell’ Uomo inosservato; ovvero dell’ Uomo, come è invece visto e cristallizzato dai suoi simili.

O forse dell’ Uomo, quale non è, o non vorrebbe essere: frutto della cecità e della ipocrisia umane; ma con una possibilità di riscatto. Perché, soprattutto, Chill’ è l’ Uomo che, dopo aver sentito, deve guardarsi dentro e scegliere, ovvero decidere da che parte stare e stabilire “se farci o esserci”.

 Insomma, si potrebbe pure concludere: Chill’, archetipo dell’ Uomo che deve prendere di petto se stesso, ed esercitare, senza sfuggire, la sua principale, drammatica caratteristica: il libero arbitrio. E “affermarsi”, e “farsi riconoscere”. Chill’, paradigma di noi stessi ?!

Volendo: Chill’, archetipo del Cittadino, che deve vincere la pigrizia e iniziare a compostare; e anche dell’ Amministratore e del Politico, infine, che devono programmare finalmente il compostaggio e altri sistemi

Vaabbuòòò……..Ma… la tigre, ci azzecca?!...Ahi……..Temo di nnn...ù mumént’!...un moménto…poiché ”Non c'erano nemmice pe’ la terra, La pecora pasceva co’ lione; Co’ e’ caprette se vedette ‘O liupardo pazzea’” ("Quanno nascette Ninno..."; S. Alfonso Maria de’ Liguori)…mi si insinua solo ora un sospetto…vuò vedé ca, Quella Vigilia, “pre-avvertendo qualcosa”, pure ”La tigre tenéa ‘o core ‘e pazzià co’ le creatùre”!?...

Allora, ‘int’ ‘a chella SCESA ‘A SAGLì, da quel gruppo, ne potrebbero anche trarre dei riferimenti simbolici: a “quel canto natalizio”; e, rifacendosi a certe tradizionali, trionfalistiche processioni medioevali, alleSconfitte di… Mitra e Saturno…la tigre quindi un po’ spelacchiata (una chiazza ncapa, ngopp’ ‘a còda e… ngopp’ ‘erécchie); Denzel Washington o il suo sosia… ciaccàto, mi dispiace!, e con una toppa sui pantaloni….Quanto a “la Brambilla” o “el Matador”, benissimo così, dài!; però ci sarebbe, finalmente!… glie lo dica, qualcuno!... anche gente, chessò, come…. Rachele Mercogliano e…. tanti, tanti altri …… … Téseca–Téseca, metafora del futuro Pellegrino Cristiano, dal Napoletano?! … … … E un “pezzo”, infine, che celebri la vocazione artigianale sacra di quella stessa “Via”?! … … …

 Buon Natale a tutti e, in particolare, uéh!, nn’ ‘o facìmme piglià còllera: a chill’!     

E, dopo la sonora fine dei tracchi…buon anno di compostaggio, m’ arraccumànn’!, a tutt’ chill’ che téneno… primma cosa: ‘o génio e ‘a fantasìa, uèh!, e po’, ammagàre… nu muòrz’ ‘e ciardìno; e ‘o vuléssero pure fà …ma ‘O PÒNN’ FÀ!!!...e so’ parìcchie pròpeto, assaje... ma assaje, assaje, assaje!!!

Quarto,10/12/2011                                       fabio.casamassima@fastwebnet.it  (agronomo)

P.S. Eventuali aderenze di fatti, cose e persone con reality strapaesani sono puramente casolari. Ad ogni buon conto, nu se po’ mai sapé!, prìmm’ ‘e fà “tre-sei-nove…”, prego, si onori la saggezza dei “vecchi antichi”, che ammonivano: “Chi si offende, è f. ….!”.

  

 

 

Condividi