CRONACHE DAL CASTAGNARO (9)
IL SOGNO DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO 
(SECONDA PARTE)
DALLA LOGGETTA AL SOLARIUM

 

“…PPP….RRRRR…..PPP…RROOONNN…RRROOONNN…RRROOONNN…PPP…RRRRR

……………….VVV…VVV…….ÀÀÀ……VVVVVV…..ÀÀÀ……VVVVVVVVV……….ÀÀÀÀÀÀ………

VVVVVVVVV………ÀÀÀÀÀÀ……………PPP……RRR…………….DEEEE………….FFIUUUHHHFFFAAAA

………….CCCCCCC……HHHÙÙÙ….…FFAAAA………….CCCCCCC…HHHHÙÙÙÙ….FFIUUUHHH……….……….

PPP…..EEEE…..…RRRR..…………FFFUUUU…TT’THH’………HHUUU…FFFUUU…TT’TTHH’…HHUUU...

FFFUUUTTTSSSS…FFFAAA….CCHHUUU……PPP’H….RRRRR….PPP’HHH...

RRRROOONNN…PPP’HHH….RRR…OOONNN…………”

<<<< …[Dove ero rimasto…dove ero rimasto… no, quello viene dopo… àh, si, ecco…]……

Cessaruccio mio bello! Stongo dalla signora Titina, si…si, mò essa me fa vardè ‘e supposte frangesi…’uardè, ‘uardè!... no, p’ ammore ‘e DDio!, i’  ce ‘a faccio fà  sulamente a essa, nu’ te preoccupà!… Tu mò te sì scetato?! Tutto suràto?! …àh, te vulìsso cagnà canottiera, motanne e cazettielli?!... Cessarino meio, vide addò stanno scopa e pattumiera… si n’ ‘e truovi, arap’ ‘a scarpiera… uè nu’ te ncazzà cu mico, ca mò stongo adda signora Titìna e nu te pozzo rispondere: vide però ca quanno vengo ‘a casa te scippo tutta ‘a faccia e ‘e vrachette t’ ‘e faccio diventà a striscioline!!!… stongo pazziànno, Cessaruccio mio caro… mò ti lasco… t’ aggia lascà!... te manno nu grosso vaso…nu vasòne! Cià… cià-cià-ciàààà!!!” donna Patrizia preme il rosso e posa il telefonino; donna Titina allora le fa: “Eh, Signò!, ve piace d’ ‘o fà piglià collera, a chillu povero maritiello d’ ‘o vostro, don Cesare Culìsso, eh?!... Però facito propeto buono, sapìte… ogne tanto ce vò, s’ à da fà accussì, cu’ l’ uòmmene … basta, dove eravamo rimaste…”….. Sulla strada si avanza intanto una torre di cassette piene di coppetielli di legumi, di ortaggi, di frutta e verdure ingiornalate… ma…ma… sono tutti scarti!... il giovanotto – tale sembra, alla coscia sinistra - che presta loro il capo protetto da una povera mappina quadrata, si ferma, incerto… man mano che si avvicina, la pila di scorze e pellecchie organiche cresce, si allunga… Sotto alla loggia, nelle orecchie del giovanotto si infilano le parole delle due donne…. gli entrano nel cervello… Lui ascolta curioso; ma intanto pensa che gli manca qualcosa… già; ma…  che cosa?!....

“Signò, ma Vuje ‘o sapìte ‘o sciclo ‘e ll’ acqua?!”, domanda donna Titina; e donna Patrizia: “Signò, ‘a bicicletta ‘ int’ all’ acqua?! N’ a’ta novità frangèse?! Àh, avito raggiòne!, là ce sta pure chillu posto, addò fanno ‘e corsiche ‘int’ all’ acqua!”; e donna Titina: “Signò, qua’ bicicletta e bicicletta d’ Eggitto… come dicessa, Sissignora!, semp’ essa, Tina: na vota che uno sape ì’ in bicicletta…cioè, che stongo dicenno… na vota che uno sape ‘o sciclo ‘e l’ acqua, po’ capè pure ‘o sciclo ‘e l’ azzòto…” … “Signò, comme: se diceno tutte ‘sti belli parulìne, primma ‘e fà ‘a supposta vosta, eh?! Accussì dic(e)’ essa, Tina?!” … Donna Titina trattiene a stento la sua insofferenza: “Si-gnòra Patrì-zzia!, ma… ma qua’ paruline e paruline… me faccio maraviglia ‘e Vuje… ‘A robba rossa e blù tene chiù azzòto d’ ‘a robba verde e chesta ne tene chiù assaje ‘e chella gialla e marrone, vabbuò?!… ‘O lignamme nu’ ne tene propeto… accussì dic(e)’ essa… ‘O strunz’ ‘e cane ne tene assaje… ‘a cacatella ‘e palomma pure è buòna… Fòsce-fòro e putàssio stanno ‘int’ ‘e ciori e ‘int’ ‘a robba animàle… ‘o Calcio…” …e donna Patrizia: “Ce vonno ‘e cavece, Signò, pe’ fà trasì ‘sti supposte?! Vuje che me state accucchianno!”… Ma donna Titina è paziente, fa finta di non aver sentuto… cioè: sentito; e prosegue: “Vuje pigliate mappate ‘e giurnalisti, cartòni, strepponi… spezzate e facìte mappine e strisciolette, e tutto chesto ‘o menate ‘a sotto… ‘a copp’ ce accumenciate a mettere tutto chello ca tenete ‘a ‘ittà… l’ ammescate primma… o sinò l’ ammescate aròpp’, stesso cà dint’… s’ à da miscà buono tutte cose, nu’ ve scurdate!… Signora Patrizia, sapìte comme dice essa, Tina, chella granda fèmmena!, ngopp’ TELE CàVOUR?! Dice essa accussì, dic’essa: Signore mie, mò ve faccio l’ equazziòne dell’ ingegnèr Colucci…” E donna Patrizia: “Chillo d ‘ ‘e biscotti?! Che se fanno ‘e femmene frangèsi, ‘e supposte cu ‘e biscotti?! Giesù Giesù!!! Siiignò… che è ‘sta storia ca me state accocchianno mò a me?! Giesù Giesù… i’ mò ‘o chiammo e ‘o faccio venì sùbbeto sùbbeto cà, a maritemo Culìsso!!!…”… A questo punto donna Titina non ce la fa più a trattenersi: “SIIIGNOORA PATRI-ZZIA! E che cazz’, scusatomi!...nu’ me facìte spustà cu ‘a vocca pure a mico!... ve vulìte stà nu’ poco zitta?! Me faceto parlè… parlà… mannàggia!, me…me…me facete pure ‘mbriacà a vardè… a parlè!… e che miseria!... i’ mò vulesse sapè ‘a Voi che ci azzeccano ‘e biscotti, co’ ‘stu Colucci… Colutti… comme sasiccio se chiamma pure isso; n’ ‘o saccio!!!… Basta; turnammo ‘a lavatrice mò, che è meglio…… Nu’ credo ca dint’ ‘a lavatrice voi ci mettete tutte cose assieme, senza spàrtere ‘e culòre, dice essa, Tina… Nun ce mettite ‘o bianco co’ ‘o russo e ‘o giallo co’ ‘o blù, no, nu’ credo... Allora, per fare il gumbostièllo domestìcche fatto propeto buono, ve dovete allicurdà l’ equazziòne ‘e Colucci: … ‘A sapete ‘a lavatrice?! ‘O Gumbòst é tutto ‘o cuntrario!!!...!!!... Insomma, dice essa, Tina: se nella lavatrice  ‘e culore s’ anna spàrtere, dint’ ‘a gumbostièra ‘e colori s’ anna ammescà… eqque qua a Colucci… Colutti… vabbuò!?!?  Po’ ce vò l’ aria, assaje!” E donna Patrizia: “Che dicéte Signò, ce vò nu Piritòre pronto?!” … Donna Titina stavolta si morde la lingua: un pò sta allo scherzo, un po’ non ha più le forze per reagire: “Eh Signò, propeto accussì, m‘ aveto dato una granda idea, ‘o sapète?! …Allora io mò primma sbacanto il secchio rosa bello mio dint’ ‘a ‘sta bagnarola e po’ ce faccio ‘a copp’ nu bellu piritore, ‘o tengo pure pronto!…”…

Dalla strada monta però una protesta di aiuto: è Massimino, che protesta di smetterla una buona volta coi peretoni!, mentre lui, giù, sta stramazzando dalla fatica… la pila è ormai talmente alta, che arriva sopra alla loggetta e lui ha pensato di scaricare dalla strada, con l’ aiuto di donna Titina… Lei si affaccia, capisce, si sporge,  ma non ce la fa a prendere manco una cassetta, rischiando solo di cascare giù con donna Patrizia, che la tira a sé, stracciandole veste e sottoveste…

Massimììno! Nu’ vaco buono accussì; saglie, saglie ngopp’, bello d’ ‘o mio, rumpete ‘e cosce a saglì… sì giòvane, che ce vò?! E faje amprèss’!”… Il giovanotto allora… che strano!, hanno qualcosa di familiare, quel naso, quelle gambe… il giovanotto allora si allontana per la rincorsa; si piega in avanti; la torre si inclina paurosamente… lui però corre veloce e imbocca idraulico l’ ingresso della palazzina… la torre di coppetielli e cappucci di carta è come se lo tirasse… la torre si infila, riprende la verticale, ondeggia, sfiora il soffitto… Massimino sale, sale… che strano!, di dietro gli si vede un panaro, enorme!… è come se le sue gambe gli fossero attaccate e quello fosse il suo vero posteriore… dal panaro sbucano foglietti di tutte le larghezze, pieni zeppi di numeri e cifre; dappertutto, sparsa, una “e” in alfabeto per sordomuti…  Massimino sale, piega le ginocchia, gira… ad ogni pianerottolo le cassette si riempiono di plafonnières e di ragnatele… degli strepponi di friarielli restano impigliati ai cavi della luce; una banana marcia si infila nella cassetta del telefono… dal panaro due corna di ferro si allungano pian piano da un foglio lucido… di mortadella?!, disegnando sul soffitto i binari di una ferrovia maestra… lui sa che è la sua ferrovia, per la Stazione delle Supposte, cui è destinato con la sua merce, e la segue… arriva finalmente all’ ultimo piano… è un sesto piano: si è allungato anche il palazzo… si materializza dal nulla un nugolo di cacciottoli, che senza abbaiare gli lacerano i pantaloni… lui vorrebbe scacciarli e muoversi ma non può, perché proprio allora, davanti alla porta di donna Titina, le corna di ferro fuoriescono dalla carta di mortadella del panaro e si infilano nel soffitto… il panaro si allarga ancora di più, si incastra tra la parete e la ringhiera… lui vorrebbe toglierselo, ma non può proprio: è parte del suo corpo… comincia a sentirsi in trappola… il panaro mugghia, anzi ruggisce come un toro furioso: MUUUHHH… finalmente lui riesce a gridare aiuto…. donna Titina accorre stracciata, apre la porta, si mette le mani nei capelli, grida anche lei… sopraggiunge pure donna Patrizia… però le si rompe un tacco ed inizia a barcollare, a sbandare, ad ondeggiare… è come se tutto il firmamento volteggiasse… e si calasse paurosamente su Massimino… donna Patrizia sembra finalmente preparare una poderosa mossa da sciantosa… il giunonico planetario le rotea per la via lattea prima come il povero disco di Giove, poi come una mongolfiera in balìa di un uragano… rotea rotea rotea… rimbalza su Massimino… lui, per il botto e lo spavento, sbatte a terra… le ceste e il panaro vanno per aria… le corna di ferro vibrano, suonando come corde di un’ arpa….. la melodia è piovosa… e piove… piovono ad una ad una tutte le scaglie, le pellecchie, le sfoglie, le scorze, le bucce, gli ossi, tutti gli avanzi insomma… è un patapàta di…di… di lenticchie, di fave, di finocchi, di pomodori, di capperi, di cicerchie, di broccoli, di incappucciata, di nespole, di melanzane, di olive, di nocelle, di arachidi, di noci, di funghi, di peperoni, di castagne, di fragole, di susine, di percoche, di carrube, di lupini, di melograni, di agli, di cipolle, di porri… una liscia, una riccia, delle patate….delle mozzarelle di bufalai foglietti e i giornali volano, ondeggiano nell’ aria, gli coprono la vista…… Massimino, il giovanotto, è confuso, sepolto, sommerso… perde quasi i sensi, non vede e non distingue più niente, ma finito il patapàta si accorge che c’è del fumo, dei vapori… ad un tratto inizia a sentire caldo…. molto caldo…. sempre più caldo…… si sta compostando pure lui?!... poi finalmente, ma non sa se è ancora vivo o è morto… e lentamente… molto lentamente, un po’ di meno… sempre un poco poco di meno… d’ improvviso si riprende un po’……….. però ha quasi mal di testa… no, non sono le corna: riesce finalmente ad aprire gli occhi: è… abbagliato dal sole forte!!!… si gira che strano!, a destra gli sembra di accarezzare una lunga albicocca… a sinistra una sinuosa nocepesca quando le carte finalmente vengono risucchiate una ad una con tutto il resto in una grossa vasca di pregiato marmo rosso di Persia, da cui emanano effluvi eterei, lui incredibilmente si trova libero, abbronzato, “immerso” nello splendido mare azzurro del Golfo … a sinistra Tiziana Gaia de Zimbrogliis, capelli lisci, biondi, puteolana, moglie del noto notaio napoletano del Casale, padrona di casa; a destra Domitiana Patrizia Della Varda, riccia e bruna come una castagna, giuglianese, sua ospite assidua ed amica intima, moglie di un impicciato imprenditore calabrese, ramo acciaio grigio, tale De Vardeis…..     

Massimino è allibito, esterrefatto…  vaporoso e accalorato… ma… è ancora lui?!....  

Titty e Patty sono in due pezzi… per la verità no, non sono in bikini!, ma in finissima lingerie di pizzo rosa trasparentissima, di alta moda… le due giovani signore scherzano, ridono, fremono di salute, di giovinezza e di libertà; lo stuzzicano, lo imboccano: l’ una di ostriche di Normandia, l’ altra di un cru réserve di champagne glacé … gli tirano piano i baffetti e gli fanno gli occhietti… gli mostrano con l’ indice un punto qui e uno lì, sulle loro corporee sculture: sopra e sotto… poi si distendono e gli fanno gli occhioni … eee… e Max, compiacente, cantaridino, vede Ischia di fronte e… ee… e mangia, beve e fischia, l’ usignolo… esamina premuroso quelle due sirenose silhouettes di rare stelle alpine... pardon, marine… su ogni tentacolo, per ogni minima, microscopica protuberanza pirifuscoliforme… Lui, scientifico, elvetico, cantarellino, applica uno speciale, piccolissimo cerotto di purissima cellulosa impregnata di resine e di ambre di alta montagna, a croce confederale, di sua fabbricazione: qui, sul Mons Veneris della bionda “Elena di Troia”; lì, tra una poppa nautica e il gran precipizio marino della bruna “Didone di Cartagine”… poi toglie i minuscoli cerotti crociati e ne rimette altri, prima tra valli, monti e lunghi, scoscesi dirupi; poi per estese pianure… su quei due pregiatissimi marmi di Carrara intanto si distribuiscono pian piano le minuscole croci bianche… su appuntamento, malgrado i suoi tanti impegni, è venuto apposta dal lago di Lemano lui, Max Fabien!,  col suo idrovolante personale, scompigliando tutte le carte sulla costa, da Capo Miseno in giù: mai visti prima tanti gabbiani nel cielo del Golfo!!!… ora quel suo biposto sta là sotto, i lunghi piedi nell’ acqua, ormeggiato alla ringhiera del solarium di Elena La Tr … pardon, di Titty del Casale... Molto ricercato dalle signore di alta società, per la bellezza della loro pelle, Max Fabien cura i pirifuscoli con una sua ricetta personale e hai baffi!… dei bei baffi curati, signorili ma birichini, che lo fanno al tempo stesso distinto, affidabile e trasgressivo… “i baffi”: ecco che cosa mancava a quel giovanotto di prima… e che fa impazzire queste due donne!… molto giovane anche lui, alla coscia destra… però sembra saperla lunga, questo qui… e anche lui ha qualcosa di straordinariamente familiare; un chissà che… no, dal naso e dalle orecchie niente peli… mah!, inspiegabile, questa profonda… ma no!, piena, perfetta empatia!.. ma che fine hanno fatto quelle due donne della loggia.. o forse della Loggetta e quell’ altro giovanotto senza baffi e col panaro, le corna di ferro e la torre organica incassettata sulla mappina quadrata?!… Mistero assurdo!!! Però, chi sse ne frega!!!....... Meglio, molto meglio così….

“Mon Dieu! Ici c’ est merveilleux! Quand le bon Dieu crèa l’ èden, Il se inspira à Ischia, certement… et dans le Paradis Terrestre il Y avait bien sure la mer bleue et verte de Posillipò… cette mer adorable de Napolì… le premier homme, il fut un homme de la mer, bien sure de Napolì!... Et, Mesdames, je crois que vous étaient dèjà là, lors de la Création Divine !... parce que Vous Deux, Vous ètez les Pommes de l’ Arbre Prohibi et au méme temps les Fruits de l’ Arbre de La Vie …” dice Max Fabien, spalmandole di sue creme dense, brune, misteriose, massaggiando e lisciando il velluto cutaneo ora dell’ una, ora dell’ altra… E le due giovani signore, provocatorie, sempre più seducenti: ”E tu, allora?! Chi sei tu, Max Fabien: il serpente dalla lingua forbita e dai baffi bifidi, o un Arcangelo del Cielo?! Di certo, sei furbo tu… Adesso che fai, pure lo scrittore?! Con quei baffi, puoi fare tutto, tu… ma di che tratti, in questi due bei volumi che ci hai portato?!”… E mentre lo adulano, simulatrici ingenue tutte e due, Titty e Patty si stirano di lato, per prendere l’ una da un tavolino alla sua sinistra, l’ altra da un tavolino alla sua destra, ognuna il proprio….Teoria dell’ orgasmo domestico”, legge supina Titty; “Pratica dell’ orgasmo condominiale”, seguita prona Patty… E Max Fabien, continuando diligente a spirifuscolarle: “Je regrets, Mes Jeunes Amies, Mesdames de la mer… les titres originaux étaient pas comme ça, Vous comprenez… la faute est à Guglielmo le Riche, l’ éditeur franco-napolitain: il m’ a voulu faire une petite surprise… comme ça dit-il; il soutient qu’ on va gaigner beaucoup plus de lecteurs et vendre encore plus copies… comme ça dit-il… mais je crains qu’ il aime de jouer avec moi, Votre affectionné Fabien, toujours à Votre service, Vous voyez…” …”Anche a noi piace giocare con te, Max… non te la prendere sai, ma siamo state proprio noi a suggerire i titoli a Gugliemo, nostro amico da tanto tempo… su, non tenerci il broncio adesso, Fabien!…”… E Max Fabien: “Mais non!!! Vraiment?!?! Ahahahh… je devais l’ imaginer… je vais tout de suite Vous écrire une dédicace… mais, attention, Mes aimables Amies de la mer: après, c’ est Vous, qui irez me dédier…” … “Basta parlare di libri…Vieni più tosto qui da me con quei tuoi baffi, toglimi quel granello di polvere…”, lo attira a sé Patty… Però Titty apre a caso  il suo e trova, a pag. 17, il paragrafo “ACT e igienizzazione della massa”… “Max Fabien, lo sai che sei proprio un uomo sorprendente, tu?! Ma dài… che cosa vuoi diventare, un caso da Sanità, come quel tale, Alex… Alex… ti ricordi mica il cognome, Patty?!” E Patty: ”Zanotelli, o Zanzottello, non so bene, Titty cara… Max, ma dove vai, non ti muovere, dove vorresti andare: porta qui i tuoi baffi, ce n’ è  un altro, guarda!…. ”…..  “Titty, Patty… Qui suis-je, pour que Vous Deux, les Deux Sirènes Originaux, me confondez en politesses… Et ces mozzarelle de bufalà que vous avez tous les deux!… Oh, mon Dieu!, j’ adore ça… mozzarelle de buffle avec fraises et cerises de cette Féconde, Abondante, Prodigue Mére: la Campania Felix !...  preuves formidables de l’ Existence de Dieu, de Sa Phantasie et de Sa Perfection! Tèmoignages véritables de Son Amour Infini pour l’ Homme, en particulier pour l’ Homme de Napolì, Son préferé, Son éligé sur cette Terre triste: l^ ètre superieur, entre Ses creatures inferiores… Homo Neapolitanus de la mer…!” … “Ah!, Max Fabien! Che affabiolatore stuzzicatore che sei! ….Se non ti conoscessimo così bene e non sapessimo che grande mistigiocatore sei, quando ti piace scherzare e provocare… vieni qua, dammi la mano… così, noi donne per te saremmo solo, dimmi… oh, dimmi: cos’ è questo, un pririfuscolone, non credi?!.. dici di no?!… bugiardino… su, adesso concentrati sul tuo lavoro e lasciamo stare quel discorso; datti da fare e fatti perdonare… così…” ….  Intanto la platinata Irina, un grembiule rosa di pizzo trasparente senz’ altro addosso, farfallina variopinta svolazzante e occhieggiante, va e viene sotto gli occhi di Max, e… eee… e apparecchia la tavola, lei, vicino alla vasca di rosso marmo di Persia, con calici di cristallo di Boemia, piatti di porcellana di Capodimonte - avuti in “gentile prestito” dal direttore dell’ omonimo Museo, amico intimo dei Della Varda De Vardeis - e posate d’ oro massiccio… al centro tavola un piatto zeppo di banconote, coperte a mò di fermacarte da autentiche monete romane – altro prestito, provenienza analoga, ma dalla zona bassa della Città. E Irina, tra una occhieggiata titillante a Max attraverso la tersa aria di Boemia e una occhiata sognante e indagatrice al vaporoso mare – dove appare intanto un puntino grigio scuro all’ orizzonte - aggiunge una banconota da 500 per ogni nuovo pirifuscolo estratto.

Ma Max Fabien non è un uomo propriamente venale: pensa soprattutto al suo lavoro lui, non si distrae a controllare il progressivo accumulo del suo volgare, filigranato compenso…  ”Max Fabien, sinuoso, tentatore erettile dell’ Eden Alpino, dal Lemano Allungato... Sarai affamato anche di buon cibo, scommetto… Finisci presto le tue bonifiche sul mio vulcanico Monte Sacro e nella sua selvaggia spelonca, la Cava della Castagna, perché tra poco la nostra Irina – caro, ti dispiacerebbe spirifuscolare un po’ anche lei, dopo?! sai, mio marito ci tiene tanto, ad avere in ordine anche la servitù -  ci servirà qualche assaggio di lasagna di pommes de terre con aubergines, qualche polpettina azzurra di petits mazzancòglie de Surriènto, un sobrio trionfo tropicale di millefoglie, un pasticcetto mediterraneo di marroni… poi avremo il caffè col gelato, a mare… rifocilleremo dei nostri  avanzi le mie murene addomesticate: guarda, lì, dove ho fatto installare, anche per loro, quel mio idromassaggio da scogliera personale… Max, promettimelo: tu ci terrai ancora compagnia, a me, Patty e Irina, finchè saremo sole; ti va, caro?! Ho ancora tanti, tanti fuochi d’ artificio per te, mio premuroso paperottolo del Lago…”, gli bisbiglia languida Titty, la padrona di casa, con la densa fragranza di una macedonia di ananas raccolte e tagliate a morte di subito…  Intanto sopraggiunge col telefono Irina:è  il Signor Notaio per Lei, Signora Titty…” ….Titty prende il ricevitore: “Ciù-Ciù, sei tu?! Come sei diligente e dolce; sentivo già la tua mancanza, Tesoro… Ma come: stasera sei a Palermo, Ciù-Cétto mio?!... Affari urgenti?!... Ah, quanto lavori, mio Caro… Notabili sicilioti?! Ah, quand’ è così… Un tramezzino soltanto?! Bè, per la linea è meglio… senza majonese, Tesoro, ricordati… Siii, Amore mio, ci penso io alle murene, povere bestiole… Piano tu stasera con le cassate siciliane tutte insieme, mi raccomando, sennò quando torni fai un sacco di piritori… No scherzo, scherzo… è il sole, mio caro… Ma l’ ho letto sul giornale, sai?!... Ah, senti Ciù-Ciù… ti ricordi di quelle vetrate, nel Duomo di Monreale, che mi piacciono tanto?!...Vedi se puoi fare qualcosa.. Però impegnati questa volta, magari in nottatella, mio caro! Torna presto e non fare tu troppo il nottarello, Tesoro!!! Si, Max sta qui, poverino… no, non preoccuparti dei soldi, so come tenerlo in castagna… sono ormai quasi pronta per te, Tesoro… Va bene, dopo gli faccio controllare anche Irina… e la vasca di Persia, si… Ciao, Ciù-Ciù; ciao Tesoro; ciao, ciao… annotati la vetrata, Amore!... ciao, ciao…ciao…” Titty restituisce il telefono alla Irina tirando a sé Max; la farfallina platinata però ritorna quasi subito:è per Lei, Signora Patty; Suo marito…” … Adesso è Patty che, sospendendo la sua lettura, prende il ricevitore: “Frù-Frù, dove sei, Sentimento Mio?!... E che sei andato a fare di corsa lì, nella Locride?!... Ah, già, scusami, sai… che sciocca!… siii, lo so bene: hai la tua migliore fabbrica di vardelle lì, nell’ acciaio grigio più duro del mondo… Davveeero, è speeento?! Non preoccuparti, adesso lo riaccendo… Dopodomaani?!... Frù-Frù, come puoi avere questo coraggio!… e a me non ci pensi, meschina, sempre da sola: signora De Vardeis, ma solo di nome… meno male che di mio faccio Della Varda… no, niente; parlavo con M… cioè, con Titty… vabbè, hai ragione, il lavoro è lavoro e io lo so quante vardelle… cioè quanti sacrifici fai per me, tu… Ma che ti hanno fatto, un peretone?!... No scusami tanto Caro se ho sospettato questo… ma solo per un attimo, sai… per un attimo solo, ma mi era proprio sembrato, sai… Aah, devi vederti con un certo Piritore… che stonata!, questo benedetto sole, sai!!!… màh, de vardibus… cioè, de gustibus, Caro… senti: me la porti, una di quelle tue particolari vardelle d’ acciaio grigio grigio con l’ anima d’ oro al tuo ritorno, Caro?! Per la mia piccola collezione personale, sai… IIIoo?!.. Eeh!, io ho in serbo per te una profonda sorpresa, mio Caro… Eeh no, birichino!, non te lo posso dire adesso, Frù-Frù caro: sennò che sorpresa è, ti pare?! …Un dolce di castagne, quando torni?!?!... Vaaa-bbèèè, vedrò che posso fare… siii, caso mai te lo preparo io stessa… senza ricci, come piace a te… Ciao Frù-Frù, buon lavordello… scherzo, scherzo, Frù-Frù…  ciao, Sentimento Mio… Non ti dimenticare: mettici l’ anima nella VARDEEELLA, Caro!... Ciao, ciao… si, lo accendo… Frù-Frù: fai il bravo!... me lo prometti, Caro?! E FATTI SENTIRE, OGNI TANTO, FRù-FRù!!!... Varda che… sto in pensiero, io!!! CIAO!!!…..Ricordati che mi manchi e penserò sempre a te, con sentimento! Si, sarò per sempre tua… la tua Patty Della Varda De Vardeis, Frù-Frù… ciaAAAAAAAAAOOOOOOOOOOOOOOOo…”

 Titty chiude il telefono e apre il suo libro a caso, a pag. 71, dove inizia il paragrafo: “THE CURING, ovvero: della maturazione lenta”. Poiché si è accorta di una minuscola piuma di gabbiano sul suo ventre, tira a sé Max, dai baffi aspiranti. Nel chinarsi a fare il suo dovere, lui si accorge che la platinata Irina guarda ancora il mare vaporoso, dove il puntino grigio si è fatto appena appena più grandicello……………………………………………………………>>>>>

“…PPP….RRRRR…..PPP…RROOONNN…RRROOONNN…RRROOONNN…PPP…RRRRR ……………….VVV…VVV…….Ààà……VVVVVV…..Ààà……VVVVVVVVV……….ÀààÀàà………

VVVVVVVVV……….ÀààÀàà……………PPP……RRR…………….DEEEE………….FFIUUUHHH  FFFAAAA………….CCCCCCC……HHHùùù….…FFAAAA………….CCCCCCC…HHHHùùùù….

FFIUUUHHH……….……….PPP…..EEEE…..…RRRR..…………FFFUUUU…TT’THH’……… HHUUU…FFFUUU…TT’TTHH’…HHUUU...FFFUUUTTTSSSS…FFFAAA….CCHHUUU   ……PPP’H….RRRRR….PPP’HHH...RRRROOONNN…PPP’HHH….RRR…OOONNN…………”

 

Quarto Flegreo, 18/06/2012                             fabio.06.casamassima@gmail.com

 

 

 

Condividi