CRONACHE DAL CASTAGNARO (8)

IL SOGNO DEL COMPOSTAGGIO FOR’ ‘A LOGGIA

(PRIMA PARTE)

<<< Donna TITINA, battezzata Immacolata, è una signora assai riservata, portata in palmo di mano nel quartiere, per la sua distinzione, regolatezza e cortesìa; donna PATRIZIA è una signora assai curiosa, che non vuole sfigurare e cerca di stare al passo con chi è più alla moda nel rione, conosciuta e rispettata pure lei, perché sa mettere sempre tutti quanti a posto. Le due donne, pur conoscendosi di vista, si sono scambiate qualche parola solo da poco, da Brad-Le-Pitta, il parrucchiere. Da lui ci sono certe rivistine di paese, dove si parla anche di dieta, cucina e compostaggio. Le due signore si sono di nuovo ritrovate da Brad, la terza, la quarta volta… È iniziata a  circolare intanto la voce che donna Titina si fa certe misteriose supposte francesi, e qualche mala lingua aggiunge che da quando ha iniziato questa cura, la signora sembra più sorridente…

 

È metà pomeriggio; donna Patrizia, tutta preparata e infarinata, carica di bigiotteria, la bocca rosso fuoco, le scarpette a punta col poco di tacco sotto un mappamondo da giro completo in ottocento giorni, è andata a fare visita alla sua nuova amica, donna Titina, che l’ aspetta trepida, col vestito buono e le pantofole…. DRIIIIINNN….

“Sii-gnòra mia bèè-ella!” …  “Si-ignò, come state?! ‘A  tanto tiempo, che ve  volevo venì a trovà! Brad m’ à parlato tanto bene ‘e vojo… e pure ‘a gente!...Cà vi portano tutti in palmo di mano, ‘o sapete?!…Dovete essere brava assaje, accussì diceno tutte quante….V’ aggio purtato ‘stu bello vaso!, ve piace?!”, fa l’ ospite; e la padrona di casa, accogliente: “Siignò, come so’ contenta…E pecchè nu’ sìte venuta prìmma?! ‘A tantu tiempo V’ aspettavo… Preego, preego, entraate, entraate… e trasìte!!!, che facìte là fora?!?! Graazie, graazie… Eh!, comme parìte bella, Voi, signora Patrizia! Faciteve vardè… E che bellu vaso! Me pare nu càntero antico!, ma non dovevate, non dovevate; graazie, graazie”…. “Mai chiù bella ‘e Voi, signora Titina!, grazzie assaje!!! È per Voi propeto per-zonalmèn-de che l’ ho accattato…me fa piacere, che Vi piace...”. Dopo altri squisiti convenevoli e complimenti reciproci, la padrona di casa insiste, orgogliosa, per mostrare all’ ospite il suo appartamento, stanza per stanza… in verità donna Patrizia non desiderava altro… La visita guidata incomincia dal tinello; seguono le altre stanze, infine la matrimoniale, col copertino buono ricamato, arancione, e i tappetini ai due lati; il bagno piccolo e il bagno grande, in tutti i loro particolari… Ma le due signore finiscono però col sistemarsi in cucina, dove c’è un vassoio di sfogliatelle e babbà con la crema. La napoletana è già pronta… “Mò faccio ‘o cafè, che dicete?! O vulite l’ annisètte?!”, fa donna Titina; e donna Patrizia: “Non vi scomodate, Signò… però, se è per farVi compagnia, gràzzie, m’ ‘o pigliasse pur’ io, nu culo ‘e cafè, troppo gentile! Che bella casa che tenete! E complimenti: che belli ciessi ‘e porcellana! Uno nce putesse mettere ‘a ‘rgenterìa!” …. “Signò, chesta è ‘a casa Vosta…nu’ facìte comblimènti!”…”No, Signò, non sia maje… nu tenesse ‘o coraggio… fosse propeto nu peccato ‘e ddio!”… La conversazione poi si avvia e le due amiche incominciano a passare in rassegna argomento su argomento: il negozio dei cinesi, il sudiciume cittadino… fino ad Antonella Clerici, beniamina di donna Patrizia per le sue ricette… Qua donna Titina si illumina, e interrompe brusca l’ ospite… “Ma pecchè, n’ ‘a vedete, Voi, a chella ‘a’ta trasmissione d’ ‘a sera, ngopp’ Tele Càvour?! Ah, aggio capèto… Voi Vi vedeto una supposta al soleno, ì’ me so’ scucciata… Non sapete che Vi perdèeeto, signora Patrì-zzia, e quant’ è brava, chella guagliòna, TINA! Annunziata, se chiamma essa… S’ ‘a fumma, essa, V’ ‘o dic’ io!, a chella biondazza spumazzata là… scusate tanto, eh, Signò! E m’ à ‘mparato ‘o vero a fà nu’ sacco ‘e cose, fin’ a mò…  Comme se fa ‘a lasagna in vardè‘a nonna soja, calabrisella, nce metteva ‘e puparuòle frìsche, vedìte nu poco!... ah, ‘sta nonna soja se nzuraje co’ don Ciccio ’o Purpettaro… còmme… chill’ che ieva vennènno ‘e Purpètte tuòrno tuòrnoavìto capèto mò chi è?!…còmme: ’o nepòte se chiamma Giuvànni, sta ‘e casa ‘int’ ‘e Birìlli, va pigliànno ‘e pirifùscoli ‘a mièz’ ‘a via… comme se fa nu bello millefoglie fatto in casa, doce o salato… dice ca ‘o meglio è ‘o millefoglie d’ ‘o Castagnaro, rigètta puzzulàna… e po’ m’ à imparato pure a fà ‘o gumbòst…”…”…’e suppòste?!?! Allora è ‘ o vero, ‘o fatto! Ee, dicìte, Signò…mò s’ è fanno in televisione ‘e suppòste, ‘a parte ‘e Tele Càvour?! E V’ ‘e fanno propeto… uardèvardè purpème stato mbriacanno a parlà, Signò…Ve fanno vardè, comme se mètteno?! E se po’ telefonà, si uno àv’ ‘e bisogno?!, Faciteme capè… V’ ‘e venono a fà pure ‘a casa, a domicilio?!”, si informa donna Patrizia, sporcandosi un poco di caffè. E allora donna Titina: “Vedete, signora Patrì – Pulezzateve! siete origginaria ‘e Puzzùle pure vuje, eh?!, dicìte ‘a verità!...ah, Vostro nonno patièrno, aggio capèto… V’ aggio canosciùto sùbbeto, Signò! – vedete, Signò: Tina è proprio brava, mica comme a chella sciambagnàta d’ ‘o primmo cacale …. Signò, scusate tanto, eh! nu’ me facìte sbaglià a parlà!... d’ ‘o primmo canale volevo dìcere… E Ve dice o’ vero nu sacco ‘e cose nuove, che V’ arapono ‘e cervèlle… ‘e cervèlle, sì, avito capèto buòno… ch’ aggio dìtto io?!… Cioè: pure cose ca uno ‘e sape già, cierti vote, solo ca nu’ ce penza… Essa V’ è fa propeto vardè… si, si: ‘uardè, vardè, cu l’ uocchie vostre, Signò. Comme ‘e fa parè facili ‘e cose, essa!!!… Pigliateve nu babbà, Signora bella!... M’ avìta crèdere!, m’ à fatto capac’(e), essa, ‘e chello che se po’ fà dentro a la casa, pe’ sparagnà soldi ngopp’ ‘a tassa d’ ‘a munnezza e stare pure assaje chiù pulezzàti… Quant’ è brava, chella figliola… Tina, sì, sempe essa, Tina!; e mica fa solo ‘a cucina, essa: Ve spiega nu sacco ‘e a’ti cose appriesso… comme s’ accatta ‘a robba, comme se prepara e pure comme se jetta…“ Qui donna Patrizia la interrompe: “Ma addu Brad nu’ vene maje, chesta?! Addò s’ ‘e fa ‘e capille, essa?!”, e donna Titina: “ N’ ‘o saccio, chesto; ma ’e chistu fatto lloco a nuje mò nu’ ce ne fotte… Vi stavo dicendo, comme dic’(e) essa, che ‘a munnezza…” …. Ma donna Patrizia la interrompe di nuovo: “Embè, Signòra mia, scusassa assajo, me faccio maravìglia ‘e Vuje… che ce vò, na granda sapùta ‘e cheste, a nu’ fà sporchizzia dentro alla casa e ‘a ghittà la robba?!…Io tengo ‘o cassonetto sotto alla finestra, Signòra mia, arap’ ‘a lastra e me so’ bella e spicciata… A me me piace ‘e fà amprèss’ amprèss’, Signò, ‘e stà sistimàta…”. Ma donna Titina, paziente, riprende: “Pur’ io me credevo accussì, primma, Signò… Ma essa m’ à fatto capè buòno che tutte ‘sti mosche, ‘sti zoccole e ‘sti scarrafòne, mmiez’ ‘a via, se tèngono sempe ‘o mangià pronto e saporìto, se fanno sempe chiu assaje… e poje… cà parlammo ‘e sorde ca se sparàgnano, Signò, pecchè ‘a tassa è cara, all’ anema ‘e chilli quatt’ scurnacchiati… e parlammo d’ ‘a camòrra, che sta mmiezo a tutte ‘e cose sporche… dice Tina che pure noje ‘e potimmo fà puzzà ‘e famme, a chilli quatt’ disonorati pidocchiosi, comme a ‘sti zòccole fetenti – scusate la parola, Signò! - se facimmo ‘a raccolta differenziata… e po’ cà stammo parlammo d’ a decenza, Signora mia… ma Voi ‘a mettete ‘a robba a posto ‘int’ ‘e tiretti, cammìse stirate cu cammìse stirate, maglie cu maglie, o ammiscate mutanne sporche e pulite?!” …”II-IO… ‘int’ ‘a casa mèe-ja, I-IO ammiscasse robba pulita e robba spòrca e mettesse ‘e mutandìne mèeje… ‘int’ ‘o frigidèr?! Fulàr, cappièll’ e cazettìne ‘int’ ‘o forno?!?! ‘E cravatte ‘e maritemo, don Cesare Culìsso!, cu’ pane e freselle?! Signora Titina, ma...ma… ma che sasiccio me state accocchiànno?!”, si offende quasi di brutto donna Patrizia; ma donna Titina si scusa prontissimamente per l’ equivoco: “No, no, signora Patrizia, scusatome assaje, scusatami… io nu’ volevo dìcere chesto, no, no, ch’ avito capito…scusate, scusasso assaje!!! A levà ‘a pòvere cu ‘e canottiere ‘e motanne ca s’ à da mettere don Cesare Culìsso, Vostro marito, e a tenè ‘e giarrettiere belle Vostre appese cu ‘e strofinacci d’ ‘a cucina, l’ assorbente ‘e Vostra figlia, chella bella signurìna chiatta!, cu ‘e fazzoletti ‘e carta… no no, chesto no… maje e poi maje!, maje mi sarei permessa, no, no, no!!! Io volevo dicere solamente, vedete, scusasse ancora… Chella, Tina, spiega ‘e cose accussì bello, essa… come Vi ripeto, V’ ‘e fa propeto vardè co’ gli occhi Vostri… Pigliàteve na bella sfogliatèlla frolla mò, signora Patrizia… no, no, chell’ a’ta chiù grossa, Signò… mangiàte, mangiàte, so’ bone… mò piglio pure l’ annisètta… Insomma, dice Tina, Signora bella mia: se l’ ordine e ‘a pulizzìa dentro alle case nostre so’ ‘a chiù bella cosa, sennò se fanno pìmmece e pidocchi e quanno ascìmmo fore parìmmo pure tanta zènzole, questo significa che noi sapìmmo già differenzià buono, si ‘o vulìmmo fà… che nisciuno ce l’ à da imparà… tenere a posto la casa è propeto differenziare, a la bon vardè, ‘sta cosa qua, dic’(e) essa… e per la munnezza è ‘a stessa cosa, anzi chesta a’ta cosa cà, ‘a munnezza, è ancora più facile: ce avìmma mettere ncapa solamente che pure chesta serve!” … “Ah, mò stongo incomincianno a capè quaccòsa, ‘e chello che volete dìcere, Signò… io mò me piglio pure na bella riccia, permettete vero, signora Titina?!...n’ a’tu goccetto, gràzzie! Vabbuò, dico ca sì… n’ a’tu poco… accussì…grazzie… ‘a salute vosta!... ma continuate mò, Vi preco, continuate…facìteme capè a che servesse, ‘sta munnezza, mò; chesta è na vera novità… però m’ avita dicere aropp’ ‘o fatto d’ ‘a suppòsta…”, fa donna Patrizia;  e donna Titina, incoraggiata, riprende e si allarga: “… E po’ che ce vò, a fà nu poco ‘e cumpostièllo?! Niente, propeto niente!...Se sparagna e serve assaje, ‘o gumbòst…”…”’A ì lloco, ‘a suppostaSe sparagna, co’ ‘e suppòste?! Chi se l’ avessa fà, mò, ‘sti suppòste, signora Titìna?! A chi!!!...”, fraintende di nuovo l’ ospite… e la padrona di casa: “Ma qua’ suppòsta e suppòsta!, àh, signora Patrì-zzia… ‘o gumbòst, aggio detto… il compòst, comme V’ aggia fà capace… ‘o gombostièllo domestìccheè frangèse, me pare… tutti ‘e megli signori d’ ‘a Sguìzzera ‘o fanno; ‘ o dic’(e) essa, Tina, che ci è stata... e dice ca pure tanta signori ‘e Napule, che sape essa, ‘o fanno pure loro… dic’(e) essa… e dice semp’ essa, Tina, che mò ne sentiremo parlare pure ‘o teleggiornàle, però su Telefantasìa…“ …. Donna Patrizia: “Mò se fanno ‘e suppòste pure ngopp’ Telefantasìa?! Sentite, signora Titina… io nu’ ce trovo tanto sfizzio, ‘a verità, a fà ‘e supposte…e che è, stu sfizzio mò, che ce sta venenno a tutte quante?! Però si ‘sti suppòste so’ frangesi e fosse ‘o vero, ca s’ ‘e facessero veramente pure loro, ‘ste quatt’ belle patrizziòne che saccio io, ca tenimmo là, ngopp’ a chella collinetta… e ‘sta suppostiella frangèse fosse ‘o vero accussì doce e scicca, e pure Voi mi garantite che è nu piacere… allora… allora, forse, m’ ‘a putesse fà pure io… addò s’ accatta?! ‘O miedeco t’ ‘a scrive?! Però facìteme capè buono che ci azzecca, ‘e canottiere e ‘e cammise ‘e don Cesare Culìsso, mio marito… ‘sta supposta… che si fa, in camicia?!…”, la interroga curiosa donna Patrizia. Donna Titina allora scioglie la lingua: “Vedete, signora Patrizia… dice sempre Tina, su Tele Càvour… l’ avìta vardè pure voje, signò, quacche sera ‘e cheste… dice insomma essa che, a la bon vardè … guardè, Sissignora, guardè… ‘e cose stanno accussì… ‘A robba se perde semp’ nu poco, ‘int’ ‘a casa: è nu peccato ‘e DDio, ma nu’ ce sta niente ‘a fà...e chesto se sapeva già… O pecchè è assaje, o pecchè uno nun ‘a varde, o pecchè ce piaceno chiù assaje a’ti cose…’E vote uno fa na talefonata o se guarda ‘a televisione, mò nce vò: s’ ‘a scorda ngopp’ ‘o fuoco e chella s’ appìccia… ‘E guagliòni po’ so’ difficoltosi: ‘e vote se pùzzano ‘e fàmma ‘int’ ‘a casa, schifano tutte cose pe’ principio, o non sia mai la robba nun s’ ‘a pigliano cu ‘e mani loro… A paricchie ‘e loro po’ ce piaceno solo ‘e purcarìe accattate mmiez’ ‘a via, e allora, specie si tènono ‘e cosce chiatte chiatte e ‘a paura ‘e ingrassà, se pigliano ‘a nutella senza pane ma nu’ se magnano ‘a fella ‘e carne… Quanno vanno a fà ammòre, po’, nu’ sia mai ce sta l’ aglio dentro: diceno ca doppo ce fète ‘o ciàto… e accussì cavuliciori, pastinache e stoccafisso s’ astipano… e nu juorne, e doje… Ma dicimmo ‘a verità: non so’ soltanto loro…Se a uno, doppo che l’ à accattàta, ce passa ‘o genio?! … O nu’ ce piace, comme è stata cucinata?! O piglia ‘o mellone, e aropp’ ch’ à vardè che è fesso, ‘o po’ sulamente fà schiattà!, o tiene ‘e purpette d’ ‘a ‘gnora che si inchiomma ngopp’ ‘o stomaco e la banana che si è fatta molla?!?!… Pecchè, Vostro marito, signor Culìsso!, che dicèsso, ‘o fatto d’ ‘a banana?! Po’ ce stanno ‘e penzieri e ‘e disgrazzie, e allora a uno ce passa propeto l’ appetito… Quando va tutto bene, che si cucina regolare e ognuno se magna a orario suo chello che vò, se tiene genio… Quando va tutto bene, dicevo, che pare ‘a vota bona che nu’ se jetta niente… se fanno nu sacco ‘e pellecchie e ‘e scorze… Basta: com’è, come non è, ‘a robba ‘a magnà fa nu’ sacco ‘e ploblemi dentro a la casa… chesto se sape… fieta e chiàmma moschilli e scarrafòni… Uno l’ à da ‘ittà amprèss’ amprèss’, ‘sta robba, pure che è nu sacco ‘e robba, nu’ schiaffo alla miseria... pacienza, embè... com’ è, come non è, uno ‘sta robba se l’ à da levà ‘a ‘nanz’… mica se pò mettere semp’ tutte cose ‘int’ ‘a panza… nu’ ce vò niente, insomma, a fà sporchizia… E ‘a meglia cosa, ‘a verità, fosse ‘e menà tutte cose abbascio, comme dicesso primma voje… Ma ‘a furtuna Vostra, ‘e s’ affaccià ngopp’ ‘a nu cassonetto d’ ‘a munnezza, nu’ capita a tutte quante…. Pure ‘a signora Rafilìna, cà affianco…sapete, chella c’ ‘o tuppo… vò fà domanda a lu Comune… sta raccugliènno ‘e firme, pe’ fà mettere nu cassonetto cà sotto… Si, à detto pure Tina, quant’ è bee-ella, Madonna mia!, che ci sta nu granda proggètto, per il futuro…gruòsso… nu’ saccio che ci azzeccano purpette e castagne, ma ce stanno… nu proggètto, a lu bon vardè, dic’(e) essa, ‘e fà na discàrreca in ogni paese, in ogni quartiere…accummenciànno d’ ‘o paese che fète chiù assaje, seconno loro: P(e)zzùule…”….”Ce vulesse propeto, Signò! Fosse propeto ‘a soluzziòne a tutta ‘sta fetenzìa… magari ne facessero una propeto sotto alla finestra mia… a chi stanno aspettànno?!”, commenta donna Patrizia…e donna Titina riprende: ”Eh, non vi credete però che ‘sti scàrreche fossero accussì simpatiche, signora Patrizia! Sapìte quanta pirifùscole ‘e monsignor Perrillo… monsignor Perrelli… monsignor Perrella: comme càspita se chiammava, chill’?!.. ve trasessero ‘int’ ‘a casa?!?!... Secondo me, scoppia na rivoluzziòne, si accumènciano…  ‘e Puzzulàne so’ fetiènte! Se ‘nquàrtano amprèss’, chilli là …. Pe’ mò, aspèttano; e ‘sta granda scàrreca ‘e proggètto s’ ‘a tengono là, ‘int’ ‘a capa loro… è nu’ proggètto in caldòro, insomma… Iamm’ annanz’… allora Tina, dic’(e) essa, che granda giurnalista!: nun è semp’ accussì facile, ‘a menà ‘a robba abbascio… E po’ ce stanno chilli quatt’ strùmmule, chilli quatt’ santarellini: tutti bizzòche favuze (false) e bigòtti scièmi, ca te lassano ‘o strunzo ‘e cane for’ ‘o purtòne, pisciano e sputano – scusate ‘e parole, Signò - quanno vonno loro, però a Vuje Ve murmurèano appriesso, se Vi vedono ‘e fà na cosa che a loro nu’ ce piace… Se ci stesse ancora ‘a buonanema d’ ‘o zi’ Peppe, allora si… a proposito, ma ‘o sapite Vuje, pecchè a Napule se dice: Peppe ‘o càntero?!... allora sì, uno ‘o pigliasse chièno chièno… Ma po’ succedesse ‘a guerra, s’ avessa fà na strage… e uno nu’ se po’ appiccecà sempe co’ tutt’ ‘o munno… Meglio a lassà stà, a purtà pacienza… ‘Int’ ‘a casa s’ à da stà tranguilli, ‘e plobleme già so’ assaje, ‘a famiglia à da stà qui-èta… Però, che peccato ‘e DDio, frìsc’ all’ anema soja…” … e donna Patrizia:” Ngopp’ ‘a chesto, avìte ragiòne! S’ avessa fà na strage, quacche vota! Pensate, Signò!, ca ‘e vote ‘a gente, vedìte nu poco!, vene ‘a casa a fà storie… e una brava cristiana, na pulitòna comme a mico, senza offesa per chi mi sente!, deve combattere pure co’ cierti vajasse ‘e miez’ ‘a via, si scasualmente ‘e regne ‘e mulignane… ma faciteme sentì che dice appriesso chella bella figliola, comme v’ à dato ‘sti supposte, che vi piaceno tanto…”… Donna Titina allora riprende: “Propeto accussì, Signora mia!... E allora Vi dicesso…cioè, di-c’(e) essa, sempre la giornalista, Tina… Tenete mente quanno se tratta ‘e pulezzà: vanno fujenno tutti quanti… ‘o meglio tene sempe che fà, arrònza e fa ‘e cose a metà… Poi dovete scendere sempre solo Voi, a buttare la busta, che pesa, e puzza pure… proprio all’ orario, che uno non tiene genio… Nu’ ve ne fotte d’ ‘o mare e d’ ‘o cielo, che nu’ se vedono, d’ ‘e case voste, vabbuò… Ma non vi siete sfuttute ‘e fà chesto?!, dic’(e) essa... semp’ essa… Vulìte stà chiù còmmode e fà chiù amprèss’?!, dic’(e) essa, ancora… Allora dovete differenziare e gumbostàre!... Per non portarvela alla lunga…” … “No, no… dicìte, Signò, dicìte che dic’(e) essa…”… “Per farvela breve, insomma… aggio mìso mmiezo ‘stu sistema che dic’(e) essa, Tina: come l’ ho visto fare a lei propeto personalmente alla televisone… esatto e preciso… ‘O compòst domestìcche ‘e Tele Càvour: Annunziatina mò t’ ‘o fa vardè, sciuè sciuè... ‘mparatello, fallo pure tu e nu’ ghittà chiù ‘a munnezza abbascio!, ecco, accussì se chiamma ‘a trasmissione, mò m’ allicordo…”. …E donna Patrizia: “Seh, me pare c’ ‘a comme dic’(e) essa, m’ allicorda ‘a canzòna: ‘nfìzzate ‘sta supposta, siènt’ a me!.....”

E continua, donna Titina: “Allòora, vedìte cà, Signò… Aggio mìso ‘stu bellu secchio sotto ‘o lavello… No, ce ne tengo infizzati quattro, ‘e vedete?!, servono tutte quante pe’ fà ‘a raccolta annunziata… cioè, differenziàta… sulo chistu loco me serve pe’ fà ‘o compòst,  ecco, cu ‘a munnezza d’ ‘a robba ‘a magnà, ‘o poco ‘e carta e a’ti cose…mò Vi dico buono tutto cose… ‘e buatte ‘e metto là… cà dint’ ‘ o vrito… tutte cose sciacquate e pulezzate, che nu’ fetono; sentite addòre?!… là sta la carta culorata… no, ‘int’ a chelli scatole là ce stanno, pile, medicine e lampadine…” … Donna Patrizia: “’O fatto è propeto ‘o vero, sieto na signora assaja sistimata … ‘e supposte stanno cu ‘e medicìne?!”…Donna Titina: “E dàlle, co’ ‘sti supposte, Signò… ‘o gumbòst, v’ aggio detto…mò Vi spiego, vedete qua… Piglio robba perùta (persa), robba superchiàta (superata), sfrìddo (sfrido) e robba che si usa solo in tempo ‘e guerra: stentini ‘e conigli e pollastri, cape e zampe ca nisciuno se magna p’ ‘o schifo; cape, stentini e scarde ‘e pesce; nozzoli di aulive e di crisommole, scorze ‘e noci e nucelle; pane e porpettone sereticci,  ‘o cornicione tosto d’ ‘a pizza, ‘a frittata ‘e maccarune caduta a terra; ‘a carta d’ ‘o pane stracciata, ‘o cartone ‘e carta iggiènica e p’ ‘a cucina sbrindellati, stuzzicadenti spezzati; mozzarella ammosciàta, burro fetùso e gelato squagliato; fiori spampinati… Si, pure ‘o latte quagliàto, ‘a ricotta gialla, ‘o gorgonzola marrò, ‘a carna ca s’ è fatta vardè…verde, insomma; ‘a coca-cola sfiatàta, ‘o bròdo ammuscàto e ‘a salsa co’ ‘o zucchero, quando la fa il mio maritino bello, il signor  Mocipenzìo, sapete… purpette, purpettone e polenta pure li metto dentro, ‘gnorsì, Signora bella mia…fiche squacchiate, marmellata ammuffuta, mele chiène ‘e viermi, come no… ’a bustina d’ ‘o tè, d’ ‘a tisana e d’ ‘a camomilla, come no, come no…’e cheste ce ne vò assaje, ‘e vote, ‘a sera… ògne, pìle e capìlle… ‘o strunz’ d’ ‘a ‘atta, se sta chiatta e in salute e nu’ ghièsce ‘e casa a fà li ccose soje … ‘o poco ‘e sporchizia ca se fa co’ ‘a scopa, però senza vetri e scarde o altra robba accussì… moccatori ‘e carta p’ ‘o naso e p’ ‘a vocca, ovatta, salviettine iggièniche… na lacerta scamazzata, farfàlle e rangi accìsi… Chello che voglio ‘ittà pe’ sfizio mio, ‘o metto appriesso… ah, me stevo scurdànno ‘o meglio: muzzùne ‘e sigarrètte e posa ‘e cafè… comme Ve l’ aggia dicere, Signò: piglio tutte ‘sti cose lloco e altre ancora… insomma, chello che potete da sola immagginà, signora Patrìzzia… metto tutte cose cà, tutt’ assieme… si ‘o pozz’ sparpaglià e ammiscà, mentre lo butto nello stesso tino… ca po’ è nu secchio… è meglio… chella paletta là me serve a chesto… sennò nu’ ce fa niente… “… Donna Patrizia: “Bellillo, ‘sto secchio vostro, signora Titina… ‘o tengo pur’ io uno accussì, rosa!”…Donna Titina: “Bene, signora Patrizia… allora l’ avita ‘mprofumà pure voi, come il fiore più bello che c’è, ‘a rosa… a chesto serve ‘stu sistema… Rosa è pure ‘o culore d’ ‘e femmene, sapìte… Tenete mente… mò sta accussì, senza protezziòne… ma ‘e vote ‘o fascio torno torno co’ tutt’ ‘e giornalisti che tengo ‘a manesa; ‘e vote ci metto invece dentro na busta ‘e carta o nu sacchetto, grossi… o ‘sti buste cà, vedete: nu saccio che robb’ è; a me me pare plastica, che dicete Voi?!... ma è come se si squagliasse in mano; pigliàte: Ve lo fa pure a Voi?!… ngopp’ ce sta scritto… sapìte… leggete! Compostabile, brava… no, chillu là, biocombustìbbile… scusate, biodegradàbbile… eh, me stongo ‘mparanno a poco ‘a vota… nun è buono, nu’ saccio ‘o pecchè… io mi sto a quello che dic’(e) essa, Tina; correggètami si sbaglio a fà accussì… insomma, ‘e vote ‘e piatte ‘e pulezzo ‘int’ ‘a nu sacchetto, ‘e carta o combostàbbile,  messo ‘int’ ‘o secchio; o direttamente ‘int’ a chisto, caso mai foderato ‘e giornalisti… Na vota accussì, n’ a’ta vota accullì… Aspettate, v’ aggia dicere primma n’ a’ta cosa: io ‘e spine ‘e pesce ‘e taglio cu ‘a forbice grossa p’ ‘a cucina; l’ osse ‘e pullastro pure, o ‘e  scamazzo, comm’ a cozzeche, vongole e uòstreche… No no, saccio ca ce stanno pariccchie, ‘a via ‘e copp’, al Nord… pecchè ‘o dic’(e) essa sempe, Tina… ca se sfòttono e menano ‘sta robba lloco ‘int’ ‘a munnezza normale… io no, aùso tutte cose, ‘gnorsì, Signora mia, tutte cose… pe’ me mò chest’ è ‘o normale… nu’ ce vò niente a fà accussì…” …

Donna Patrizia: “Stongo assajo sbalordita d’ ‘e parole Voste… Che V’ aggia dicere, Signò: a me me pare nu’ poco complicato ‘stu sistema d’ ‘o Vostro, ‘a verità… ca se perde assaje chiù tiempo…ce vò troppo spazzio… facesso puro nu poco schife, ‘a verità… e uno se po’ fà pure male e fernì ‘o ‘spidale chièno ‘e sanghe…” … Ma replica donna Titina: “No, nun è ‘o vero, Signò, nun è ‘o vero… ‘O spazzio no, ce sta, sempe: come dic’(e) essa, Tina: basta a fà chiù attenzione a a’ti cose… Si ‘o facìte pure Vuje, Signò, vedete ca nu’ ce vò propeto niente… è na strunzata, scusate la parola… poi Vi esce facile comme a l’ arangiàta da dentro alla macchinetta automatica, Vi dico… e Ve piace pure d’ ‘o fà, se Vi abituato…. Ma po’ scusate, Signò, non Vi offendeta: non c’è di peggio, assaje chiù peggio?!, N’ ‘e facimmo tutte quante, tutte ‘e juorne, signori i popolani!, patrizia e plebea!, nu sacco ‘e sporcherìe?!?!... Pecchè, pulezzà ‘o cesso, con rispetto parlanno, pe’ na femmena ‘e casa, n’ è forse peggio, secondo Voio?! E po’ subito dopo s’ à da taglià pure ‘o pane…. Curtielli, forbeci, martielli e a’ti cose pericolose non si ausano tutti i giorni, nella casa Vostra?!... Certo, in mano alle creature, no, n’ ànna ì’, ‘sti cose loco…”… Donna Patrizia, malgrado la smorfia di disgusto, si piglia un altro babbà: “Ngopp’ a chesti cose lloco avìto propeto raggiòne, Signò… gnam.. continuasso, Vi preco…gnam.. voglio vardè, comme dicite vuje, comme va facìte vuje… cioè… addò vulìte arrivà, co’ ‘sta supposta vostra…gnam…” …. Riprende donna Titina: “Insomma, quanno me so’ sfastediata e ‘o voglio svacantà, piglio a ‘stu secchio co’ ‘sta bella fantasia ‘e cose… n’ à da essere pe’ forza chièno… ce ponno stà pure ‘e fronne ‘e nzalata sulamente… però fa nu poco schifo ‘e vote, ‘a verità!, pure Vuje tenite nu poco ‘e ragione... e ‘o porto fora ‘a loggia…mò ve faccio fà  capace, venite appresso a me…ah, nu’ ve l’ aggio fatta ancora vardè, ‘sta loggia meja…?!” Le due donne escono quindi fuori alla loggia; donna Titina col secchio rosa dell’ umido; donna Patrizia con quello che rimane, del terzo babbà… Si tratta di un piccolo terrazzino: ci sono le scope e le mazze per lavare a terra, in un angolo; torno torno, una quindicina di vasi assortiti, di varie dimensioni; sotto al cornicione, da quell’ altra parte, un paio di bagnarole, una nell’ altra… Un ombrello aperto dal manico corto corto copre la bagnarola superiore, più stretta e più alta… Donna Patrizia sta quasi per scivolare, su una piccola striscia di bagnato, e le cade il pezzo di babbà con la ciliegina giù alla strada…  Passa un cane spelacchiato e se lo mangia, leccandosi il marciapiede… Donna Titina posa subito il secchio rosa a terra, si avvicina a donna Patrizia: “Signora bella mia, m’ avito propeto fatto piglià na paura!!!… Aggio visto ‘e cadè ‘o munno… Ve credevo già a musso nderra… no, p’ ‘o babbà nu’ Ve pigliate collera, ce ne sta ancora uno… nu poco ‘e pacienza!, è colpa meja, scusasso assajo...” …. Poi donna Titina guarda pure lei giù, dove c’ è gente: “Buonasera, signora Carmèla! Tengo una visita ‘e eccellenza, oggi, avìte vardè?!?!” … Da giù donna Carmela risponde: “Signora Titina bonasèra! Bona sera, signora Patrizia!!! Comme state?! Cocche vota, avìta venì pure addu me però!!! Ve faccio truvà ‘a brioscia! …‘A vulìte, signora Titina, na cocozza ammuffùta?! Tengo pure doje fronne ‘e carciòffole fresche fresche, mò l’ aggio munnate; mò v’ ‘e porto…” … E donna Titina a donna Carmela: “No, signora Carmela, mò n’ è ‘o caso, grazzie… mò no… astipatammèlle, però… Bonasèeera!” … “Stateve buòno, Signò! Vi aspetto allora pure io, nu juorno ‘e chisti; quanno vulìte Voje, Ve state nu poco cu mico, donna Patrizia! Vabbuò?! Arrivederci!!” … “Arrivederci, donna Carmela, vabbuò, grazzia assai!” … A donna Titina: “Quant’ è brava, chella cristiana!” … e donna Titina a lei: “Si, è propeto brava, brava assaje… chella steva cà sotto apposta, seconno me… Basta, mò Ve faccio vardè nu poco ‘sta supposta, come dic’(e) essa… cioè no, come diceto Vuja…” … Piglia il secchio, alza l’ ombrello…… Il telefonino di donna Patrizia incomincia a squillare…Lei lo guarda: chiama don Cesare Culìsso, il marito…Il telefonino continua a squillare… è Nino D’ Angelo… canta forte, più  forte ancora più forte… SEMPRE PIU’ FORTE….

Io che ripeto ti amo…ti amo…ti amo…ti amo….TII AAAMOOO…e ti riveeedo LONTAANO…LONTAAANO…LONTAAANOOLOOOONTAAAAAAAA….>>>

 

AAAHHH…. Che...che cos’è, che cos’è…. Ààhh, benedetto telefonino…Do…dove sta…. Ah, sta qua, crìbbio!, sotto al cusci….uahhhPrò…Pròto…si, sohhho io…Pro…Pronto…”…SCAAASHHH ….”…mò s’è rotto pure questo qua…hhhh Pro…Pronto chiedo sc…HUuaàhhh… non ho capito niente, scusi… no, non mi disturba ahhh..fffhh…atto, stavo solo dorme..hhhhndo… Le ci…hhh…nque?! Àh, ehhhcco… come, del pomeriggio?!...chiii… àh, sei tu Gino! E q-uhahhhndo lo dici…. HHUuaàhhh… … … Stasera?! No guarda, mi sento come se avessi mangiato non so che, non capisco… qualcosa come tre babbà con la crema e quattro sfogliate, due ricce e due frolle… ‘sto pieno di anisetta e caffè….ma quale ‘mbriaco….ma quale pizza e pizza!!!… stasera proprio no, non è serata… èh, si, dormo, io; sì, dormo… il cervello già non colobra di suo, figurati se non si riposa un po…hhh…co….  vahhh…bbuòhh…ma figurati…ciao…Ciààà...hhhh… ‘Stu scassasasiccio!!! Dormivo così be..hhhhh…ne…che cavolo… ma che cavolo, dico io! …. SCAAASHHH… ‘fanculo al telefonino….. che scassasasiccio… che cahh...vvv...

VVV…VVV…….Ààà……VVVVVV…..Ààà……VVVVVVVVV……….ÀààÀàà……………………… VVVVVVVVV……….ÀààÀàà………………………RRR…………….DEEEE………….FFIUUUHHH  FFFAAAA………….CCCCCCC……HHHùùù….…FFAAAA………….CCCCCCC…HHHHùùùù….

FFIUUUHHH……….……….PPP…..EEEE…..…RRRR..…………FFFUUUU…T’T’……… HHUUU……FFFUUU…T’T’…HHUUU...FFFUUUTTTSSSSS…FFFAAAA….CCC……HHUUU   ……….RRRRR…..RRRROOONNN…RRROOONNN…RRROOONNN….RRRRR……………….”

 

  Quarto Flegreo, 05/06/2012                             fabio.06.casamassima@gmail.com

 

 

Condividi