CRONACHE DAL CASTAGNARO (3)

IL DELIRIO DA GENERALISSIMO DEL GENERALE VARDÈ

 

Ah, che mattinata radiosa! … Eh sì, è tempo di pensare ai fiori e al trattore, anche per quel mio laboratorio…”, mi sono detto appena sveglio, uscito fuori, quasi inciampando sui gatti…Dopo il solito generoso salvavita fumante appena macchiato e un po’ di attività, apro  la posta e pregustando il piacere della lettura trovo subito un tam-tam di Pasquino: ormai non esito a considerarlo il Vate di Quarto, ma stavolta lui supera se stesso: “Domani, la primavera farà ufficialmente la sua comparsa. A Quarto Flegreo, si potrà apprezzare quel piacevole e familiare odore di erba e plutonio che arriva da Via Marmolito, l'inconfondibile profumo del cobalto e del materiale da radiologia che arriva da Via Spinelli, l'effluvio meraviglioso, di solventi chimici e pneumatici bruciati che si rilascia in Via Pendine. La primavera è un momento magico in Quarto Flegreo. I toponi giganti si trasferiscono da Via Consolare Campana all'area mercatale, più fresca e ricca di cibo. La monnezza indifferenziata, complice l'aumento della temperatura media, inizia a rilasciare quei noti profumi e quelle fragranze che ormai sono note a chiunque passeggi per il paese. Le aiuole incolte e spelacchiate cominceranno a diventare rigogliose, grazie alla nota mancanza di cura e gestione, le zecche faranno la loro comparsa e salteranno addosso a cani e pedoni, ricordando a tutti noi che la primavera è finalmente giunta! La frutta radioattiva comparirà sulle piante dei terreni di Via Russolillo, di Via Masullo e di posti similari...frutta che brilla di luce propria, visibile di notte. Ah, che meraviglia la primavera a Quarto Flegreo!  www.quartomondo.forumattivo.com “ ... “Liriche, quartesi farneticazioni”, mi dico…Ma… perché erano accese le luci della recinzione e sulle porte, se ho regolato la centralina proprio l’ altro gio….Aiuto, mi luccica il cuore!….no no, è il telefonino, uff… debbo restare calmo, non farmi suggestionare da quel contastorie, hahahh….Intanto però c’è poco o niente da ridere: per le 12.00 è convocata la conferenza stampa del Comitato, nella cava, per comunicazioni della massima importanza…….Quattro gatti, stavolta: ma tra questi, oltre ad una decina di giornalisti (Quarto Canale web; Web Tv Sanpietroepaolo; Pozzuoli Dice; Il Mattino; Quarto, Pozzuoli e Bacoli MdP Magazines, ecc.), anche politici di calibro superpaesano, un parlamentare, padre Alex Zanotelli…e qualche Cavaliere del Castagnaro…Scambio due parole con Enzo Montanero, che vende materiale elettronico, da cui apprendo che quella canzone tremenda, diventata ormai l’ inno del Castagnaro, l’ ha fatta lui, cantautore di ispirazione cristiana: http://www.youtube.com/watch?v=XXeqd5GrcuU  e, adesso che lo so, mi sembra che mi piace molto di più…No, né lui, né Francesco, né Giorgio sanno chi sia Pasquino, né se sia lì: “Tutti vorrebbero scoprirlo, da anni”, è il solito ritornello….Mah, dev’ essere il segreto di Pulcinella, mi convinco… Intanto si susseguono al microfono l’ avv. Luigi Rossi, Emilio Lupo e Alex Zanotelli, ed è difficile restare concentrato su quel tipo che se ne sta per i fatti suoi, un apparecchio forse registratore infilato discretamente in un  orecchio… Il celebre comboniano porge intanto al Gran Cavaliere Rossi un simbolico ramoscello di mandorlo in fiore, dopo aver amplificato il messaggio di solidarietà pervenuto da Sandro Canton (missionario, attualmente in Centro Africa), esaltato la compattezza esemplare dimostrata dalla città di Quarto, invitato le autorità provinciali, regionali e statali alla moderazione e al dialogo e ribadito che il piano rifiuti campano “grida vendetta al cospetto di Dio”. Emilio Lupo (“Magistratura democratica”) in sostanza esorta la cittadinanza a proseguire sulla faticosa via della mobilitazione perseverante, flegrea ma pacifica e dialogante, sottolineando la forza dimostrata dai quartesi durante la loro giornata di “Lutto cittadino”. Tuttavia l’ intervento più vibrato e ficcante mi pare quello del barbuto on. Francesco Barbato (IDV) che,  stigmatizzando e insistendo sui ben noti “magna-magna” legati alla gestione di cose pubbliche anche nazionali e del ciclo rifiuti regionale (“ripetuta aiutat”, diceva una persona di mia conoscenza), si produce in una sobria illustrazione delle pervicaci conseguenze negative della inapplicazione di un piano rifiuti virtuoso, per poi concludere, simpatico, ruspante, veemente capellone baffuto di provincia ormai sudaticcio e dal gessato blu spiegazzato - con cui dovrà subito tornare mi pare a Roma, malgrado ne sia appena giunto, previo mattutino intervento parlamentare – che continuerà con forza ad essere solidale con popolazioni flegree e a farsi sentire anche Lì, tra i suoi onorevoli colleghi. Poi vi sono stati altri interventi; ma quello fondamentale, come quasi sempre, è stato quello (iniziale) del Cavaliere del Castagnaro per eccellenza: quell’ Avvocato delle Giuste Cause Vinte, senza paura e senza stanchezza, sempre conciso, chiaro, efficace, appassionato, preciso, fiducioso e paziente, capace finora di mettere con le spalle al muro delle proprie responsabilità i suoi altolocati interlocutori locali, senza tuttavia produrre mai lacerazioni insanabili…A lui, naturalmente, l’ onere, il privilegio e il dolore di illustrare a grandi linee il progetto di discarica nel Castagnaro, ormai ufficiale,  da lui e da altri preso sommariamente in visione alla S.A.P.Na quel giovedì 15 c.m. - quando per notificarglielo e illustrarglielo sinteticamente si era materializzato  in carne ed ossa nientemeno che l’ ing. Perillo in persona, presunto pirifuscolo vagante … Del progetto sono disponibili per ora poche immagini (foto), perché quel gran pacco, naturalmente, non è ancora integralmente disponibile (eh!, i regolamenti e i tempi amministrativi….) e comunque non vi era acclusa quella ormai famosa relazione dell’ ingegnere capo, contenente suo parere ambientale negativo. Si vede che sta ancora sospesa nell’ Area, nell’ aria…o nell’ aia dello STIR….  

Ma da un esame dei grafici purtroppo non si può non concordare con Luigi Rossi: queste scarne, parziali e sommarie estrazioni sono già più che sufficienti per interpretare il fantomatico progetto di ricomposizione ambientale per quello che è, a tutti gli effetti. Si tratta nient’ altro che di un piano di sversamento e accumulo in quantità massive della FUT (=Frazione Umida Tritovagliata) prodotta negli STIR (Impianti, ex CDR, di Selezione-Tritovagliatura-Imballaggio-Rifiuti) da cui, fino ad oggi, FOS (=Frazione Organica Stabilizzata) non ne è ancora uscita….La FOS è detta anche “Compost fuori specifica” con CER 19.05.03, ovvero “compost da immondizia”….. La FUT attualmente va (andrebbe) un po’ in discarica (e forse ad Acerra), il resto fuori Regione; ben presto dovrebbe andare invece, per la maggior parte, nella discarica del Castagnaro e in altre sei, da realizzare ad hoc nella provincia di Napoli…Si, adesso è tutto chiaro realmente: il resto della documentazione saranno meri dettagli burocratici, più che tecnici…veri e propri pirifuscoli neri di inchiostro su pirifuscoli bianchi di carta, insomma…Quello che invece si staglia da subito ben definito all’ orizzonte è il preventivo dei costi, per ora valutati in cinquanta milioni di euro….Una gran torta, non c’è dubbio….Che abboffata, in vista!!!

Insomma il commissario Annunziato Vardé persiste ed oramai sembra definitivamente succube delle sue stesse deliranti farneticazioni …vaneggiamenti furiosi autentici…però da Generale di Somma Pasticceria, di gran classe, di altissima scuola, non c’è dubbio…Lo chef di Mitridate dovevi fare, VardéO… ne sei la reincarnazione?! Che?!, i napoletani allora li vuoi proprio mitidrati…no….mitidri…no, nemmeno…mitritri…basta! Lo vuoi per forza far scantonare Tu a un Bravo Cristiano,, eh?!....mi-tri-da-ti-zza-re CAVOLO! (Ti sei salvato in extremis, stavolta!), in vista di tutte quelle altre, più attese realizzazioni impiantistiche del piano regionale rifiuti urbani e del piano regionale sui rifiuti speciali, a seguire?!

Ma io sento che il territorio deve calare ancora tutti i suoi assi dalla manica e confido nel piccolo Davide, contro Golia…E poi non sono del tutto certo che qualcosa non stia silenziosamente agendo in petto a quel Generale Pasticciere, da quella notte: una specie di persuasiva forza divina, o forse un superstizioso voler fare gli scongiuri per il futuro, da parte di quel meridionalissimo …...grandissimo….Generalissimo!...Staremo a vedere.

Per ora dunque solo pessime notizie: nulla di nuovo, nulla di buono, nulla di inebriante, in questa incipiente, aggressiva, corrosiva primavera flegrea…Mettici pure che non si riesce nemmeno ad individuare quel pericoloso terrorista, Pasquino Di Quarto….ahahhahh…. Bèh, vuol dire che uno di questi giorni mi rivolgerò all’ unico che certamente sa tutto: Pulcinella….

Domani pomeriggio intanto nuova assemblea pubblica, in Corso Europa…

 

Quarto Flegreo, 20/03/2012                                                 fabio.casamassima@fastwebnet.it

                                                                                                                          (agronomo)

 

 

 

Condividi