“Per non dimenticare” recital del maestro Lino Cavallaro al Piccolo Teatro Massimo Troisi

 

Servizio di Francesco Cafagna

 

- Napoli - Data unica al Piccolo Teatro Massimo Troisi dove e' stata messa in scena “Per non dimenticare” recital del maestro Lino Cavallaro accompagnato dal maestro Enzo D'onofrio. Lo spettacolo e' suddiviso in tre momenti diversi segnati dal cambio di giacca del maestro ; gia' dal titolo e' presente il ricordo di un tempo che ha accompagnato i desideri di una generazione che nel cuore aveva la speranza ,l'amore e voglia di vivere una vita semplice alla ricerca di un candido incontro coronato dalle stelle e dallo sguardo dolce della luna. Piccoli frammenti di gioia, mosaico che inumidisce gli occhi degli spettatori ritornati in un passato mai dimenticato.Come in un fermoimmagine di una cartolina d'epoca il maestro Cavallaro ha fermato il tempo ha dilatato i confini del cuore tuffandosi in un caledoscopico gioco di voci ed emozioni , canzoni che insegnano ad amare ,a sognare che sembrano relegate in un lontano passato ed invece sempre attuali come monito a ritrovare quei sentimenti idilliaci, romantici che hanno fatto nascere famiglie,popoli e nei giovani la forza della speranza.

Dalle canzoni internazionali alle canzoni napoletane ,che in un periodo difficile della storia italiana si sono imposte nei famosi nights, locali decaduti,dove l'artista si esibiva e ,tra un bicchiere e una sigaretta , gli avventori ascoltavano sognando e coccolandosi sulle note che vibravano leggere ed eleganti. Lo spettacolo e' da vedere ma sopratutto da sentire canzoni , pietre di una collana di ricordi  che lasciano spazio ad una domanda”Si puo' dimenticare?” ; un volto , una carezza , una lacrima ,una delusione ma e' anche ritorno alla classicita' ad avere una catarsi interiore di trasformazione delle angosce che ci attanagliano in desideri e speranze per dare un nuovo modo di essere alla nostra societa', tutto questo semplicemente attraverso la voce potente e penetrante dell'artista. 

 

9 Dicembre 2011

 

 

  

 

 

Condividi